Julija Raskina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Julija Raskina
Yulia Raskina 1999 Budapest.PNG
Raskina durante gli Europei di Budapest 1999
Nome Julija Sjargeeŭna Raskina
Nazionalità Bielorussia Bielorussia
Altezza 161 cm
Peso 40 kg
Ginnastica ritmica Gymnastics (rhythmic) pictogram.svg
Specialità Individuale
Ritirata 2003
Palmarès
Giochi olimpici 0 1 0
Mondiali 0 5 0
Europei 2 4 3
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 15 maggio 2017

Julija Sjargeeŭna Raskina (in bielorusso: Юлія Сяргееўна Раскіна?; Minsk, 9 aprile 1982) è un'ex ginnasta bielorussa medaglia d'argento alle Olimpiadi di Sydney 2000 e vicecampionessa del mondo nel 1999.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata da una famiglia di sportivi di origini ebraiche,[1] Raskina ha debuttato a livello internazionale partecipando ai Mondiali di Berlino 1997, vincendo la medaglia d'argento nella gara a squadre e piazzandosi quinta nel concorso individuale generale. L'anno seguente vince la medaglia d'oro nella gara a squadre e il bronzo nelle clavette agli Europei di Porto, e ai Mondiali di Osaka 1999 si laurea vicecampionessa individuale dietro Alina Kabaeva e davanti l'altra russa Julija Barsukova; durante quest'ultima competizione vince anche altre tre medaglie d'argento nella palla, nel nastro e nella gara a squadre.

Julija Raskina raggiunge l'apice della propria carriera sportiva vincendo la medaglia d'argento alle Olimpiadi di Sydney 2000, superando la campionessa del mondo uscente Alina Kabaeva, che si è dovuta accontentare del terzo posto, mentre l'oro è andato alla Barsukova. In seguito Raskina non è più riuscita a ripetersi ad alti livelli e nel 2003 ha deciso di ritirarsi dall'attività agonistica.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Raskina con il nastro durante le Olimpiadi di Sydney 2000
Sydney 2000: argento nel concorso individuale.
Berlino 1997: argento nella gara a squadre.
Osaka 1999: argento nell'all-around, nella palla, nel nastro e nella gara a squadre.
Porto 1998: oro nella gara a squadre, bronzo nelle clavette.
Budapest 1999: argento nell'all-around e nel cerchio, bronzo nel nastro.
Saragozza 2000: oro nella palla, argento nell'all-around e nella gara a squadre, bronzo nel nastro.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine d'Onore
«Per il raggiungimento di alti risultati sportivi alle XXVII Olimpiadi estive del 2000 a Sydney (Australia), dando un grande contributo personale allo sviluppo della cultura fisica e dello sport»
— 13 ottobre 2000[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paul Taylor, Jews and the Olympic Games: The Clash Between Sport and Politics – With a Complete Review of Jewish Olympic Medalists, Sussex Academic Press, 2004, ISBN 1903900883.
  2. ^ (BE) Decreto del Presidente della Repubblica N.546 del 13 ottobre 2000, su law.1bel.org. URL consultato il 6 maggio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]