Kōkichi Tsuburaya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kōkichi Tsuburaya
Kōkichi Tsuburaya 1964.jpg
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 163 cm
Peso 54 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Mezzofondo, maratona
Record
10 000 m 28'52"6 (1964)
Maratona 2h16'23" (1964)
Carriera
Nazionale
1964 Giappone Giappone
Palmarès
Giochi olimpici 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Kōkichi Tsuburaya, nato Kōkichi Tsumuraya (円谷 幸吉 Tsumuraya Kōkichi?) (Sukagawa, 13 maggio 1940Asaka, 9 gennaio 1968[1]), è stato un maratoneta e mezzofondista giapponese, medaglia di bronzo nella maratona ai Giochi olimpici di Tokyo 1964.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kōkichi Tsuburaya ha ricoperto il ruolo di tenente nella Forza di autodifesa terrestre giapponese.

La gara olimpica[modifica | modifica wikitesto]

Kōkichi Tsuburaya, nella gara di maratona valida per le Olimpiadi disputate a Tokyo nel 1964, giunse terzo al traguardo perché venne superato negli ultimi 100 metri del percorso dall'atleta britannico Basil Heatley.

Il suicidio[modifica | modifica wikitesto]

Poco tempo dopo la sua partecipazione ai Giochi olimpici iniziò a soffrire di lombalgia, una patologia che lo limitava nella corsa. Il 9 gennaio 1968 si suicidò tagliandosi i polsi mentre si trovava nel dormitorio dove alloggiava durante gli allenamenti per poter partecipare ai Giochi olimpici di Città del Messico 1968.[2] Nella sua lettera di addio si trovano i ringraziamenti per il sostegno che gli hanno dato i genitori, i fratelli e gli istruttori e un incitamento a dare il massimo agli altri corridori. Il messaggio si conclude con una nota nella quale l'atleta dice di essere troppo stanco per poter continuare a correre, che si rende conto di causare pena e dolore ai suoi parenti ma che per lui il suicidio è la soluzione migliore e chiede di essere perdonato.[3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1964 Giochi olimpici Giappone Tokyo 10 000 metri 28'59"4
Maratona Bronzo Bronzo 2h16'23"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alcune fonti riportano come data di morte l'8 gennaio 1968; l'atleta si suicidò nella notte fra l'8 e il 9 gennaio.
  2. ^ (EN) Tim Larimer, The Agony of Defeat, su Time.com, 2 ottobre 2000. URL consultato il 13 marzo 2014.
  3. ^ (JA) La lettera di addio di Tsuburaya, su npo-kazokusou.net, 9 gennaio 1968. URL consultato il 30 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40627383 · LCCN (ENn78024615