Kaduna (stato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kaduna
stato federato
Localizzazione
Stato Nigeria Nigeria
Amministrazione
Capoluogo Kaduna
Governatore Patrick Ibrahim Yakowa (PDP)
Data di istituzione 27 maggio 1967
Territorio
Coordinate
del capoluogo
10°20′N 7°45′E / 10.333333°N 7.75°E10.333333; 7.75 (Kaduna)Coordinate: 10°20′N 7°45′E / 10.333333°N 7.75°E10.333333; 7.75 (Kaduna)
Superficie 46 053 km²
Abitanti 6 113 503[1] (censimento 2006)
Densità 132,75 ab./km²
Local government area 23
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
ISO 3166-2 NG-KD
Soprannome Liberal State (stato liberale)
Cartografia
Kaduna – Localizzazione
Sito istituzionale

Il Kaduna è uno Stato della federazione nigeriana; confina a nord con il Katsina, il Zamfara e il Kano, a sud con l'Abuja Federal Capital Territory e il Nassarawa a est con il Plateau e il Bauchi, a ovest con il Niger (stato nigeriano).

La capitale omonima è il maggior centro della regione insieme alla città di Zaria situata nel nord.

L'introduzione della Shari'a[modifica | modifica wikitesto]

Il Kaduna è uno degli Stati in cui l'introduzione della Shari'a è stata più dolorosa: in uno Stato piuttosto frammentato dal punto di vista etnico e religioso ha provocato una grossa spaccatura sociale tra gli Hausa-Fulani (di fede musulmana) e le altre etnie della regione (di religione prevalentemente cristiana). Le tensioni già presenti tra musulmani e cristiani prima dell'introduzione della legge islamica, sono diventate vere e proprie guerre civili. Gli Igbo, gruppo etnico presente in vari stati della Nigeria, di religione cristiana, come in quasi tutta la Nigeria, sono completamente esclusi dal potere e inevitabilmente è scoppiata la rivolta contro gli spavaldi Hausa. Dopo 3 anni di guerre ancora non si è trovato un compromesso e le parti sono lontane dall'accordarsi; gli Hausa continuano a rifiutare l'abolizione della Shari'a.

Attentati[modifica | modifica wikitesto]

Sulla scia degli attentati condotti dal gruppo fondamentalista islamico Boko Haram per cacciare i cristiani dal Nord del Paese, anche lo Stato di Kaduna è stato inevitabilmente coinvolto. L'8 aprile 2012, in occasione della Pasqua, un attentato con esplosivo vicino a una chiesa a Kaduna ha causato almeno venti morti e decine di feriti[2]. Il 17 giugno 2012 tre attentati condotti contro chiese cristiane in occasione della messa domenicali hanno provocato 23 morti e oltre 80 feriti[3].

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Etnie: Hausa-Fulani 60% Igbo 10% Yoruba 10% Kataf 8% Egba 5% Ebira 4% Nupe 3%
  • Religione: musulmani 50% cristiani 45% animisti 5%
  • Altre città: Zaria, Igabi

Suddivisioni[modifica | modifica wikitesto]

Lo stato di Kaduna è suddiviso in ventitré aree a governo locale (local government areas):

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calendario Atlante De Agostini 2012, Novara, De Agostini, 2011.
  2. ^ La Stampa, Strage alla chiesa cristiana. Pasqua di sangue in Nigeria, 8 aprile 2012.
  3. ^ La Stampa, Nigeria, le stragi delle domeniche cristiane, 17 giugno 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità BNF: (FRcb123376180 (data)