Just Dance

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo videogioco, vedi Just Dance (videogioco).
Just Dance
LadyGagaJustDanceVideo.jpg
Screenshot tratto dal videoclip del brano
ArtistaLady Gaga
FeaturingColby O'Donis
Tipo albumSingolo
Pubblicazione8 aprile 2008
Durata4:02
Album di provenienzaThe Fame
GenereSynth pop[1]
Elettropop[1]
Dance pop[1]
EtichettaInterscope Records
ProduttoreRedOne
Registrazione2008 Record Plant, Hollywood (CA)
FormatiCD, musica digitale, vinile
Certificazioni
Dischi d'oroBelgio Belgio
(vendite: 15 000+)
Germania Germania[2]
(vendite: 150 000+)
Giappone Giappone[3]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (3)[4]
(vendite: 210 000+)
Canada Canada (6)[5]
(Vendite: 480 000+)
Danimarca Danimarca
(vendite: 30 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[6]
(vendite: 15 000+)
Norvegia Norvegia (2)[7]
(vendite: 20 000+)
Regno Unito Regno Unito[8]
(vendite: 935 000+)
Spagna Spagna[9]
(vendite: 40 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (8)[10]
(vendite: 8 000 000+)
Svezia Svezia[11]
(vendite: 20 000+)
Svizzera Svizzera (2)[12]
(Vendite: 60 000+)
Lady Gaga - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
(2008)
Logo
Logo del disco Just Dance

Just Dance è il singolo di debutto della cantautrice statunitense Lady Gaga, estratto dal suo primo album The Fame, di cui ha anticipato l'uscita. Il brano è stato scritto dalla stessa Gaga, insieme a Akon e RedOne, e prodotto da quest'ultimo. Pubblicato nel 2008, vede la partecipazione di Colby O'Donis e di Akon nei vocalizzi.

Il singolo ha riscosso un ottimo successo nelle classifiche mondiali, imponendosi alla numero uno in Australia, Canada, Irlanda, Regno Unito e Stati Uniti. In quest'ultimo Paese, Just Dance è stata una hit che ha totalizzato quasi cinque mesi di permanenza nella Billboard Hot 100, per poi approdare alla vetta della classifica nel gennaio 2009. Ad agosto del 2009, con più di 4,4 milioni di copie, diventa il secondo singolo più venduto di sempre negli Stati Uniti [13] e il quarto singolo più venduto del mondo con 7,7 milioni di copie.[14] Al 2015, le stime di vendita si attestano intorno alle 10 milioni di copie vendute mondialmente.[15]

Nel 2009 è stato nominato ai Grammy Awards nella categoria miglior registrazione dance.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Just Dance è una canzone dance pop, elettropop e synth pop mescolata ad influssi R&B. Secondo i dati pubblicati dal sito Musicnotes.com, il brano è composto con un ritmo moderato di 124 battiti per minuto, in chiave Do# minore. Gaga ha scritto Just Dance in soli dieci minuti[16] durante il gennaio 2008 e secondo lei è stato "un lavoro duro e a cui molti non hanno creduto subito".

Il brano è stato tato inoltre utilizzato nella colonna sonora del film del 2008 Ballare per un sogno.

Video[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicato a maggio del 2008, il video realizzato per Just Dance è stato diretto da Melina Matsoukas e prodotto da Kim Dellara e rievoca l'atmosfera da party che viene descritta nel brano. È stato girato il 31 marzo 2008 a Los Angeles. Per le riprese è stata affittata una casa a Los Angeles.

All'inizio della clip, una ragazza bruna con capelli a caschetto posiziona uno stereo su un davanzale e preme il tasto di accensione: parte l'intro musicato di Just Dance. La scena si sposta sulla strada, dove Lady Gaga arriva all'interno di una limousine tenendo le gambe fuori dal finestrino. La cantante, accompagnata da due donne, si fa strada sul viale che conduce alla casa scavalcando le persone distese a terra ed entra nell'abitazione. Si toglie la giacca ed inizia a cantare. Si susseguono quindi scene dei ragazzi invitati alla festa nella casa che si divertono ed altre di Lady Gaga che balla con una palla da discoteca tra le mani o distesa in una piccola piscina mentre cavalca un'orca gonfiabile.[17] Tra gli invitati alla festa figurano Space Cowboy, Akon, i Flipsyde e Chantelle Paige in un cameo.

In un'intervista, Lady Gaga ha commentato le riprese del video dicendo: «Oh, è stato così divertente ed eccitante. Per me era come stare sul set di un film di Martin Scorsese. Sono stata così sottavalutata per così tanto tempo, e realizzare questo magnifico video è stato davvero esaltante. È stato davvero divertente, ma lo vedrai - se mai un giorno dovessi venire ad assistere alle riprese di un mio video - sono molto riservata su quelle cose, sinceramente non ne parlo con tutti. Io non sono come la ragazza del party che gironzola continuamente. Potrei sembrare anche un po' una diva.»

Il video ha ottenuto la certificazione Vevo, avendo superato le 100 milioni di visualizzazioni.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il brano ha riscontrato nel complesso ottime critiche ed è stato esaltato per la natura da inno per discoteca e il synthpop associato. Matthew Chisling di allMusic ha definito la canzone «galattica» e l'ha paragonata ad un'altra traccia dell'album, Money Honey.[18] Alex Petridis del The Guardian l'ha descritta come «un racconto piacevolmente compulsivo di un'avanzata perdita di conoscenza provocata da farmaci, con una combinazione di battiti incalzanti, taglienti sonorità elettro e il sapore delicato R&B che ha una vaga somiglianza con Maneater di Nelly Furtado[19] Ben Norman di About.com ha scritto che il brano «introduce l'album come una valchiria che ordina la carica [...] e cavalca vittoriosa di fronte al suo esercito. Se non conoscete la canzone, servitevi del browser. Non perderò tempo nel chiarire a cosa assomiglia.» Inoltre, ha definito la canzone non innovativa e l'ha paragonata alle produzioni di Rihanna, Chris Brown e Pussycat Dolls.[20] Bill Lamb della stessa rivista l'ha definita docile ma sufficientemente orecchiabile per rendere Lady Gaga nota al grande pubblico. Ha ancora aggiunto che Just Dance ha una forte energia, sottolineata dalla voce sorprendente della cantante, sebbene nel complesso equivalga ad un brano dance pop piuttosto insipido. La recensione è stata altrettanto favorevole verso la collaborazione di Colby O'Donis.[21] Evan Sawdey di PopMatters.com ha descritto Just Dance come un singolo intensamente accattivante ed un ottimo indicatore dell'intero contenuto dell'album.[22]

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Lady Gaga si esibisce con Just Dance durante il Monster Ball Tour del 2010 (sinistra), e l'ArtRave: The Artpop Ball del 2014 (destra).

Negli Stati Uniti, Just Dance è stata una hit da discoteca subito dopo il suo lancio, piazzandosi alla numero due sia nella classifica Hot Dance Airplay sia nella Hot Dance Club Play durante l'estate del 2008.[23][24] Il brano ha esordito nella Billboard Hot 100 alla numero settantasei nella settimana del 16 agosto 2008. È salito alla numero due nella Hot 100 il 10 gennaio 2009, dopo aver venduto 419 000 downloads.[25] Nello stesso numero di Billboard, il brano si è sollevato alla numero uno nella Pop 100.[26] La settimana dopo, il brano è arrivato alla numero uno nella Hot 100. Il singolo ha totalizzato ventidue settimane prima di ascendere al primo posto, divenendo il secondo singolo che è salito in più tempo alla numero uno dopo With Arms Wide Open dei Creed che è stato ventisette settimane in classifica prima di arrivare alla numero uno nel novembre 2009.[27] Il brano è stato 49 settimane nella Hot 100 e nell'ultima settimana del 2008 il singolo riuscì ad avere la migliore settimana dell'anno e la terza di sempre in termini di vendite digitali con 419.000 copie.[28][29] A maggio 2015, Just Dance è stato coronato otto volte disco di platino dalla Recording Industry Association of America per aver venduto otto milioni di copie con lo streaming, mentre le vendite digitali ammontano negli Stati Uniti a 7,2 milioni di copie.[30]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

US Remixes CD & LP Vinyl
  1. Just Dance
  2. Just Dance (HCCR's Bambossa Main Mix)
  3. Just Dance (Richard Vission Remix)
  4. Just Dance (Trevor Simpson Remix)
US Promo Remixes CD
  1. Just Dance
  2. Just Dance (Instrumental)
  3. Just Dance (A Capella)
  4. Just Dance (HCCR's Bambossa Main Mix)
  5. Just Dance (Richard Vission Remix)
  6. Just Dance (Trevor Simpson Remix)
  7. Just Dance (Justin Romanes Edit)
  8. Just Dance (HCCR's Bambossa Radio Edit)
  9. Just Dance (Trevor Simpson Edit)
  10. Just Dance (HCCR's Bambossa Dub)
German Maxi CD Single
  1. Just Dance
  2. Just Dance (HCCR's Bambossa Main Mix)
  3. Just Dance (Instrumental)
  4. Just Dance (Video)
French CD single
  1. Just Dance
  2. Just Dance (Glam As You Radio Mix)
  3. Just Dance (Glam As You Club Mix)
US Remixes Part,2 iTunes EP & US Promo CD
  1. Just Dance (RedOne Remix)
  2. Just Dance (Space Cowboy Remix)
  3. Just Dance (Robots To Mars Mix)
  4. Just Dance (Tony Arzadon Remix)
UK CD single
  1. Just Dance (Main Version)
  2. Just Dance (RedOne Remix)
UK Picture Disc Limited 7' Vinyl
  1. Just Dance (Main Version)
  2. Just Dance (HCCR's Bambossa Main Mix)
UK Promo Remixes CD
  1. Just Dance (Featuring Colby O'Donis) (Original)
  2. Just Dance (Featuring Kardinal Offishal) (RedOne Remix)
  3. Just Dance (Glam As You Mix By Guena LG) (Club Mix)
  4. Just Dance (HCCR'S Bambossa Main Mix)
  5. Just Dance (Trevor Simpson Remix)
  6. Just Dance (Richard Vission Remix)
  7. Just Dance (Tony Arzadon Remix)
  8. Just Dance (HCCR'S Bambossa Dub)
  9. Just Dance (Glam As You Mix By Guena LG)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Compositori - Lady Gaga, RedOne, Akon
  • Produttore - RedOne
  • Strumenti - RedOne
  • Registrazione - RedOne
  • Tecnico Audio - Dave Russell
  • Coro - Lady Gaga, RedOne, Akon, Colby O'Donis
  • Mixaggio - Robert Orton[31]

Esibizioni live[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di luglio, ha eseguito la canzone per la prima volta al concorso di bellezza Miss Universo 2008 in Vietnam[32], poi Lady Gaga ha cantato la canzone in molti spettacoli televisivi negli Stati Uniti: Jimmy Kimmel Live!,[33] The Tonight Show with Jay Leno,[34] So You Think You Can Dance[35] and The Ellen DeGeneres Show.[36] Gaga ha anche fatto il suo debutto sugli schermi televisivi irlandesi con la performance di Just Dance al talk show irlandese Tubridy Tonight nel gennaio 2009.[37] In Australia, si è esibita nello show Sunrise, dove è stata accusata di aver cantato in playback; Gaga ha prontamente smentito tutto, dichiarando: "Ero stanca il giorno dello spettacolo, ma assolutamente, al 100%, lo show è stato tutto dal vivo! Non ho mai cantato in playback, e non lo farò mai, anche nel peggior giorno della mia vita, mai!"[38] Nel Regno Unito, Gaga ha cantato il brano a GoodMorningTV, e durante la sua AOL Live Session.[39] Lady Gaga si è esibita col brano durante lo sketch pubblicitario del Formula 1 Grand Prix weekend, a Montréal ed eseguì inoltre per la prima ed unica volta il brano in versione acustica al pianoforte durante il Marc Jacobs V After Party.

Lady Gaga si esibisce con Just Dance durante il 'Born This Way Ball' del 2012 (sinistra), e il Super Bowl LI del 2017 (destra).

Just Dance fu anche parte del primo tour mondiale della cantante, The Fame Ball Tour, dove veniva cantata prima dell'Encore. Al finire della versione pianistica di Poker Face, Gaga lasciava il palco e cominciava un video interludio dal nome The Face in cui iniziava a parlare l'alter ego di Gaga, Candy Warhol.[40] Gaga tornava poi sul palco indossando un abito con elementi di un tutù e di un peplo, decorato con tulle e con spalline a punta. I ballerini indossavano abiti e pantaloni stampati di Louis Vuitton e Steven Sprouse, abbinati alle scarpe di Gaga.[41] Le luci di sfondo si spegnevano per mostrare Gaga con indosso i suoi occhiali a LED che proiettavano le parole Pop Music Will Never Be Low Brow. A questo punto iniziava un remix della intro di Just Dance e Gaga iniziava a cantare la canzone, mentre si muoveva a ritmo di musica insieme ai suoi ballerini.[42] Il brano, fu aggiunto anche alla scaletta del Monster Ball Tour, sia nella versione originale, che nella versione rivisitata dello show. Nella versione originale, venne scelta come secondo brano della scaletta, subito dopo la intro dello spettacolo Dance in the Dark. Per la performance Gaga suonava una keytar bianca tempestata di piccole pietre e polvere argentata. All'inizio del pezzo, Gaga usciva da un gigantesco cubo bianco, dentro al quale ballavano gli altri ballerini, e si metteva a suonare sopra di esso. Per salire sul cubo veniva sollevata da una piattaforma che non riusciva a contenere gli altri otto ballerini[43][44] Nella rivisitazione del concerto il brano è il terzo della setlist, cantato dopo Dance in The Dark e Glitter and Grease. Gaga, con indosso una tutina viola con piccole macchie nere, occhiali scuri, e stivali abbinati, iniziava la sua esibizione scendendo da una scala e arrivando ad una macchina parcheggiata, scenografia ispirata dal paesaggio urbano di New York.[45] Dopo essere arrivata all'auto, Lady Gaga apriva il cofano, che conteneva una tastiera elettronica, ed iniziava a suonare, per poi finire l'esibizione ballando insieme ai ballerini lungo la passerella posizionata al centro del palco. Nel maggio 2011, Gaga si è esibita col brano durante il Radio 1's Big Weekend a Carlisle.[46] La canzone fa parte anche della scaletta del terzo tour mondiale della cantante, The Born This Way Ball,[47][48] e di quello successivo, ArtRave: The Artpop Ball.[49] La canzone ha fatto anche parte della scaletta della performance all'half-time show del Super Bowl LI ed in seguito del Joanne World Tour.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Anno Premio Categoria Risultato
2009 Grammy Awards Best Dance Recording Candidato
International Dance Music Awards Best Pop Dance Track Vinto
Best Music Video Candidato
Q Awards Best Video Vinto
Teen Choice Awards Choice Music: Hook Up Vinto

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Una cover del brano è stata eseguita dalla band pop punk italiana Vanilla Sky ed è stata inserita nel loro EP Fragile.

Altre cover provengono dai Disco Curtis, dagli Eternal September, dagli IT Boys ft. Jeffree Star, da Jamies Elsewhere e dai Surrender The Dance Floor.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2008) Posizione
Australia[70] 7
Canada[71] 6
Nuova Zelanda[72] 12
Svezia[73] 15
Classifica (2009) Posizione
Australia[74] 70
Austria[75] 38
Belgio (Fiandre)[76] 42
Belgio (Vallonia)[77] 21
Canada[78] 42
Danimarca[79] 17
Paesi Bassi[80] 28
Europa[81] 30
Germania[82] 33
Ungheria[83] 7
Irlanda[84] 4
Spagna[85] 21
Svezia[86] 85
Svizzera[87] 20
Regno Unito[88] 3
U.S. Billboard Hot 100[89] 3
Classifica (2010) Posizione
Regno Unito[90] 186

Classifiche decennali[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche (anni 2000) Posizione
Australia[91] 12
Austria[92] 9
Stati Uniti[93] 35

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Just Dance, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ http://www.musikindustrie.de/gold_platin_datenbank/#topSearch
  3. ^ http://www.riaj.or.jp/data/others/chart/w100322.html
  4. ^ http://www.aria.com.au/pages/httpwww.aria.com.aupageshttpwww.aria.com.aupageshttpwww.aria.com.aupagesARIACharts-Accr.htm
  5. ^ http://www.musiccanada.com/GPSearchResult.aspx?st=just%20dance&ica=False&sa=&sl=&smt=0&sat=-1&ssb=Artist[collegamento interrotto]
  6. ^ http://www.rianz.org.nz/rianz/chart.asp
  7. ^ http://www.ifpi.no/sok/index_trofe.htm IFPI Norsk platebransje
  8. ^ https://www.bpi.co.uk/brit-certified/
  9. ^ http://www.promusicae.es/files/listastonos/historial/TOP%2050%20CANCIONES%2010_32.pdf
  10. ^ Just Dance 8 dischi di platino in America, RIAA.
  11. ^ http://www.ifpi.se/wp/wp-content/uploads/Guld-Platina-2009.pdf
  12. ^ http://swisscharts.com/awards.asp?year=2009
  13. ^ (EN) Cortney Harding, Lady Gaga: The Billboard Cover Story, Billboard.com, 7 agosto 2009, p. 4. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  14. ^ (EN) IFPI Digital Music Report 2010 (PDF), IFPI. URL consultato il 23 gennaio 2012.
  15. ^ (EN) Seven Facts About and Live Performances of Lady Gaga’s ‘Just Dance’ on the Song’s Seventh Birthday, su celebuzz.com, 8 aprile 2015. URL consultato il 1º novembre 2016.
  16. ^ (EN) Lady GaGa's Poker Face about bisexuality, Just Dance written in 10 minutes, theTelegraph.au, 17 aprile 2009. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  17. ^ Filmato audio (EN) Lady Gaga, Lady Gaga - Just Dance ft. Colby O'Donis, su YouTube, 16 giugno 2009. URL consultato il 9 gennaio 2012.
  18. ^ (EN) The Fame > Overview, su AllMusic, All Media Network.
  19. ^ (EN) Alex Petridis, «Lady Gaga: The Fame», The Guardian (Guardian News and Media Limited), 9 gennaio 2009. URL consultato il 29 marzo 2010.
  20. ^ (EN) Ben Norman, «Lady Gaga - 'The Fame'», About.com (The New York Times Company), 2 ottobre 2008. URL consultato il 2 aprile 2010.
  21. ^ (EN) Bill Lamb, «Lady GaGa featuring Colby O'Donis - "Just Dance"», About.com, 3 ottobre 2008. URL consultato il 2 aprile 2010.
  22. ^ (EN) Evan Sawdey, «Lady Gaga : The Fame», PopMatters.com (PopMatters Media Inc.), 12 gennaio 2009. URL consultato il 2 aprile 2010.
  23. ^ Lady Gaga – Just Dance – Hot Dance Club Play, in Billboard, Nielsen Business Media Inc., 9 giugno 2008, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP).
  24. ^ Lady Gaga – Just Dance – Hot Dance Airplay, in Billboard, Nielsen Business Media Inc., 14 febbraio 2009, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP).
  25. ^ Jonathan Cohen, Beyonce Starts 2009 Atop The Hot 100, in Billboard, Nielsen Business Media Inc., 1º gennaio 2009. URL consultato il 28 aprile 2009.
  26. ^ Lady Gaga – Just Dance – Pop 100, in Billboard, Nielsen Business Media Inc., 4 aprile 2009, ISSN 0006-2510 (WC · ACNP).
  27. ^ Jonathan Cohen, Lady GaGa Dances To The Top Of Hot 100, in Billboard, Nielsen Business Media Inc., 8 gennaio 2009. URL consultato il 9 gennaio 2009.
  28. ^ (EN) Paul Grein, Week Ending Dec. 28, 2008: America Goes On A Downloading Binge, Yahoo!Music.com, 31 dicembre 2008. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  29. ^ (EN) Ayala Ben-Yehuda, Digital Tracks Set New Weekly Record, Billboard.biz, 30 dicembre 2008. URL consultato il 18 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2012).
  30. ^ (EN) Gary Trust, Ask Billboard: Lady Gaga's Career Sales, The Biggest No. 2 Hits & Ed Sheeran's Latest Chart Record, Billboard, 25 febbraio 2018. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  31. ^ Crediti forniti nel booklet dell'album The Fame
  32. ^ Miss Universo 2008, in Times of India, Bennett Coleman & Co. Ltd, 14 luglio 2008.
  33. ^ Lady Gaga – Just Dance Jimmy Kimmel Live, Interscope Records. URL consultato il 28 aprile 2009-.
  34. ^ Lady Gaga – Just Dance The Tonight Show With Jay Leno, Interscope Records. URL consultato il 28 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2008).
  35. ^ Lady Gaga – Just Dance So You Think You Can Dance, Interscope Records. URL consultato il 28 aprile 2009 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2012).
  36. ^ Lady Gaga – Just Dance Ellen DeGeneres Show, Interscope Records. URL consultato il 28 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2009).
  37. ^ Shatner & Jackson per Tubridy Tonight, in RTÉ News, 30 gennaio 2009.
  38. ^ Lady Gaga nega il playback su Sunrise di Channel 7, in The Daily Telegraph, News.com.au, 30 settembre 2008. URL consultato il 28 aprile 2009.
  39. ^ Lady Gaga – Just Dance AOL Sessions, Interscope Records. URL consultato il 28 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2009).
  40. ^ Andy Downing, Lady GaGa tour, in Chicago Tribune, Tribune Company, 26 marzo 2009. URL consultato il 28 aprile 2009.
  41. ^ Tamara Abraham, Madonna e Cyndi Lauper: le ispirazioni per i concerti e lo stile di Lady Gaga, in Daily Mail (Londra), Associated Newspapers, 24 maggio 2009. URL consultato il 13 maggio 2009.
  42. ^ Donna McConell, Bubble wrap! Lady GaGa scambia il suo body per un dreamcoat di plastica, in Daily Mail (Londra), Associated Newspapers Ltd, 13 marzo 2009. URL consultato il 28 aprile 2009.
  43. ^ Jane Stevenson, Lady Gaga ed il Monster show, in Toronto Sun, Sun Media Corporation, 29 novembre 2009. URL consultato il 30 novembre 2009.
  44. ^ T'Cha Dunlevy, Revisione Concert: Lady Gaga al Bell Centre, in The Gazette, Canwest, 28 novembre 2009. URL consultato il 28 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2010).
  45. ^ Lady Gaga ed il Monster show, su telegram.com, 2010.
  46. ^ Daniel Sperling, Lady GaGa chiude il Radio 1's Big Weekend, Digital Spy, 16 maggio 2011. URL consultato il 16 maggio 2011.
  47. ^ Lady Gaga Born This Way Ball setlist, MTV, 27 aprile 2012. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  48. ^ Lady Gaga Born This Way Ball Nord America, Rolling Stone, 12 gennaio 2013. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  49. ^ Candice Barnes, Lady Gaga review: 'Mother monster' delivers a show fit for Queen, su The Sydney Morning Herald, Fairfax Media, 21 agosto 2014. URL consultato il 21 agosto 2014.
  50. ^ (EN) ARIA Charts, Australian ARIA Singles Chart, acharts.us, 21 luglio 2008. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  51. ^ (DE) Ö3 Austria Top 40, Austria Singles Top 75, acharts.us, 11 marzo 2009. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  52. ^ (BE) Ultratop 50, Lady Gaga - Just Dance - Belgium Flanders Charts, Hung Medien, 6 dicembre 2008. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  53. ^ a b c (BE) Ultratop 40, Lady Gaga - Just Dance - Belgian Wallonia Charts, Hung Medien, 1º novembre 2008. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  54. ^ (EN) Billboard, Canadian Hot 100, acharts.us, 23 agosto 2008. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  55. ^ (EN) Tracklisten, Denmark Singles Top 40, acharts.us, 28 novembre 2008. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  56. ^ a b Billboard Pop 100
  57. ^ (EN) Mitä hittiä, Finnish Singles charts, finnishcharts.com, 21 gennaio 2009. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  58. ^ (DE) Media Control Charts, Lady Gaga feat. Colby O' Donis - Just Dance - Chartverfurlong, musicline.de. URL consultato il 7 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2012).
  59. ^ ビルボードジャパンチャート トップ10 - ANAP HOLIK
  60. ^ (EN) Irish Recorded Music Association, Irish Singles Chart, acharts.us, 15 gennaio 2009. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  61. ^ Classifica settimanale dal 8/06/2009 al 14/06/2009 - Top Digital Download, fimi.it, 14 giugno 2009. URL consultato il 29 maggio 2018.
  62. ^ (EN) VG-lista, Norway Singles Chart, norwegiancharts.com, 3 febbraio 2009. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  63. ^ (EN) Recording Industry Association of New Zealand, New Zealand Top 40, acharts.us, 11 agosto 2008. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  64. ^ (NL) MegaCharts, Lady Gaga - Just Dance - Dutch Charts, dutchcharts.nl, 14 febbraio 2009. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  65. ^ (EN) The Official Charts Company, UK Singles Charts, acharts.us, 4 gennaio 2009. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  66. ^ (EN) Productores de Música de España, Spanish Singles Chart, acharts.us, 22 marzo 2009. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  67. ^ Sns Ifpi
  68. ^ (EN) Jonathan Cohen, Lady GaGa Dances To The Top Of Hot 100, Billboard, 8 gennaio 2008. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  69. ^ (DE) Swiss Music Charts, Lady Gaga - Just Dance - Swiss Charts, hitparade.ch, 31 agosto 2008. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  70. ^ ARIA Charts – End Of Year Charts – Top 100 Singles 2008. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  71. ^ https://www.billboard.com/#/charts-year-end/canadian-hot-100?year=2008
  72. ^ (EN) RIANZ Annual Top 50 Singles Chart 2008, su rianz.org.nz. URL consultato il 21 dicembre 2010. Note: The reader must select 2008 → Singles
  73. ^ www.sverigetopplistan.se - Årslista Singlar - År 2008 Archiviato il 19 luglio 2011 in Internet Archive.
  74. ^ ARIA Charts – End Of Year Charts – Top 100 Singles 2009, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 9 gennaio 2010.
  75. ^ 2009 Year End Austrian Singles Chart, 2009. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  76. ^ (FR) Jaaroverzichten 2009 (Flanders), Ultratop. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  77. ^ (FR) Rapports Annuels 2009 (Vallonia), Ultratop. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  78. ^ Charts Year End: Canadian Hot 100, in Billboard, 19 dicembre 2009. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  79. ^ Danish Year End 2009, Tracklisten. URL consultato il 21 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2011).
  80. ^ Dutch Top 40 Year End, MegaCharts. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  81. ^ 2009 Year End: European Hot 100 Singles, in Billboard, 19 dicembre 2009. URL consultato il 23 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2009).
  82. ^ Charts Year End: German Singles Chart, in Viva, Media Control Charts, 29 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2012).
  83. ^ Éves összesített listák - MAHASZ Rádiós TOP 100 (súlyozott), Mahasz.
  84. ^ Best of 2009, Irish Recorded Music Association. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  85. ^ (ES) Chart: PROMUSICAE 2009 (PDF). URL consultato il 21 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2010).
  86. ^ Årslista Singlar – År 2009. URL consultato il 21 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2011).
  87. ^ 2009 Year End Swiss Singles Chart, 2009. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  88. ^ (EN) Alan John, Bad Romance is back on top, in Music Week, 30 gennaio 2010. URL consultato il 21 dicembre 2010.
  89. ^ Charts Year End: The Billboard Hot 100, su Billboard, Nielsen Business Media, Inc, 19 dicembre 2009. URL consultato il 23 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2012).
  90. ^ UKChartsPlusYE2010
  91. ^ (EN) ARIA Chart Sales – ARIA End of Decade Singles/Top 100 (PDF), su aria.com.au. URL consultato il 27 settembre 2012.
  92. ^ (DE) BESTENLISTEN - 00ER-SINGLE, su austriancharts.at.
  93. ^ (EN) Hot 100 Songs, su billboard.com. URL consultato il 27 settembre 2012.
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica