Kaiserpfalz del Sacro Romano Impero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Imperiale di Goslar

Il termine Kaiserpfalz (in italiano "palazzo imperiale") o Königspfalz (in italiano "reggia", dal medio alto tedesco Phal [it] ze, dall'antico alto-tedesco phalanza, dal latino medievale palatia [plurale] per la parola latina "palatium "palazzo"[1]) si riferisce a una serie di castelli e palazzi in tutto il Sacro Romano Impero che servirono come sedi secondarie temporanee di potere per il Sacro Romano Impero nell'alto e basso medioevo. Il termine veniva usato anche più raramente per un vescovo che, in quanto signore del territorio (Landesherr), doveva provvedere al re e al suo entourage vitto e alloggio, un dovere chiamato Gastungspflicht.

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Kaiserpfalz è una parola tedesca che è una combinazione di Kaiser, che significa "imperatore", che deriva a sua volta da "Cesare", e Pfalz, che significa "palazzo", e di per sé deriva dal latino palatium. Allo stesso modo, Königspfalz è una combinazione di König, "re" e Pfalz, che significa "palazzo reale".

Descrizione e scopo[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione del Königspfalz ad Aquisgrana

Come i re in Francia e in Inghilterra, gli imperatori medievali del Sacro Romano Impero non governavano da una capitale, ma dovevano mantenere un contatto personale con i loro vassalli. Questa era la cosiddetta "regalità itinerante"; una sorta di "regno viaggiante" (Reisekönigtum). Poiché il pfalzen fu costruito e usato dal re in qualità di sovrano all'interno del Sacro Romano Impero (rex Romanorum (Römischer König)), il termine storico corretto è Königspfalz o "palazzo reale". Il termine Kaiserpfalz è una denominazione coniata del XIX secolo che trascura il fatto che il re non portava il titolo di imperatore romano (concesso dal Papa) fino a dopo la sua incoronazione imperiale. A differenza di un pfalz, in cui il sovrano itinerante esercitava i suoi doveri sovrani, una proprietà reale o Königshof era solo una proprietà economica di proprietà del re, che veniva usata solo occasionalmente dal re nel suo itinerario.[2]

A differenza della nozione comune di "palazzo", un pfalz non era una residenza permanente ma un luogo in cui l'imperatore rimaneva per un certo periodo, di solito meno di un anno; gli itinerari suggeriscono che il monarca raramente restava nello stesso palazzo per più di qualche settimana. Inoltre questi non erano sempre grandi palazzi: alcuni erano piccoli castelli o rifugi di caccia fortificati, come Bodfeld nell'Harz. Per lo più si trattava di grandi case padronali (Gutshöfe), che offrivano vitto e alloggio per il re e i suoi numerosi servitori, spesso composto da centinaia di persone, oltre a numerosi ospiti e i loro cavalli. In latino, tale maniero reale era noto come villa regia o curtis regia. Si trovavano vicino alla residenza del vescovo, vicino a importanti abbazie, vicino alle città possedute dal re o nella campagna, nel mezzo delle proprietà reali. I Pfalzen venivano generalmente costruiti a intervalli di 30 chilometri, che rappresentavano un giorno di viaggio a cavallo in quel momento.

Un pfalz consisteva in un palas con la sua Sala Grande (o Aula Regia), una cappella imperiale (Pfalzkapelle) e un demanio (Gutshof). Fu qui che re ed imperatori svolgevano l'attività di stato, tenevano le loro sessioni della corte imperiale e celebravano importanti feste della chiesa. Ciascun palazzo era amministrato da un conte palatino, che esercitava i poteri del re al posto di questo. Uno dei più importanti dei conti palatini alla fine avrebbe acquisito il titolo di principe elettore.

Il pfalzen era visitato dai sovrani a seconda della loro funzione. Particolarmente importanti erano quei palazzi in cui i re trascorrevano l'inverno (palazzi invernali o Winterpfalzen), e i "palazzi delle feste" (Festtagspfalzen), essendo la Pasqua la più importante e celebrata nei palazzi pasquali (Osterpfalzen).

I palazzi più grandi si trovavano spesso in città e avevano diritti speciali (ad esempio avevano l'immediatezza imperiale), ma potevano anche essere sedi vescovili o abbazie imperiali.

Nell'era della dinastia Hohenstaufen, i più importanti principi imperiali iniziarono a dimostrare le loro rivendicazioni al potere costruendo la propria pfalzen. Esempi importanti di questi includono il castello Dankwarderode di Enrico il Leone a Brunswick e il Wartburg sopra Eisenach in Turingia. Entrambi gli edifici seguirono il progetto del pfalzen degli Hohenstaufen e avevano anche le stesse dimensioni.

Elenco dei palazzi imperiali del Sacro Romano Impero[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Imperiale a Paderborn

Esempi di palazzi imperiali sopravvissuti si trovano nella città di Goslar e a Düsseldorf-Kaiserswerth.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eintrag Pfalz in Duden online
  2. ^ Michael Gockel, Karolingische Königshöfe am Mittelrhein, Göttingen, Verlag Vandenhoeck & Ruprecht, 1970.
  3. ^ Die Geschichte von Kraisdorf
  4. ^ (DE) Hansmartin Schwarzmaier, Die Reginswindis-Tradition von Lauffen. Königliche Politik und adelige Herrschaft am mittleren Neckar (PDF) [collegamento interrotto], in Zeitschrift für die Geschichte des Oberrheins/N.F., vol. 131, 1983, ISSN 0044-2607 (WC · ACNP). URL consultato il 21 febbraio 2014.
  5. ^ Zeitschrift des Harz-Vereins für Geschichte und Altertumskunde
  6. ^ Ortsteil Stallbaum

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adolf Eggers: Der königliche Grundbesitz im 10. und beginnenden 11. Jahrhundert, H. Böhlaus Nachfolger, 1909
  • Lutz Fenske: Deutsche Königspfalzen: Beiträge zu ihrer historischen und archäologischen Erforschung, Zentren herrschaftlicher Repräsentation im Hochmittelalter: Geschichte Architektur und Zeremoniell, by the Max Planck Institute of History, Vandenhoeck & Ruprecht, 1963, , 9783525365212
  • Paul Grimm: Stand und Aufgaben des archäologischen Pfalzenforschung in den Bezirken Halle und Magdeburg, Akademie-Verlag, 1961
  • Günther Binding: Deutsche Königspfalzen, Von Karl dem Großen bis Friedrich II. (765–1240). Darmstadt, 1996, .
  • Alexander Thon: Barbarossaburg, Kaiserpfalz, Königspfalz oder Casimirschloss? Studien zu Relevanz und Gültigkeit des Begriffes „Pfalz“ im Hochmittelalter anhand des Beispiels (Kaisers-)Lautern. In: Kaiserslauterer Jahrbuch für pfälzische Geschichte und Volkskunde. Kaiserslautern, 1.2001, , pp. 109–144.
  • Alexander Thon: ... ut nostrum regale palatium infra civitatem vel in burgo eorum non hedificent. Studies of relevance and validity to do with the term "Pfalz" for the research of castles of the 12th and 13th centuries in: Burgenbau im 13. Jahrhundert. pub. by the Wartburg-Gesellschaft for the research of castles and palaces along with the Germanic National Museum. Research into castles and palaces. Vol. 7. Deutscher Kunstverlag, Munich, 2002, , pp. 45–72.
  • Gerhard Streich: Burg und Kirche während des deutschen Mittelalters. Untersuchungen zur Sakraltopographie von Pfalzen, Burgen und Herrensitzen, 2 Vols., published by the Constance Working Group for Medieval History, Thorbecke-Verlag, 1984, .

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4073567-9