Karsten Warholm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Karsten Warholm
2017-BG Warholm 05.jpg
Karsten Warholm nel 2017
Nazionalità Norvegia Norvegia
Altezza 187 cm
Peso 80 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Ostacoli bassi, velocità, prove multiple
Record
100 m 10"52 (2016)
200 m 21"09 (2016)
300 m 32"69 Record nazionale (2018)
400 m 44"87 Record nazionale (2017)
400 m 45"05 Record europeo (indoor - 2019)
400 hs 46"87 Record europeo (2020)
Palmarès
Mondiali 2 0 0
Europei 1 0 0
Europei indoor 1 0 0
Mondiali U18 1 0 0
Europei U23 1 1 0
Europei U20 0 2 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 18 settembre 2020

Karsten Warholm (Ulsteinvik, 28 febbraio 1996) è un ostacolista, velocista e multiplista norvegese, primatista europeo dei 400 metri ostacoli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato decatleta, si cimenta per la prima volta sui 400 m ostacoli nel 2014 con un'unica gara.

2016[modifica | modifica wikitesto]

Decide di partecipare ai campionati europei di Amsterdam sui 400 m ostacoli, dove vince la sua semifinale correndo per la prima volta sotto i 49", finendo tuttavia fuori dal podio in finale. Ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro viene eliminato in semifinale, dopo aver corso un'ottima batteria.

2017[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 giugno a Florø, in Norvegia, corre in 44"87 i 400 m piani, tempo che a oggi è il suo personale, dimostrazione anche di un'ottima base di velocità. La sua stagione sugli ostacoli bassi si apre in casa, nella tappa di Oslo della Diamond League, dove vince stabilendo il suo personale in 48"25. Partecipa ai campionati europei under 23 di Bydgoszcz dove conquista l'oro con il nuovo record dei campionati. Si presenta ai mondiali di Londra da outsider e dopo un ottimo percorso, arriva in finale conquistando la medaglia d'oro chiudendo la gara in 48"35.

2018[modifica | modifica wikitesto]

L'anno si apre con la decisione di accantonare definitivamente le prove multiple per cimentarsi esclusivamente sui 400 m ostacoli, come disciplina principale, e sui 400 m piani. L'esordio sugli ostacoli bassi è al Golden Gala dove arriva secondo stabilendo il suo personale in 47"82 e scendendo di fatto per la prima volta sotto i 48". Partecipa alle tappe della Diamond League di Oslo, Stoccolma, Parigi, Losanna e Londra dove ottiene ottimi risultati, specialmente nella tappa londinese dove conquista il primo posto in 47"65, candidandosi come protagonista ai prossimi europei. Nella rassegna berlinese dei campionati conquista infatti la medaglia d'oro stabilendo il record europeo under 23, nonché suo personale, in 47"64. Chiude la stagione l'8 settembre ad Ostrava, in Coppa continentale, classificandosi al terzo posto. Questa sarà l'ultima gara che perde, iniziando la sua imbattibilità.

2019[modifica | modifica wikitesto]

L'annata si apre a Stoccolma, nella terza tappa della Diamond League, dove vince in 47"85. La stagione prosegue ricca di successi e grandi risultati; vince in sequenza ad Oslo, Londra, l'oro ai campionati norvegesi e Parigi, arrivando a correre in 47"12 nella tappa londinese ed in generale sempre con tempi sotto i 47"50. Il 26 agosto a Zurigo entra nella storia. Il Weltklasse offre l'antipasto della sfida degli imminenti mondiali, mettendo di fronte Warholm e Benjamin per la prima volta. La gara si conclude con uno spalla spalla finale in cui ha la meglio il norvegese, vincendo in 46"92 e "trascinando" anche lo statunitense sotto i 47", diventando cosi gli unici atleti insieme a Kevin Young ed Abderrahman Samba a correre in meno di 47 secondi. Ai mondiali di Doha vince la medaglia d'oro correndo in 47"42, chiudendo qui la sua stagione da imbattuto.

2020[modifica | modifica wikitesto]

Complice la pandemia da COVID-19, la stagione parte in ritardo, oltre a causare il rinvio dei Giochi olimpici di Tokyo al 2021. La Diamond League subisce ritardi nonché modifiche ma ciò non impedisce a Warholm di primeggiare. La sua stagione si apre ad Oslo l'11 giugno, dove corre nell'insolita distanza dei 300 m ostacoli, stabilendo la miglior prestazione mondiale in 33"78. Nella tappa di Monaco, dove vince in 47"10 impressionando per la facilità di corsa. Nella successiva tappa di Stoccolma, senza avversari di rilievo, sfonda nuovamente il muro dei 47", correndo in 46"87, avvicinando di fatto il record mondiale di Kevin Young, ora distante solo 9 centesimi e dando una prova di forza incredibile anche alla luce del fatto di aver corso in ottava corsia e di un crono sporcato a causa dell'abbattimento dell'ultimo ostacolo. Gareggia e vince ad Ostrava e soprattutto a Berlino e nella tappa della Diamond League di Roma dove corre rispettivamente in 47"08 e 47"07, infliggendo notevoli distacchi agli avversari. Il 20 settembre a Bergen, si laurea campione norvegese con il tempo di 48"23.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2013 Mondiali U18 Ucraina Donec'k Octathlon Oro Oro 6 451 p. Miglior prestazione personale
2014 Mondiali U20 Stati Uniti Eugene 4×100 m Batteria 40"62
Decathlon 10º 7 551 p. Miglior prestazione personale
Europei Svizzera Zurigo 400 m piani Batteria 46"73
2015 Europei U20 Svezia Eskilstuna 400 m piani Argento Argento 46"10
Decathlon Argento Argento 7 764 p.
2016 Europei Paesi Bassi Amsterdam 400 m hs 49"82
4×400 m Batteria 3'10"76 Miglior prestazione personale stagionale
Giochi olimpici Brasile Rio de Janeiro 400 m hs Semifinale 48"81
2017 Europei U23 Polonia Bydgoszcz 400 m piani Argento Argento 45"75
400 m hs Oro Oro 48"37 Record dei campionati
Mondiali Regno Unito Londra 400 m hs Oro Oro 48"35
2018 Europei Germania Berlino 400 m piani 46"68
400 m hs Oro Oro 47"64 Miglior prestazione europea under 23 Record nazionale
2019 Europei indoor Regno Unito Glasgow 400 m piani Oro Oro 45"05 Record europeo Record dei campionati
Mondiali Qatar Doha 400 m hs Oro Oro 47"42

Altre competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

2017
2018
2019

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]