Kāng Sēnghuì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kāng Sēnghuì (康僧會) in una antica stampa cinese.

Kāng Sēnghuì (康僧會 Wade-Giles: K'ang-seng-hui, giapponese: Kōsōe; ... – 280?) fu un monaco buddhista sogdiano, traduttore di testi dal sanscrito al cinese.

Kāng Sēnghuì (Sēnghuì il Sogdiano), era originario della zona del Tonchino (Giao Chỉ, cin. 交趾 Jiāozhǐ), probabilmente proveniva da Hanoi, ma la sua famiglia, di origine sogdiana, proveniva dall'India dove si era stabilita da alcune generazioni, trasferendosi quindi ad Hanoi dove svolsero l'attività di mercanti per, successivamente, migrare in Cina.

La famiglia di Kāng Sēnghuì giunse a Nanchino nel 247, di lui sappiamo che presto divenne orfano e fu ospitato come novizio (sramanera, cinese: 沙彌 shāmí ) a soli dieci anni in un tempio buddhista locale dove imparò la lingua cinese e incominciò la sua opera di traduzione dei testi buddhisti redatti in lingua sanscrita.

Non rimane molto delle sue opere di traduzione se non degli Avadāna (o Jatāka), novantuno per l'esattezza, tradotti nel 251 e riportati nel 六度集經 (Liùdùjí jīng giapp. Rokudojū kyō, "Sutra sulla Raccolta delle sei perfezioni", conservato al T.D. 152).

Successivamente si trasferì verso il Settentrione giungendo nel Regno Wu (吳) dove, secondo la Biografia di monaci eminenti (cin. Gāosēngzhuàn, 高僧傳, giapp. Kōsō den, T.D. 2059, composto in 14 fascicoli da Huìjiǎo 慧皎, 497-554 nel 519), fu dapprima arrestato per ordine reale ma poi scarcerato dal sovrano che fu convertito al Buddhismo dallo stesso Kāng Sēnghuì.

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie