Kaduna (stato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kaduna
stato federato
Localizzazione
StatoNigeria Nigeria
Amministrazione
CapoluogoKaduna
GovernatorePatrick Ibrahim Yakowa (PDP)
Data di istituzione27 maggio 1967
Territorio
Coordinate
del capoluogo
10°20′N 7°45′E / 10.333333°N 7.75°E10.333333; 7.75 (Kaduna)Coordinate: 10°20′N 7°45′E / 10.333333°N 7.75°E10.333333; 7.75 (Kaduna)
Superficie46 053 km²
Abitanti6 113 503[1] (censimento 2006)
Densità132,75 ab./km²
Local government area23
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
ISO 3166-2NG-KD
SoprannomeLiberal State (stato liberale)
Cartografia
Kaduna – Localizzazione
Sito istituzionale

Il Kaduna è uno Stato della federazione nigeriana; confina a nord con il Katsina, il Zamfara e il Kano, a sud con l'Abuja Federal Capital Territory e il Nassarawa a est con il Plateau e il Bauchi, a ovest con il Niger (stato nigeriano).

La capitale omonima è il maggior centro della regione insieme alla città di Zaria situata nel nord.

L'introduzione della Shari'a[modifica | modifica wikitesto]

Il Kaduna è uno degli Stati in cui l'introduzione della Shari'a è stata più dolorosa: in uno Stato piuttosto frammentato dal punto di vista etnico e religioso ha provocato una grossa spaccatura sociale tra gli Hausa-Fulani (di fede musulmana) e le altre etnie della regione (di religione prevalentemente cristiana). Le tensioni già presenti tra musulmani e cristiani prima dell'introduzione della legge islamica, sono diventate vere e proprie guerre civili. Gli Igbo, gruppo etnico presente in vari stati della Nigeria, di religione cristiana, come in quasi tutta la Nigeria, sono completamente esclusi dal potere e inevitabilmente è scoppiata la rivolta contro gli spavaldi Hausa. Dopo 3 anni di guerre ancora non si è trovato un compromesso e le parti sono lontane dall'accordarsi; gli Hausa continuano a rifiutare l'abolizione della Shari'a.

Attentati[modifica | modifica wikitesto]

Sulla scia degli attentati condotti dal gruppo fondamentalista islamico Boko Haram per cacciare i cristiani dal Nord del Paese, anche lo Stato di Kaduna è stato inevitabilmente coinvolto. L'8 aprile 2012, in occasione della Pasqua, un attentato con esplosivo vicino a una chiesa a Kaduna ha causato almeno venti morti e decine di feriti[2]. Il 17 giugno 2012 tre attentati condotti contro chiese cristiane in occasione della messa domenicali hanno provocato 23 morti e oltre 80 feriti[3].

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Etnie: Hausa-Fulani 60% Igbo 10% Yoruba 10% Kataf 8% Egba 5% Ebira 4% Nupe 3%
  • Religione: musulmani 50% cristiani 45% animisti 5%
  • Altre città: Zaria, Igabi

Suddivisioni[modifica | modifica wikitesto]

Lo stato di Kaduna è suddiviso in ventitré aree a governo locale (local government areas):

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calendario Atlante De Agostini 2012, Novara, De Agostini, 2011.
  2. ^ La Stampa, Strage alla chiesa cristiana. Pasqua di sangue in Nigeria, 8 aprile 2012.
  3. ^ La Stampa, Nigeria, le stragi delle domeniche cristiane Archiviato il 19 giugno 2012 in Internet Archive., 17 giugno 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF: (FRcb123376180 (data)