Kallidecthes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Kallidecthes
Stato di conservazione: Fossile
Kallidecthes.jpg
Fossile di Kallidecthes
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Crustacea
Classe Malacostraca
Sottoclasse Hoplocarida
Ordine Aeschronectida
Famiglia Kallidecthidae
Genere Kallidecthes
Specie K. richardsoni

Il callidecte (Kallidecthes richardsoni) è un crostaceo estinto, imparentato alla lontana con l'attuale canocchia (Squilla mantis). I suoi resti fossili sono stati ritrovati esclusivamente nel giacimento di Mazon Creek, in Illinois, databile al Carbonifero medio (Pennsylvaniano, circa 320 milioni di anni fa).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lungo non più di sette centimetri, questo animale era dotato di un carapace dal profilo subtriangolare e liscio; una struttura mobile era presente anteriormente, sulla superficie dorsale. Le appendici toraciche erano costituite da otto paia di zampe, più corte mano a mano che si procedeva posteriormente. Sul capo erano presenti due paia di antenne; la prima antenna era segmentata e divisa in tre diversi flagelli, mentre la seconda portava un singolo flagello. L'addome era diviso in sei segmenti, i primi cinque dei quali dotati di appendici biramate (tipiche degli artropodi acquatici primitivi). La coda (telson) era larga e a forma di paletta, dotata di appendici (uropodi) stretti e allungati all'indietro.

Stile di vita[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente il callidecte era un artropodo che si spostava agevolmente nuotando nelle acque basse; vari adattamenti al nuoto sembrerebbero testimoniare queste abitudini. Non era ancora presente, invece, lo sviluppo del primo paio di zampe nella struttura predatoria costituita da appendici dentate per afferrare la preda; i successivi oplocaridi del Mesozoico saranno dotati di questa struttura.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]