Julio Terrazas Sandoval

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Julio Terrazas Sandoval, C.SS.R.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Julio Terrazas Sandoval.jpg
Il cardinale Terrazas Sandoval il 30 maggio 2006
Coat of arms of Julio Terrazas Sandoval.svg
Minister omnium
 
Incarichi ricoperti
 
Nato7 marzo 1936, Vallegrande
Ordinato presbitero29 luglio 1962 dal vescovo Bernardo Leonardo Fey Schneider, C.SS.R.
Nominato vescovo15 aprile 1978 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo8 giugno 1978 dal cardinale José Clemente Maurer, C.SS.R.
Elevato arcivescovo6 febbraio 1991 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale21 febbraio 2001 da papa Giovanni Paolo II
Deceduto9 dicembre 2015, Santa Cruz de la Sierra
 

Julio Terrazas Sandoval (Vallegrande, 7 marzo 1936Santa Cruz de la Sierra, 9 dicembre 2015) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico boliviano.

Cardinale Julio Terrazas e Stephan Ackermann, vescovo di Treveri, 2009

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È ordinato sacerdote per la Congregazione del Santissimo Redentore il 29 luglio 1962.

Papa Paolo VI lo elegge vescovo titolare di Apisa Maggiore e ausiliare di La Paz il 15 aprile 1978.

Papa Giovanni Paolo II lo nomina vescovo di Oruro il 9 gennaio 1982 e, il 6 febbraio 1991, lo promuove arcivescovo di Santa Cruz de la Sierra.

Nel 1997 è eletto presidente della Conferenza Episcopale Boliviana, ruolo che ha già ricoperto dal 1985 al 1991.

Papa Giovanni Paolo II lo innalza alla dignità cardinalizia nel concistoro del 21 febbraio 2001.

È membro del Pontificio Consiglio per i Laici e della Pontificia Commissione per l'America Latina.

Papa Francesco accetta la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi di Santa Cruz de la Sierra per raggiunti limiti di età il 25 maggio 2013.

È deceduto dopo una lunga malattia nella sua abitazione a Santa Cruz de la Sierra il 9 dicembre 2015 alle 19.15 per un attacco di cuore. È sepolto nella cattedrale di Santa Cruz de la Sierra.[1]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

- (versione epub)

Controllo di autoritàVIAF (EN266956208 · ISNI (EN0000 0003 8291 1889 · LCCN (ENnr98014201 · GND (DE143877895