Kat Dennings

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kat Dennings alla prima di Thor: The Dark World (2013)

Kat Dennings, nome d'arte di Katherine Litwack[1] (Bryn Mawr, 13 giugno 1986), è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kat Dennings nasce a Bryn Mawr, in Pennsylvania, il 13 giugno del 1986 da una famiglia ebraica[2][3], ultimogenita dei cinque figli di Gerald J. Litwack, un farmacologo e docente universitario, e di Ellen Judith Litwack, una poetessa e logopedista[4][5]. Nel 2002 si trasferisce con la famiglia a Los Angeles, in California.

Inizia a recitare da bambina, comparendo in alcuni spot pubblicitari, in seguito debutta nell'episodio Eterne ragazzine della terza stagione di Sex and the City, continua a lavorare per la televisione comparendo in episodi di diverse serie televisive come Senza traccia, Perfetti ma non troppo e CSI: Scena del crimine. Incomincia la sua carriera di attrice come protagonista di alcuni film Tv americani e diventata popolare con Raising Dad. Nel 2004 ottiene una piccola parte nel film Nata per vincere e ottiene parti minori in Down in the Valley, 40 anni vergine e London.

Avrebbe dovuto interpretare il ruolo di Laynie Hart nella serie tv Everwood, ma per ragioni sconosciute il ruolo fu affidato a Nora Zehetner.[6] Dopo aver recitato in cinque episodi di E.R. - Medici in prima linea, recita al fianco di Anton Yelchin nel film Charlie Bartlett, dove interpreta l'interesse amoroso del protagonista e la figlia del preside, interpretato da Robert Downey Jr..

Nel 2008 recita nella commedia con Anna Faris La coniglietta di casa ed è co-protagonista al fianco di Michael Cera della commedia romantica Nick & Norah - Tutto accadde in una notte. Nel 2010 recita in Thor e viene confermata per il sequel, Thor: The Dark World.[7]

Dal 2011 è co-protagonista con Beth Behrs nella sitcom 2 Broke Girls, scritta e prodotta da Michael Patrick King.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

La Dennings ha tenuto un blog dal gennaio del 2001 fino al 20 febbraio del 2010 sul suo sito web, fino a quando non è passata al video blogging su YouTube.

Ha dichiarato al giornale The Jewish Journal of Greater Los Angeles che l'ebraismo "è una parte importante del mio passato, ma, di fatto, la religione non fa parte della mia vita". L'articolo proseguiva con l'attrice che considera sé stessa molto più etnicamente e culturalmente affine all'Ebraismo, più che a livello religioso.

Nel dicembre del 2008, la Dennings dichiarò al magazine BlackBook, "io non bevo, non fumo e non mi piace avere intorno persone che lo fanno". Nel 2013, il New York Times riportò che la Dennings pratica meditazione trascendentale.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Kat Dennings è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

[8]

  1. ^ Richard Rys, Exit Interview: Kat Dennings, su Philadelphia, 24 settembre 2008. URL consultato il 17 novembre 2014.
  2. ^ Amy Klein, ‘Nick and Norah’ star Kat Dennings is infinitely Jewish, in her own way, in The Jewish Journal of Greater Los Angeles, 29 ottobre 2008. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  3. ^ Michael Elkin, Kid Kat: A local suburban teen plans on 'Raising Dad', in The Jewish Exponent, 19 luglio 2001, ISSN 0021-6437.
  4. ^ Robin Abcairn, Swag!, su Los Angeles Times, 26 agosto 2006. URL consultato il 12 agosto 2008.
  5. ^ Charlie Bartlett – Kat Dennings interview, IndieLondon. URL consultato il 4 ottobre 2008.
  6. ^ (EN) Bio, italian.imdb.com. URL consultato l'8 novembre 2008.
  7. ^ ‘2 Broke Girls' Kat Dennings Back In 'Thor 2' - Deadline.com
  8. ^ (IT) Kat Dennings è la protagonista di Dollface, nuova serie Hulu | Style Sheets, in Style Sheets, 17 novembre 2017. URL consultato il 17 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN36699907 · ISNI: (EN0000 0001 1620 8621 · LCCN: (ENno2007082055 · GND: (DE14372830X · BNF: (FRcb16528546w (data)