Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Kazuhiko Nishi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kazuhiko Nishi (西 和彦 Nishi Kazuhiko?) (Kōbe, 10 febbraio 1956) è un informatico e dirigente d'azienda giapponese, famoso per aver creato lo standard per home computer MSX.

Breve biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nishi frequentò l'università Kogakuin dove studiò informatica e l'università Waseda, dove studiò ingegneria meccanica. Ancora studente, lasciò i corsi ed iniziò a pubblicare una rivista di informatica, "I/O".[1] Nel 1977 fondò la società ASCII Publishing Corporation per pubblicare la sua rivista, che nel frattempo aveva assunto il nome di "ASCII". ASCII è stata la prima rivista di informatica giapponese.[2]

Nishi andò quindi negli Stati Uniti d'America a conoscere personalmente Bill Gates, con il quale strinse un accordo per rappresentare la Microsoft in Oriente grazie alla creazione di ASCII Microsoft, di cui Nishi fu vicepresidente dal 1979 al 1980 e poi Direttore e vicepresidente in carica delle nuove tecnologie fino al 1986, quando Microsoft divenne una società con capitale pubblico e fondò la sua propria sede a Shinjuku.[3][4]

Dopo l'uscita da Microsoft, Nishi tornò a dedicarsi a tempo pieno alla sua società, che aveva iniziato anche a sviluppare giochi per le console. Attratto dal mercato dei computer, decise di sviluppare il primo computer completamente giapponese ed iniziò insieme all'amministratore di NEC, Kazuya Watanabe a gettare le basi di quello che in seguito sarebbe divenuto lo standard MSX.

Negli anni novanta ha pubblicato diversi articoli e libri. Nel 1998 ha ceduto la carica di presidente di ASCII Corporation per ricoprire quella di vice fino al 2000. Nel 1999 ha terminato gli studi interrotti ed ha conseguito la laurea in ingegneria elettronica presso l'università di Kogakuin.[5]

Nishi è stato anche presidente dell'MSX Association, un'organizzazione privata costituita da un gruppo di persone legate al mondo MSX.

Dal 2005 è amministratore delegato di ITNY & Partners.[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La storia di Kazuhiko Nishi, Wired.com, novembre 1993. URL consultato il 04/11/10.
  2. ^ Breve biografia di Kazuhiko Nishi, Hypothesis.it. URL consultato il 04/11/10.
  3. ^ Roy A. Allan, A History of the Personal Computer, Allan Publishing, 2001, pp. 31, 65, ISBN 0-9689108-0-7.
  4. ^ Citazione da "The Road Ahead" di Bill Gates, trovata nel libro Ronnie Lessem, Management development through cultural diversity, Routledge, 1998, pp. 160–161, ISBN 0-415-17875-4.
  5. ^ a b Profilo di Kazuhiko Nishi dal suo sito personale. URL consultato il 04/11/10.