Julien Lizeroux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Julien Lizeroux
Julien Lizeroux a Schladming nel 2008
Nazionalità Bandiera della Francia Francia
Altezza 173 cm
Peso 80 kg
Sci alpino
Specialità Slalom speciale, combinata
Squadra CS La Plagne
Termine carriera 2021
Palmarès
Competizione Ori Argenti Bronzi
Mondiali 1 2 0
Mondiali juniores 0 0 1

Per maggiori dettagli vedi qui

 

Julien Lizeroux (Moûtiers, 5 settembre 1979) è un ex sciatore alpino francese. Era uno specialista delle gare tecniche e in Coppa del Mondo partecipava quasi esclusivamente a slalom speciali.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 1994-2007[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di una guida alpina e di un'istruttrice di sci[1], Lizeroux dal dicembre 1994 ha iniziato a partecipare regolarmente a gare FIS e il 29 gennaio 1997 ha esordito in Coppa Europa, a Val-d'Isère in discesa libera (90º). Il 23 gennaio 2000 ha esordito in Coppa del Mondo nello slalom speciale di Kitzbühel, senza finire la gara, e il 13 febbraio successivo ha conquistato il primo podio in Coppa Europa, a Ofterschwang nella medesima specialità (2º); nel dicembre dello stesso anno, con il 15º posto conquistato a Madonna di Campiglio sempre in slalom speciale, ha ottenuto i primi punti nella competizione.

Ai Mondiali di Sankt Anton am Arlberg 2001, suo esordio iridato, si è classificato 25º nello slalom speciale ma nel novembre dello stesso anno ad Aspen si è infortunato gravemente una prima volta, fatto che lo ha tenuto lontano dalle piste per l'intera stagione[2]. Il ritorno non è stato facile, come hanno dimostrato le stagioni 2002-2003 e 2003-2004, durante le quali non ha raccolto neanche un punto in Coppa del Mondo; nel gennaio 2005 nello slalom speciale di Chamonix ha subito un altro infortunio[2] ed è tornato in Coppa del Mondo solo nel dicembre 2006, dopo essere rimasto, per tutta la stagione 2005-2006, in Coppa Europa, circuito nel quale ha conquistato la prima vittoria il 26 novembre 2006 a Salla in slalom speciale. Ai Mondiali di Åre 2007 si è piazzato 14º nello slalom speciale.

Stagioni 2008-2012[modifica | modifica wikitesto]

La stagione 2008 è stata invece positiva per l'atleta francese. In Coppa del Mondo ha ottenuto infatti diversi piazzamenti nei primi dieci, tra cui un 4º posto a Kitzbühel. Il 25 gennaio dell'anno successivo, sempre nella località austriaca, ha ottenuto il primo podio e la prima vittoria di carriera in Coppa del Mondo, vincendo lo slalom speciale. Il 9 febbraio 2009 ha vinto la medaglia d'argento nella supercombinata ai Mondiali disputati sulle nevi di casa di Val-d'Isère, concludendo alle spalle solo del norvegese Aksel Lund Svindal; sei giorni dopo è andato poi nuovamente a podio, conquistando un'altra medaglia d'argento nello slalom speciale vinto da Manfred Pranger.

Il 10 gennaio 2010 ha conquistato, ad Adelboden in slalom speciale, l'ultima vittoria in Coppa del Mondo e in seguito ha preso parte ai XXI Giochi olimpici invernali di Vancouver 2010, suo debutto olimpico, classificandosi 9º nello slalom speciale e 18º nella supercombinata. Il 2 gennaio 2011 è salito per l'ultima volta sul podio in Coppa del Mondo, a Monaco di Baviera in slalom parallelo (2º); da quello stesso gennaio del 2011 nuovi problemi fisici l'hanno costretto a una lunga serie di operazioni e di trattamenti[3].

Stagioni 2013-2021[modifica | modifica wikitesto]

Tornato alle gare solo nel marzo del 2013, il 4 gennaio 2014 ha conquistato l'ultima vittoria in Coppa Europa, a Chamonix in slalom speciale, e in seguito ha preso parte ai XXII Giochi olimpici invernali di Soči 2014 (14º nello slalom speciale) e ai Mondiali di Vail/Beaver Creek 2015 (22º nello slalom speciale). Sempre nel 2015, il 2 gennaio, è salito per l'ultima volta sul podio in Coppa Europa, a Chamonix in slalom speciale (2º).

Due anni dopo, ai Mondiali di Sankt Moritz 2017, ha vinto la medaglia d'oro nella gara a squadre (partecipando come riserva) e non ha completato lo slalom speciale, mentre ai XXIII Giochi olimpici invernali di Pyeongchang 2018, sua ultima presenza olimpica, si è classificato 4º nella gara a squadre. Ai Mondiali di Åre 2019, sua ultima presenza iridata, è stato 5º nella gara a squadre e non ha completato lo slalom speciale. Ha annunciato il ritiro nel corso della stagione 2020-2021[4]; la sua ultima gara in Coppa del Mondo è stata lo slalom speciale disputato a Schladming il 26 gennaio, nel quale non si è qualificato per la seconda manche, mentre la sua ultima gara in carriera è stata lo slalom speciale dei Campionati francesi 2021, disputato il 27 marzo a Les Gets e chiuso da Lizeroux al 19º posto.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 9º nel 2010
  • 9 podi:
    • 3 vittorie (tutte in slalom speciale)
    • 4 secondi posti (2 in slalom speciale, 1 in supercombinata, 1 in slalom parallelo)
    • 2 terzi posti (entrambi in slalom speciale)

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
25 gennaio 2009 Kitzbühel Bandiera dell'Austria Austria SL
1º marzo 2009 Kranjska Gora Bandiera della Slovenia Slovenia SL
10 gennaio 2010 Adelboden Bandiera della Svizzera Svizzera SL

Legenda:
SL = slalom speciale

Coppa del Mondo - gare a squadre[modifica | modifica wikitesto]

  • 3 podi:
    • 1 secondo posto
    • 2 terzi posti

Coppa Europa[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 11º nel 2007
  • 10 podi:
    • 3 vittorie
    • 4 secondi posti
    • 3 terzi posti

Coppa Europa - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
26 novembre 2006 Salla Bandiera della Finlandia Finlandia SL
14 gennaio 2007 Donnersbachwald Bandiera dell'Austria Austria SL
4 gennaio 2014 Chamonix Bandiera della Francia Francia SL

Legenda:
SL = slalom speciale

Campionati francesi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Biographie" sul sito personale, su lizeroux.com. URL consultato il 14 dicembre 2010.
  2. ^ a b c "Palmarès" sul sito personale, su lizeroux.com. URL consultato il 14 dicembre 2010.
  3. ^ Matteo Pavesi, Julien Lizeroux: la lunga strada per tornare, in Fantaski.it, 15 agosto 2013. URL consultato il 27 marzo 2014.
  4. ^ Stefano Villa, Julien Lizeroux annuncia il ritiro: il francese saluta lo sci alpino a 41 anni. Addio a Schladming, su oasport.it, 26 gennaio 2021. URL consultato il 3 febbraio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]