Kepler-186

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kepler-186
Kepler-186
Cygnus IAU.svg
ClassificazioneNana rossa
Classe spettraleM1V
Distanza dal Sole579±al[1]
CostellazioneCigno
Coordinate
Ascensione retta19h 54m 36,651s
Declinazione+43° 57′ 18,0″
Dati fisici
Raggio medio0,54[1] R
Massa
0,54[2] M
Luminosità
0,04 L
Metallicità52% rispetto al Sole[3]
Dati osservativi
Magnitudine app.14,625

Coordinate: Carta celeste 19h 54m 36.651s, +43° 57′ 18″

Kepler-186 è una nana rossa di tipo spettrale M1 di sequenza principale, situata a circa 580 anni luce dalla Terra, nella costellazione del Cigno. La stella è leggermente più fredda rispetto al Sole, con all'incirca metà della sua metallicità.

Sistema planetario[modifica | modifica wikitesto]

Al 2014, sono noti 5 pianeti che orbitano intorno a Kepler-186, incluso il primo pianeta delle dimensioni della Terra che si trova nella zona abitabile, denominato Kepler-186 f.[4] La stella ospita altri quattro pianeti: Kepler-186 b, c, d, che a differenza di Kepler-186 f, sono troppo vicini e troppo caldi per poter avere dell'acqua liquida in superficie, e sono probabilmente in rotazione sincrona, volgendo sempre lo stesso emisfero verso la stella madre. Il pianeta f invece, a differenza degli altri quattro, data la sua maggiore distanza dalla stella madre probabilmente non subisce effetti gravitazionali così intensi da fargli rallentare in modo così accentuato la sua rotazione su se stesso, evitandogli così per ora di entrare in rotazione sincrona.[5]

Simulazioni sulla formazione di pianeti hanno evidenziato come probabilmente potrebbe esserci un altro pianeta addizionale di piccola massa tra Kepler-186 e e Kepler-186 f. Se esistesse veramente, questo pianeta non potrebbe essere troppo massiccio rispetto alla Terra, perché ciò comporterebbe un'eccessiva instabilità della sua orbita.[6] Calcoli effettuati utilizzando la legge di Titius-Bode e la legge di Dermott porterebbero a ipotizzare la presenza di altri pianeti nel sistema, due piccoli tra e e f e uno più grande all'esterno di f.[7]

PianetaMassaRaggioPeriodo orb.Sem. maggioreEccentricità
Kepler-186 b-1,07 R3,88679070,0343<0,24
Kepler-186 c-1,25 R7,2673020,0451<0,24
Kepler-186 d-1,40 R13,3429960,0781<0,25
Kepler-186 e-1,27 R22,4077040,11<0,24
Kepler-186 f0,34 - 3,77 M1,11 R129,94590,356<0,34
Kepler-186 System.png
Prospetto delle distanze dei pianeti dalla stella centrale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Travis A. Berger et al., Revised Radii of Kepler Stars and Planets Using Gaia Data Release 2, in The Astrophysical Journal, vol. 866, nº 2, DOI:10.3847/1538-4357/aada83.
  2. ^ Kepler-186 f, exoplanetarchive.ipac.caltech.edu.
  3. ^ Kepler-186 f, Enciclopedia dei pianeti extrasolari.
  4. ^ An Earth-Sized Planet in the Habitable Zone of a Cool Star (PDF), DOI:10.1126/science.1249403.
  5. ^ Staff, Kepler 186f - A Planet in the Habitable Zone (video), su Hangout On-Air, SETI. URL consultato il 18 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2014).
  6. ^ Formation, tidal evolution and habitability of the Kepler-186 system, Emeline Bolmont, Sean N. Raymond, Philip von Paris, Franck Selsis, Franck Hersant, Elisa V. Quintana, Thomas Barclay, (Submitted on 16 Apr 2014)
  7. ^ Timothy Bovaird e Charles H. Lineweaver, Exoplanet Predictions Based on the Generalised Titius-Bode Relation (PDF), in Astrophysics; Earth and Planetary Astrophysics, arXiv, 1º agosto 2013, pp. 14–15. URL consultato il 18 aprile 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni