Karel Dujardin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Karel Dujardin autoritratto 1662.

Karel Dujardin (Amsterdam, 26 settembre 1622 (o 1626) – Venezia, 20 novembre 1678) è stato un pittore olandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Karel Dujardins, Rappresentazione di commedia dell'arte, 1657 (Louvre)

Dopo un addestramento svolto sotto la guida di Nicolaes Berchem, si trasferì in Italia nel 1642, dove seppur giovanissimo entrò a far parte del gruppo di pittori Bentvueghels in Roma, presso i quali assunse il soprannome di "Barba di Becco" o "Bokkebaart".[1]

Indebitatosi, si sposò con una ricca signora più anziana di lui e dal 1650 al 1674 soggiornò in Francia ed nei Paesi Bassi, mentre invece ritornò a Roma nel 1675 su invito del suo grande amico Joan Renst, che lo invitò in un grande tour attraverso la penisola.[2][3][4]Risiedette a Venezia fino alla morte.[3]

Il Dujardin è noto soprattutto come bambocciante, come pittore di tematiche naturali e animali, ma è stimato per lo più come paesaggista, genere nel quale si ispirò dapprima al Berchem e poi al Paulus Potter.[2]

Fu apprezzato anche come ritrattista di singole persone o di gruppi e svolse l'attività di incisore.[3]

Di un certo spessore i suoi ritratti di argomento religioso, soprattutto quelli riguardanti la vita di san Paolo.[2]

In tutte queste attività emerse come un maestro minore e ancora oggi un buon numero di sue opere è esposto presso il Rijksmuseum di Amsterdam e alla National Gallery londinese.[2]

Opere di Dujardin[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Karel de Jardyn biography in De groote schouburgh der Nederlantsche konstschilders en schilderessen (1718) di Arnold Houbraken, grazie alla Digital library for Dutch literature
  2. ^ a b c d le muse, IV, Novara, De Agostini, 1964, p. 280.
  3. ^ a b c (EN) Karel Dujardin, su britannica.com. URL consultato il 16 luglio 2018.
  4. ^ Dujardin o Du Jardin, Karel, su sapere.it. URL consultato il 16 luglio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (NL) Cornelis de Bie, Het Gulden Cabinet, 1662.
  • (NL) Godefridus Johannes Hoogewerf, De Bentvueghels, L'Aja, 1952.
  • (NL) Arnold Houbraken, Groote Schouwburgh der Nederlantsche konstschilders en schilderessen, 1721.
  • (EN) Roy Bolton, Karel Dujardin: A Horseman Holding a Roemer of Wine with an Ostler Tending the Horses, in The Collectors: Old Master Paintings, Londra, Sphinx Books, 2009.
  • (EN) Jennifer M. Kilian, The Paintings of Karel Du Jardin, 1626-1678, in Catalogue Raisonné, Amsterdam, John Benjamins, 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305405831 · ISNI (EN0000 0000 8083 7951 · LCCN (ENnr99035020 · GND (DE118672657 · BNF (FRcb11962844d (data) · ULAN (EN500000918 · BAV ADV10036247 · CERL cnp00584437