Karin Park

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Karin Park
Hellfest2019Arabrot 03 (cropped).jpg
Karin Park in concerto all'Hellfest nel 2019
NazionalitàSvezia Svezia
GenerePop
Pop rock
Elettropop
Synth pop
Indie pop
Periodo di attività musicale2002 – in attività
EtichettaUniversal Music Norway, Waterfall Records, State of the Eye Recordings
Album pubblicati6
Studio6
Sito ufficiale

Karin Maria Erika Park (Djura, 6 settembre 1978) è una cantante svedese che vive e opera in Norvegia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi diplomata dal conservatorio a Stoccolma, Karin Park ha vissuto fra Bergen e il Giappone per alcuni anni, prima di stabilirsi in Norvegia e pubblicare nel 2003 il suo album di debutto Superworldunknown. Il disco ha debuttato all'11ª posizione nella classifica norvegese[1] e ha venduto 10 000 copie in poco più di un mese.[2] Ha fruttato alla cantante due candidature ai premi Spellemann, il principale riconoscimento musicale norvegese, per il miglior artista esordiente e per la miglior artista pop femminile.[3] Il suo secondo ingresso in classifica è stato grazie al terzo album del 2009, Ashes to Gold, che ha debuttato al 32º posto in Norvegia.[4]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 2003 – Superworldunknown
  • 2006 – Change Your Mind
  • 2009 – Ashes to Gold
  • 2012 – Highwire Poetry
  • 2015 – Apocalypse Pop
  • 2010 – Church of Imagination

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2018 – Blue Roses

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2003 – Superworldunknown
  • 2003 – Fill It Up
  • 2003 – Lucy's Heart
  • 2006 – Masterpiece
  • 2007 – Can't Stop Now
  • 2009 – Ashes
  • 2009 – Out of the Cage
  • 2011 – Tiger Dream
  • 2012 – Thousand Loaded Guns
  • 2012 – Fryngies
  • 2012 – Restless
  • 2012 – Thousand Loaded Guns
  • 2014 – Shine
  • 2014 – Look What You've Done
  • 2015 – Wear It Like You Deserve It (con i Systraskap)
  • 2015 – Life Is Just a Dream/Human Beings
  • 2015 – Hurricane
  • 2015 – Stick to the Lie
  • 2018 – Blue Roses
  • 2020 – Empire Rising
  • 2020 – Shape of a Child
  • 2020 – Give

Come artista ospite[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010 – Polish Border (Ralph Myerz and the Jack Herren Band feat. Karin Park)
  • 2013 – Everything (Maya Jane Coles feat. Karin Park)
  • 2014 – Tokyo by Night (Axwell Remix) (Hook n Sling feat. Karin Park)
  • 2015 – Line of Fire (Booka Shade feat. Karin Park)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NO) KARIN PARK - SUPERWORLDUNKNOWN (ALBUM), su norwegiancharts.com. URL consultato il 7 agosto 2020.
  2. ^ (EN) Erik Fossen, 150.000 debutalbum fra Bergen, su bt.no, Bergens Tidende. URL consultato il 7 agosto 2020.
  3. ^ (NO) Søk: Karin Park, su spellemann.no, Spellemannprisen. URL consultato il 7 agosto 2020.
  4. ^ (EN) KARIN PARK - ASHES TO GOLD (ALBUM), su norwegiancharts.com. URL consultato il 7 agosto 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN106763618 · ISNI (EN0000 0001 1496 7296 · Europeana agent/base/113710 · LCCN (ENn2010000028 · GND (DE135456983 · WorldCat Identities (ENlccn-n2010000028