Karl-Heinz Lambertz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Karl-Heinz Lambertz
KHL 800 Pressefoto 002.jpg
Karl-Heinz Lambertz nel 2009

Presidente del Comitato europeo delle regioni
Durata mandato 12 luglio 2017 –
12 febbraio 2020
Predecessore Markku Markkula
Successore Apostolos Tzitzikostas

Presidente del Parlamento della Comunità germanofona del Belgio
Durata mandato 21 gennaio 2013 –
25 maggio 2014
Predecessore Alexander Miesen
Successore Alexander Miesen

Senatore della comunità germanofona del Belgio
Durata mandato 19 settembre 2016 –
in carica
Predecessore Alexander Miesen

Ministro presidente della comunità germanofona del Belgio
Durata mandato 6 luglio 1999 –
30 giugno 2014
Predecessore Joseph Maraite
Successore Oliver Paasch

Dati generali
Partito politico Partito Socialista
Titolo di studio Master in Legge
Università Université catholique de Louvain

Karl-Heinz Lambertz (Amel, 4 giugno 1952) è un politico belga, presidente del Parlamento della Comunità germanofona del Belgio dal 2013 al 2014 e ministro presidente della Comunità germanofona del Belgio dal 1999 al 2014. Dal 2016 è membro del Senato belga in rappresentanza della comunità germanofona, mentre nel 2017 è stato eletto presidente del Comitato europeo delle regioni[1] dopo esserne stato per due mandati e mezzo vicepresidente.

Già da giovane ricoprì, poco più che ventenne, la carica di Presidente del Consiglio dei giovani germanofoni (dal 1975 al 1980), diventando poi membro del Parlamento federale del Belgio per la comunità germanofona nel 1981. Dal 2000 è membro del Congresso dei poteri locali e regionali, del quale è poi diventato vicepresidente. Il 26 maggio 2014 il re Filippo del Belgio gli ha conferito tramite regio decreto-legge l'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Belgio)
— 26 maggio 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Stéphane Tassin, Karl-Heinz Lambertz: "Il faut réaliser une Europe plus solidaire", in LaLibre.be, 12 luglio 2017. URL consultato il 10 dicembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN103698042 · ISNI (EN0000 0000 8286 4267 · LCCN (ENno2010146409 · GND (DE140148787 · WorldCat Identities (ENlccn-no2010146409