Kentarō Miura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Kentarō Miura (三浦 建太郎 Miura Kentarō?; Chiba, 11 luglio 1966[1]6 maggio 2021[2]) è stato un fumettista giapponese.

Tra i mangaka più influenti e noti a livello internazionale, è ricordato soprattutto per il celebre manga seinen Berserk[3], uno dei manga di maggior successo al mondo con oltre 50 milioni di copie vendute al 2021. Nel 2002 ricevette il prestigioso Premio culturale Osamu Tezuka.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1976, a soli 10 anni, Miura realizzò il suo primo manga, intitolato Miuranger, che fu stampato per i suoi compagni di classe con la scuola; il manga finì con 40 tankōbon. Nel 1977, Miura creò il suo secondo manga di nome Ken e no michi (剣への道? lett. "La via della spada"), usando per la prima volta inchiostro di china. Quando nel 1979 entrò alle scuole medie, il disegno di Miura maturò molto non appena iniziò ad usare tecniche professionali. Il suo primo dōjinshi fu pubblicato, con l'aiuto di amici, su una rivista nel 1982.

In quello stesso anno, Miura si creò un curriculum artistico alle scuole superiori, dove lui e i suoi compagni di classe iniziarono a pubblicare i propri lavori sui libretti della scuola, in modo da veder il suo primo dōjinshi su una rivista pubblicata da fan. Nel 1985, Miura si cimentò in un esame d'ammissione di un collegio artistico nella Nihon University. Per l'esame sottopose Futatabi e venne subito ammesso. Questo progetto, più tardi, venne rinominato Miglior Nuovo Attore nella rivista Shōnen. Proprio negli stessi anni fu pubblicato su Shonen Noa, un altro manga di Miura. In seguito ad una discussione con uno degli editori, la continuazione del manga venne interrotta.

Nel 1988 Miura ritornò con un manga di 48 pagine di nome Berserk - The Prototype, un'introduzione al mondo fantasy di quello che diverrà in seguito Berserk. Fece vincere a Miura il premio della Comi Manga School. Nel 1989, dopo essersi laureato, Kentaro iniziò un progetto intitolato Il Re Lupo (王狼 Ōrō?), basato su un libro di Yoshiyuki Okamura, scrittore di Ken il guerriero. Venne pubblicato sulla rivista mensile Japanese Animal House nella 5ª e 7ª edizione di quell'anno.

Nel 1990 venne realizzato un seguito di Ōrō intitolato Ōrō den (王狼伝 Ōrō den?, La leggenda del Re Lupo), che fu pubblicato come prologo dell'originale sulla rivista Young Animal. Nello stesso anno, la decima edizione di Animal House riporta il primo volume unico del progetto Berserk; venne distribuito con un successo relativamente limitato. Miura collaborò con Yoshiyuki Okamura per il manga intitolato Japan, che fu pubblicato su Young Animal House dalla prima edizione all'ottava del 1992, e venne distribuita più avanti come tankōbon unico. La fama di Miura crebbe con Berserk, che fu serializzato su Young Animal nel 1992 con la pubblicazione de "L'età dell'oro", e l'enorme successo del suo pezzo forte fece di lui uno dei più prominenti mangaka contemporanei.

Nel 1997 Miura supervisionò la produzione dei 25 episodi dell'anime Berserk, che andò in onda nello stesso anno su TV NIHON[4]. Anche svariati artbook e materiali supplementari di Miura basati su Berserk furono messi a disposizione. Nel 1999 e nel 2004 collaborò ai videogiochi Sword of the Berserk della Dreamcast e Berserk Millennium Falcon Arc: Chapter of the Record of the Holy Demon War, esclusiva giapponese per PlayStation 2.

Da allora, il manga di Berserk è arrivato fino a 41 tankōbon e continuò sino alla morte dell'autore. La serie ha dato inoltre origine a un'intera serie di prodotti, sia ufficiali che amatoriali, tra cui statue, action figure, portachiavi, un gioco di carte collezionabili e tanto altro. L'opera influenzerà profondamente molteplici altri media nel corso dei suoi oltre 30 anni di serializzazione, dai celebri videogiochi Castlevania, Dark Souls e Bloodborne, sino ad altri anime/manga come Demon Slayer e Vagabond, tra i tantissimi[5]. Nel 2002, Kentarō Miura arrivò al secondo posto dell'Osamu Tezuka Culture Award of Excellence con Berserk[6].

Il 22 novembre 2013 appare sul numero 23 della rivista Young Animal un nuovo manga di Kentaro Miura dal titolo Gigantomakhia, composto da 6 episodi di 44 pagine l'uno. Si tratta del primo lavoro originale dopo quasi 20 anni[7].

Nell'agosto 2019, Miura diede inizio alla serializzazione di un nuovo manga sulla rivista Young Animal Zero, dal titolo Duranki. Il manga, chiaramente ispirato al mondo mitologico dell'antica Mesopotamia, per stessa ammissione di Miura, era un esperimento che doveva permettere al maestro di imparare a collaborare maggiormente con i suoi assistenti, al fine di velocizzare i ritmi di realizzazione e interrompere definitivamente la discontinuità che ha caratterizzato la fase della carriera da mangaka che stava attraversando.

Il 20 maggio 2021 Hakusensha comunica che, a causa di una dissecazione aortica acuta, Kentarō Miura è morto all'età di 54 anni il 6 maggio 2021. Il funerale si è svolto in forma privata[2][8][9].

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

L'influenza di Kentarō Miura proviene da diversi media. La serie fantasy Guin Saga di Kaoru Kurimoto fu la sua maggior ispirazione per la sua opera principale Berserk[10]. Il mangaka Gō Nagai fu un altro elemento chiave nello sviluppo dello stile di Miura. Furono influenzanti, anche se in scala minore, anche produzioni cinematografiche occidentali come Excalibur, Conan the Barbarian e Hellraiser, così come i film di Tim Burton e Sam Raimi.[senza fonte]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Berserk Aftermath, su SPECTRUM NEXUS. URL consultato il 20 ottobre 2020.
  2. ^ a b Luca Valtorta, È morto Kentaro Miura, autore del manga 'Berserk', in la Repubblica, 20 maggio 2021. URL consultato il 20 maggio 2021.
  3. ^ Roberto Addari, Kentaro Miura (Berserk) consiglia Keiji di Tetsuo Hara (Ken il Guerriero), su MangaForever, 20 ottobre 2020. URL consultato il 20 ottobre 2020.
  4. ^ (EN) Berserk Kentarou Miura Information, su SPECTRUM NEXUS. URL consultato il 20 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2007).
  5. ^ (EN) Kentaro Miura, the creator of Berserk, has passed away, CNet, 19 maggio 2021. URL consultato il 20 maggio 2021.
  6. ^ (EN) Osamu Tezuka Awards, su RCN. URL consultato il 20 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2005).
  7. ^ Roberto Addari, Kentaro Miura: un’anteprima del nuovo manga Gigantomakhia, in MangaForever, 22 novembre 2013. URL consultato il 20 ottobre 2020.
  8. ^ (EN) Egan Loo, Berserk Manga Creator Kentarou Miura Passes Away at 54, in Anime News Network, 19 maggio 2021. URL consultato il 20 maggio 2021.
  9. ^ Roberto Addari, Kentaro Miura – è morto l’autore di Berserk, in MangaForever, 20 maggio 2021. URL consultato il 20 maggio 2021.
  10. ^ Intervista del 2000 con Yukari Fujimoto

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN117044505 · ISNI (EN0000 0001 1085 602X · Europeana agent/base/152447 · LCCN (ENn2008008440 · GND (DE1047450267 · BNF (FRcb145933945 (data) · BNE (ESXX1650813 (data) · NDL (ENJA00322935 · WorldCat Identities (ENlccn-n2008008440