Jupiter - Il destino dell'universo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jupiter - Il destino dell'universo
Jupiter Ascending.png
Titolo originale Jupiter Ascending
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2015
Durata 127 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere fantascienza, azione, avventura
Regia Lana e Andy Wachowski
Soggetto Lana e Andy Wachowski
Sceneggiatura Lana e Andy Wachowski
Produttore Lana e Andy Wachowski, Grant Hill
Produttore esecutivo Bruce Berman, Roberto Malerba
Casa di produzione Warner Bros., Village Roadshow Pictures, The Aaron Sims Company
Distribuzione (Italia) Warner Bros.
Fotografia John Toll
Montaggio Alexander Berner
Effetti speciali Charlie Graovac, Tim Phoenix, Darren Shearwood
Musiche Michael Giacchino
Scenografia Hugh Bateup
Costumi Kym Barrett
Trucco Karen Lynn Accattato, Robb Crafer, Adrian Rigby, Paul Gooch
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Jupiter - Il destino dell'universo (Jupiter Ascending) è un film di fantascienza, scritto, prodotto e diretto da Lana e Andy Wachowski, con protagonisti Mila Kunis e Channing Tatum.

È il primo film dei fratelli Wachowski realizzato in 3D[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un futuro non lontano, Jupiter Jones è una sfortunata immigrata russa che pulisce le toilette per vivere. Durante un tentato omicidio ad opera di altri alieni viene salvata da Caine, un guerriero interplanetario mandato da Titus Abrasax, a capo delle Abrasax Industries, una delle potenti dinastie aliene che dominano gran parte dei pianeti abitabili che inseminano, fino ad arrivare alle forme di vita complesse e la loro successiva mietitura e la raccolta del DNA dei viventi deceduti per creare il siero della giovinezza per fini commerciali con le altre casate del cosmo.

Dopo la morte della matriarca vi è una lotta tra i tre eredi che porta alla degradazione della dinastia. Caine racconta a Jupiter che la razza umana non è originaria della Terra ma che è stata inseminata dalla stirpe di Abrasax e che Balem la vuole morta perché non è altro che la reincarnazione casuale dei geni della matriarca Seraphi Abrasax. Comincia per Jupiter un'avventura che la porterà a diventare la prossima leader delle Abrasax Industries .

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate il 2 aprile 2013 ai Leavesden Film Studios di Londra per poi spostarsi in altre località britanniche, tra cui la Cattedrale di Ely[2], prima di passare negli Stati Uniti d'America, a Chicago[3][4][5].

Attraverso un comunicato del 15 aprile 2013, la Warner Bros., che co-produce la pellicola con la Village Roadshow Pictures[6], annuncia il cast tecnico del film. Come produttori ci sono i due registi con Grant Hill, già insieme per i film Speed Racer e Cloud Atlas[3], mentre i produttori esecutivi saranno Bruce Berman e Roberto Malerba[5]. Il direttore della fotografia è John Toll, al suo secondo film, dopo Iron Man 3, girato in digitale, ed utilizza macchine da presa Arri Alexa[7].

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Per il ruolo principale femminile fu scelta inizialmente l'attrice Natalie Portman, che però rifiutò la parte; fu considerata Rooney Mara per sostituirla, prima che fosse ufficialmente e definitivamente scelta Mila Kunis per la parte[8].

Altri attori considerati per il progetto furono Joseph Gordon-Levitt e Andy Zelary, ma entrambi non sono entrati nel cast[9].

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film viene curata da Michael Giacchino, già compositore di Speed Racer[10]. Il 10 giugno Giacchino fa sapere che il direttore dell'orchestra per la colonna sonora è Ludwig Wicki, che era già al lavoro agli Abbey Road Studios di Londra[11].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

L'8 dicembre 2013 la trasmissione statunitense Entertainment Tonight mostra il primo teaser trailer del film[3], mentre il trailer esteso viene pubblicato il giorno seguente, 9 dicembre[12].

La pellicola, inizialmente fissata al 25 luglio 2014[3], è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi e britanniche a partire dal 6 febbraio 2015[13] mentre in quelle italiane dal 5 febbraio[14].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato stroncato dalla critica ricevendo valutazioni per la maggior parte medio-basse. Il sito Rotten Tomatoes ha riportato una percentuale di gradimento del 25% con una valutazione complessiva di 4.2/10[15], Metacritic del 40% sulla base di 40 recensioni[16], mentre il critico Mark Kermode del The Guardian lo ha definito "assolutamente nonsense"[17].

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Nel weekend d'apertura ha incassato 18.372.372 dollari. Su un budget complessivo di 176 milioni di dollari, è riuscito ad incassarne 181.887.723 in tutto il mondo, riuscendo appena a coprire le spese di produzione[18]. È pertanto considerato uno dei film con maggiori perdite nella storia del cinema.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 3D, Internet Movie Database. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  2. ^ (EN) Cattedrale di Ely, ely-news.co.uk. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  3. ^ a b c d Inizio riprese, badtaste.it. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  4. ^ (EN) Riprese, Internet Movie Database. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  5. ^ a b (EN) Produttori esecutivi, comingsoon.net. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  6. ^ (EN) Co.produzione, deadline.com. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  7. ^ (EN) Riprese in digitale, theasc.com. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  8. ^ (EN) Attrice protagonista, Internet Movie Database. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  9. ^ (EN) Attori, Internet Movie Database. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  10. ^ (EN) Colonna sonora, filmmusicreporter.com. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  11. ^ (EN) Direttore d'orchestra, Michael Giacchino su Twitter. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  12. ^ (EN) Trailer, comingsoon.net. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  13. ^ Rinvio uscita, badtaste.it. URL consultato il 4 giugno 2014.
  14. ^ Il poster italiano di Jupiter – Il Destino dell’Universo, il film dei fratelli Wachowski, badtaste.it, 8 gennaio 2015. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  15. ^ Jupiter Ascending su Rotten Tomatoes.
  16. ^ Jupiter Ascending su Metacritic.
  17. ^ Jupiter Ascending review – absolute nonsense.
  18. ^ Jupiter Ascending su Box Office Mojo.
  19. ^ Kids Choice Awards 2015: ecco tutti i vincitori!, gingergeneration.it. URL consultato il 20 aprile 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]