Juliette Faxx

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juliette Faxx
Universo Robocop
Autore Frank Miller e Walon Green
1ª app. in Robocop 2
Ultima app. in Robocop 2
Interpretato da Belinda Bauer
Voce italiana Micaela Esdra
Sesso Donna
Professione Responsabile della divisione Psico-cibernetica della OCP.

Juliette Faxx è un personaggio immaginario del film Robocop 2, del 1990.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Juliette Faxx è una giovane e brillante psicologa senza scrupoli al servizio della OCP di Detroit, di cui riesce a circuire il presidente che le attribuisce la scelta del cervello da introdurre nel prototipo per Robocop II, che fino a questo punto ha sempre fornito risultati piuttosto deludenti.

La donna intuisce che bisogna mirare a candidati differenti: criminali e deviati che per natura mirano al potere, ai traguardi che un innesto di tipo cibernetico potrebbe conferire loro. Intravede in Cain, un pericoloso tossico squilibrato e omicida, il candidato ideale, al punto che, dopo il suo burrascoso arresto, lo va a visitare all'ospedale, ormai morente, e spegne la macchina che lo mantiene in vita, disponendo legalmente del suo cadavere.

Il cervello viene trapiantato in una macchina militare enorme e munita di armi sofisticate, ma presto impazzisce per il bisogno di droga, causando morti e feriti tra la popolazione innocente di Detroit, e solo l'intervento di Robocop sconfigge la creatura.

Intravedendo in anticipo gli enormi problemi legali all'orizzonte, il presidente della OCP attribuisce alla Faxx, su suggerimento dell'abile Johnson, la colpa di tutto.