Kėdainiai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kėdainiai
località
Kėdainiai – Stemma
Kėdainiai – Veduta
Localizzazione
StatoLituania Lituania
ConteaLTU Kauno apskritis flag.svg Kaunas
ComuneKėdainiai
DistrettoNon presente
Territorio
Coordinate55°17′N 23°58′E / 55.283333°N 23.966667°E55.283333; 23.966667 (Kėdainiai)Coordinate: 55°17′N 23°58′E / 55.283333°N 23.966667°E55.283333; 23.966667 (Kėdainiai)
Altitudine39 m s.l.m.
Superficie19 km²
Abitanti22 682 (2020)
Densità1 193,79 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale57001
Fuso orarioUTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Lituania
Kėdainiai
Kėdainiai
Sito istituzionale

Kėdainiai ([kʲeːˈdâːɪnʲɛ]) è una città lituana, situata a 51 km (32 mi) a nord di Kaunas, sulle sponde del fiume Nevėžis. Venne menzionata per la prima volta nel 1372 nelle Cronache di Enrico di Livonia di Ermanno di Wartberge. La sua popolazione era di 22 682 abitanti nel 2020. La parte vecchia della città risale al XVII secolo.[1]

La città è il centro amministrativo del comune distrettuale di Kėdainiai. Il centro geografico della Lituania si trova nel vicino villaggio di Ruoščiai, situato nella seniūnija di Dotnuva.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

La città è conosciuta con vari nomi in altre lingue: Kiejdany in polacco, Keidan (קיידאן) in yiddish,[2] e Kedahnen in tedesco. Kėdainiai inoltre è anche nota con le sue varianti Kidan, Kaidan, Keidany, Keydan, Kiedamjzeÿ ("j" /e/), Kuidany e Kidainiai.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area fu teatro di numerose battaglie durante "Il Diluvio", la guerra del XVII secolo tra la Confederazione polacco-lituana e la Svezia. Nel 1655, un trattato di breve durata con la Svezia, l'Unione di Kėdainiai, fu firmato da due membri della famiglia Radziwiłł nel loro castello di Kėdainiai. Mentre oggi ci sono pochi resti del castello dei Radziwiłł, la cripta della chiesa calvinista (1631) ospita il mausoleo della famiglia, tra cui le tombe di Krzysztof Radziwiłł e suo figlio Janusz.

I protestanti scozzesi arrivarono alla fine del XVI e XVII secolo, incoraggiati dalla conversione di Anna Radziwiłł; la comunità esercitò una notevole influenza nella città e persistette fino alla metà del XIX secolo..[4]

Un'usanza locale invitava tutti i visitatori a portare una pietra da utilizzare nella costruzione della città.[1]

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'operazione Barbarossa, Kėdainiai fu occupata dall'esercito tedesco nell'estate del 1941. Il 28 agosto 1941, l'intera comunità ebraica di Kėdainiai, che viveva lì da 500 anni, venne sterminata dai battaglioni speciali tedeschi, con l'aiuto della popolazione locale lituana. La popolazione ebraica prima dell'Olocausto era di 3000 abitanti.[5]

Periodo sovietico[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Guerra Fredda fu sede della base aerea di Kėdainiai, una grande struttura di trasporto aereo militare sovietico.

Per molti anni, Kėdainiai è stata conosciuta per le sue industrie chimiche e di trasformazione alimentare. L'impianto chimico di Kėdainiai, Lifosa, iniziò a funzionare nel gennaio del 1963. Pubblicizzato come pietra miliare nell'industrializzazione della Lituania, emise quantità significative di acido solforico e fu oggetto di proteste ecologiche negli anni 1980.[6][7]

Lituania indipendente[modifica | modifica wikitesto]

Dopo anni di chiusura, le vecchie imprese sono sono state riaperte e altre ne sono state create nuove, contribuendo al suo status di roccaforte economica.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (LT) Kėdainiai, Samogitian Cultural Association Editorial Board. URL consultato il 2 agosto 2020.
  2. ^ Dov Levin, The Litvaks, Berg Publishers, 2000, p. 48, ISBN 978-1-57181-264-3.
  3. ^ Library of Congress Authority control Name Headings. HEADING: Kėdainiai (Lithuania).
  4. ^ Steve Murdoch, Network North: Scottish kin, commercial and covert association in Northern Europe, 1603-1746, BRILL, 2006, ISBN 978-90-04-14664-8.
  5. ^ Martin Gilbert, The Second World War: A Complete History, Macmillan Publishers, 2004, p. 214, ISBN 978-0-8050-7623-3.
  6. ^ Monica J. Casper, Synthetic planet: chemical politics and the hazards of modern life, Routledge, 2003, ISBN 978-0-415-93355-1.
  7. ^ A. P. J. Mol, David Allan Sonnenfeld, Ecological Modernisation Around the World: Perspectives and Critical Debates, Routledge, 2000, ISBN 978-0-7146-5064-7.
  8. ^ (LT) Comune distrettuale di Kėdainiai, Dipartimento di Statistica al Governo della Repubblica di Lituania. URL consultato il 2 agosto 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN147029820 · LCCN (ENnr96016591 · GND (DE4357606-0 · BNF (FRcb14492375g (data)
Lituania Portale Lituania: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lituania