Jussi Adler-Olsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jussi Adler-Olsen nel 2010

Carl Valdemar Jussi Henry Adler-Olsen (Copenaghen, 2 agosto 1950) è uno scrittore danese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jussi Adler-Olsen è nato nel 1950 a Copenaghen, ultimo di quattro fratelli e figlio di un medico psichiatra[1].

Dopo avere seguito differenti corsi di studio e compiuto svariati lavori, ha esordito in campo letterario nel 1984 con due saggi su Groucho Marx[2].

Con più di 15 milioni di copie vendute a livello mondiale, è tra gli autori danesi di gialli più conosciuti[3].

In Italia è noto principalmente per la serie gialla, giunta al 2018 al settimo capitolo,[4] della squadra investigativa "Sezione Q" capitanata dall'ispettore Carl Mørck.

Ha vinto numerosi riconoscimenti nel campo della letteratura gialla tra cui il Glasnyckeln nel 2010 per Il messaggio nella bottiglia e il Premio Barry per il miglior romanzo nel 2012 per La donna in gabbia[5].

Opere tradotte in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Serie Sezione Q[modifica | modifica wikitesto]

  1. La donna in gabbia (Kvinden i buret, 2007), Venezia, Marsilio, 2011 traduzione di Maria Valeria D'Avino ISBN 978-88-317-0894-4.
  2. Battuta di caccia (Fasandraeberne, 2008), Venezia, Marsilio, 2012 traduzione di Maria Valeria D'Avino ISBN 978-88-317-1227-9.
  3. Il messaggio nella bottiglia (Flaskepost fra P, 2009), Venezia, Marsilio, 2013 traduzione di Maria Valeria D'Avino ISBN 978-88-317-1609-3.
  4. Paziente 64 (Journal 64, 2010), Venezia, Marsilio, 2014 traduzione di Maria Valeria D'Avino ISBN 978-88-317-1936-0.
  5. L'effetto farfalla[6] (Marco Effekten, 2012), Venezia, Marsilio, 2015 traduzione di Maria Valeria D'Avino ISBN 978-88-317-2240-7.
  6. La promessa (Den Graenselose, 2014), Venezia, Marsilio, 2016 traduzione di Maria Valeria D'Avino ISBN 978-88-317-2428-9.
  7. Selfie (Selfies, 2016), Venezia, Marsilio, 2017 traduzione di Maria Valeria D'Avino e Claudia Valeria Letizia ISBN 978-88-317-2818-8.
  8. Vittima numero 2117 (Offer 2117, 2019), Venezia, Marsilio, 2020 traduzione di Maria Valeria D'Avino ed Eva Valvo ISBN 978-88-297-0377-7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La biografia di Adler-Olsen Jussi, su wuz.it. URL consultato il 3 febbraio 2018.
  2. ^ Biografia e bibliografia, su fantasticfiction.com. URL consultato il 3 febbraio 2018.
  3. ^ (EN) Biography, su bookreporter.com. URL consultato il 3 febbraio 2018.
  4. ^ Tutti gli articoli su Adler-Olsen Jussi, su thrillercafe.it. URL consultato il 3 febbraio 2018.
  5. ^ Premi vinti, su jussiadlerolsen.dk. URL consultato il 3 febbraio 2018.
  6. ^ Recensione di Piero Soria, su lastampa.it. URL consultato il 3 febbraio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87407021 · ISNI (EN0000 0001 2142 5276 · LCCN (ENn2011023518 · GND (DE139292608 · BNF (FRcb16544345f (data) · BNE (ESXX1669195 (data) · NDL (ENJA01232736 · WorldCat Identities (ENlccn-n2011023518