Justin Kruger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Justin Kruger (...) è uno psicologo statunitense, professore presso la Stern School of Business della New York University[1][2].

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Kruger ha conseguito la laurea in psicologia presso la Santa Clara University nel 1993 (trascorrendo il suo ultimo anno alla Durham University, Regno Unito) e ha conseguito il dottorato di ricerca in Psicologia sociale presso la Cornell University nel 1999.[1][2]

Ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Kruger è noto per essere stato coautore di uno studio del 1999[3] con David Dunning .[4] Questo studio ha mostrato che le persone che si sono comportate in modo scarso in determinati compiti, come giudicare l'umorismo, la grammatica e la logica, abbiano anche sovrastimato significativamente quanto fossero bravi in questi compiti.

Da allora questo studio ha dato origine a quello che è noto come effetto Dunning-Kruger, in cui le persone che sono incapaci in determinati compiti pensano erroneamente di essere effettivamente brave.[5]

Lo studio ha anche rilevato che le persone che si sono comportate leggermente al di sopra della media nell'identificare, ad esempio, quanto divertente fosse una data battuta, tendano ad essere le più accurate nel valutare quanto fossero bravi nei compiti assegnati e che coloro che hanno svolto il compito al meglio tendano invece a pensare di averlo eseguito solo leggermente sopra la media.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b stern.nyu.edu, http://www.stern.nyu.edu/faculty/static/cv/cv_jkruger_20110722.pdf. URL consultato il May 3, 2017.
  2. ^ a b pages.stern.nyu.edu, http://pages.stern.nyu.edu/~jkruger/. URL consultato il 3 maggio 2017.
  3. ^ J Kruger e D Dunning, Unskilled and unaware of it: how difficulties in recognizing one's own incompetence lead to inflated self-assessments., in Journal of Personality and Social Psychology, vol. 77, n. 6, December 1999, pp. 1121–34, DOI:10.1037/0022-3514.77.6.1121, PMID 10626367.
  4. ^ Abrahams, Marc, hbr.org, https://hbr.org/2005/12/those-who-cant-dont-know-it.
  5. ^ Lee, Chris, arstechnica.com, https://arstechnica.com/science/2012/05/revisiting-why-incompetents-think-theyre-awesome/.
  6. ^ Stafford, Tom, bbc.com, http://www.bbc.com/future/story/20131125-why-the-stupid-say-theyre-smart.
Controllo di autoritàVIAF (EN68853690 · ISNI (EN0000 0000 4994 2577 · LCCN (ENnr99034832 · WorldCat Identities (ENlccn-nr99034832