Kárim Másimov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kárim Másimov
Karim Massimov February 2015.jpg

Presidente del Comitato per la Sicurezza Nazionale del Kazakistan
Durata mandato 8 settembre 2016 –
5 gennaio 2022
Presidente Nursultan Ábishuly Nazarbaev
Qasym-Jomart Toqaev
Predecessore Vladimir Zhumakanov

Primo ministro del Kazakistan
Durata mandato 2 aprile 2014 –
8 settembre 2016
Presidente Nursultan Ábishuly Nazarbaev
Predecessore Serik Akhmetov
Successore Bakhytzhan Sagintayev

Durata mandato 10 gennaio 2007 –
24 settembre 2012
Presidente Nursultan Ábishuly Nazarbaev
Predecessore Daniyal Akhmetov
Successore Serik Akhmetov

Capo dell'ufficio esecutivo del Presidente
Durata mandato 24 settembre 2012 –
2 aprile 2014
Predecessore Aslan Musin
Successore Nurlan Nigmatulin

Ministro dei Trasporti e delle Comunicazioni
Durata mandato 21 settembre 2012 –
2 aprile 2014
Presidente Nursultan Ábishuly Nazarbaev
Capo del governo Kassym-Jomart Tokayev
Predecessore Serik Bürkitbajew
Successore Ablay Myrzakhmetov

Ministro dell'Economia e della Pianificazione del Bilancio
Durata mandato 20 aprile 2006 –
ottobre 2006
Presidente Nursultan Ábishuly Nazarbaev
Capo del governo Daniyal Akhmetov
Predecessore Kairat Kelimbetov
Successore Aslan Musin

Dati generali
Partito politico Nu̇r Otan
Titolo di studio Laurea in economia
Università Università Narxoz
Professione Avvocato

Kärim Qajımkanulı Mäsimov (in kazako: Кәрім Қажымқанұлы Мәсімов?; in russo: Карим Кажимканович Масимов?, traslitterato: Karim Kažimkanovič Masimov; Astana, 15 giugno 1965) è un politico kazako, primo ministro del Kazakistan dal 10 gennaio 2007[1] al 14 settembre 2012[2] e nuovamente dal 2 aprile 2014 all'8 settembre 2016 sotto la presidenza di Nursultan Nazarbayev.[3][4].

Nominato capo dell'intelligence (Comitato per la sicurezza nazionale) del Kazakistan,[5] è stato licenziato il 5 gennaio 2022 dal presidente Kassym-Jomart Tokayev in seguito ai disordini scoppiati nel Paese e arrestato poco dopo con l'accusa di tradimento[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1965[7] da una famiglia musulmana di origini tagike e uigure nella città di Tselinograd (ora Nur-Sultan, Masimov è figlio di Eleanor Ajıbekova e Qajımqan Masimov. Suo padre ha ricoperto varie posizioni manageriali come direttore della Burundai Production Association of Wall Materials, vice capo del Glavtopsnab sotto il Consiglio dei ministri della RSS kazaka, direttore del Massimov Health Center LLP. Inoltre, è stato presidente delle organizzazioni della Camera Nazionale Agro-Industriale del Kazakistan e della Kazakhstan Yoga Association.

Nel 1982, Masimov si è laureato al Collegio Repubblicano di Fisica e Matematica di Alma-Ata. Dal 1985 al 1988, ha studiato presso l'Università dell'Amicizia Popolare della Russia dove ha imparato l'arabo, poi l'Istituto Alma-Ata di Economia Nazionale.

Dal 1988 al 1989, Masimov ha studiato cinese presso l'Istituto di lingua di Pechino, ha insegnato alla Wuhan University School of Law dal 1989 al 1991, e poi alla Columbia University di New York. Nel 1998, si è laureato presso la scuola di specializzazione dell'Accademia statale kazaka di management. Nel 1999, Masimov ha conseguito un dottorato presso l'Università statale di tecnologie e gestione di Mosca intitolata a K.G. Razumovskiy. Nello stesso anno, ha discusso la sua tesi di dottorato sul tema "Problemi della formazione dell'industria della Repubblica del Kazakistan e modi per risolverli (teoria e pratica)".

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

In banca[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1992 al 1995, Masimov ha lavorato presso le strutture commerciali del Kazakistan in Cina e Hong Kong. Dal 1995 al 1997 è stato presidente del consiglio di amministrazione della Almaty Trade and Financial Bank. Mentre ricopriva quell'incrico, Masimov divenne presidente ad interim del consiglio di amministrazione di Turanbank nel 1996. Dal 1997 al 2000 è stato presidente del Consiglio di Amministrazione della Cassa di Risparmio Popolare del Kazakistan.

Ministro dei Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991, Masimov divenne il capo del Dipartimento del Ministero del Lavoro. Il 7 agosto 2000 è stato nominato Ministro dei Trasporti e delle Comunicazioni. Il 27 novembre 2001 è diventato vice primo ministro del Kazakistan. Mssimov ha ricoperto l'incarico fino al giugno 2003, è stato nominato assistente del Presidente del Kazakistan.

Ministro dell'Economia[modifica | modifica wikitesto]

Masimov è diventato nuovamente Vice Primo Ministro il 18 gennaio 2006, ed è stato contemporaneamente Ministro dell'Economia dal 19 aprile al 13 ottobre 2006.

Post-premiership[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato sollevato dal suo incarico di Primo Ministro, Masimov, mentre prestava servizio come Capo dell'Amministrazione Presidenziale, è stato anche Segretario di Stato ad interim del Kazakistan dal 21 gennaio 2014 al 2 aprile 2014.

L'8 settembre 2016, Massimov è diventato il presidente del Comitato per la sicurezza nazionale (NSC).

L'arresto (2022)[modifica | modifica wikitesto]

Masimov è stato licenziato come capo del NSC il 5 gennaio 2022 durante le proteste kazake del 2022 e arrestato il 6 gennaio, secondo l'account ufficiale, o entro l'8 gennaio, quando il suo arresto è stato annunciato pubblicamente. Joanna Lillis, scrivendo su Eurasianet, ha ipotizzato che Masimov fosse sospettato di essere coinvolto in un tentativo di colpo di stato che l'ex consigliere di Nazarbayev Yermukhamet Yertysbayev sosteneva si fosse verificato durante le proteste.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Masimov è sposato e ha tre figli. I suoi interessi includono la lettura di libri, la Muay Thai, lo sci, l'arrampicata su roccia e il golf

Parla fluentemente kazako, russo, inglese, cinese e arabo.[8] Dopo aver studiato in Cina ha lavorato a Hong Kong come rappresentate commerciale del proprio paese. È anche considerato un uomo di fiducia del Cremlino.[9]

Arti marziali[modifica | modifica wikitesto]

Masimov è stato presidente della Federazione di Muaythai amatoriale dell'Asia (FAMA) nel 2010. La FAMA e la Federazione Continentale della Federazione Internazionale dei Dilettanti di Muaythai (IFMA) in Asia è la prima Federazione Continentale dal 1991, sostenendo il lavoro e gli sforzi dell'IFMA. Fu poi nominato e assunse la carica di Vice Presidente dell'IFMA, Presidente della federazione Muaythai in Kazakistan e Vice-Presidente del World Muaythai Council (WMC).

Nel 2012, è stato rieletto all'unanimità per un altro mandato di quattro anni a capo della federazione asiatica, che è riconosciuta dal Consiglio Olimpico dell'Asia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze kazake[modifica | modifica wikitesto]

Ordine d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine d'Onore
— 2004
Ordine di Nazarbaev - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Nazarbaev
— 2010
Ordine del Gattopardo di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Gattopardo di II Classe
— 2016
Medaglia commemorativa per i venti anni dell'indipendenza della Repubblica del Kazakistan - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per i venti anni dell'indipendenza della Repubblica del Kazakistan
— 2011

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Collare dell'Ordine della Federazione (Emirati Arabi Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine della Federazione (Emirati Arabi Uniti)
— 2010
Ordine dell'Amicizia tra i Popoli (Bielorussia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia tra i Popoli (Bielorussia)
— 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kazakhstan appoints new PM, in Reuters, 10 gennaio 2007. URL consultato l'8 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2011).
  2. ^ (EN) Mariya Gordeyeva, Kazakh PM Karim Masimov resigns: presidential press service, in Reuters, 24 settembre 2012. URL consultato il 24 settembre 2012.
  3. ^ (EN) Catherine Putz, To Tweet or Not to Tweet: How Did Kazakhstan's PM Lose His Job?, su The Diplomat. URL consultato il 3 giugno 2019.
  4. ^ (EN) Kazakh PM Demoted After Social-Media Blitz, su RadioFreeEurope/RadioLiberty. URL consultato il 3 giugno 2019.
  5. ^ (EN) Nariman Gizitdinov, Kazakh Premier Shifted to Security Chief as Economy Falters, su Bloomberg.com, 8 settembre 2016. URL consultato l'11 settembre 2020.
  6. ^ (EN) Auyezov Olzhas, Kazakhstan detains former national security chief on suspicion of treason, in Reuters, 8 gennaio 2022. URL consultato l'8 gennaio 2022.
  7. ^ (EN) Kazakhstan moves to name new PM, in United Press International.
  8. ^ (EN) Kazakh Parliament approves new Prime Minister, in RadioFreeEurope/RadioLiberty.
  9. ^ (EN) Kazakstan: Massimov May Signal New Reform Priorities, in Institute for War and Peace Reporting.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro della Repubblica del Kazakistan Successore Emblem of Kazakhstan.svg
Daniyal Akhmetov 10 gennaio 2007 – 24 settembre 2012 Serik Akhmetov I
Serik Akhmetov 2 aprile 2014 - 8 settembre 2016 Bakhytzhan Sagintayev II
Controllo di autoritàVIAF (EN63846477 · ISNI (EN0000 0000 4721 7400 · LCCN (ENnr00020147 · GND (DE1163114162 · J9U (ENHE987007447161805171 · WorldCat Identities (ENlccn-nr00020147