Judith Barsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto a pastello di Judith Barsi

Judith Eva Barsi (Los Angeles, 6 giugno 1978Canoga Park, 25 luglio 1988) è stata un'attrice statunitense. Iniziò la sua carriera da attrice bambina in televisione, facendo apparizioni in spot pubblicitari e programmi televisivi, e in seguito apparve nel film Lo squalo 4 - La vendetta e partecipò come doppiatrice ai film d'animazione di Don Bluth Alla ricerca della valle incantata e Charlie - Anche i cani vanno in paradiso. Nel 1988, dopo anni di abusi fisici e psicologici, il padre József uccise Judith e sua madre Maria prima di spararsi, in un duplice omicidio-suicidio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il padre di Judith, József, era fuggito dalla Repubblica Popolare d'Ungheria dopo l'occupazione sovietica durante la rivoluzione ungherese del 1956. Si era infine trasferito a New York nel 1964 e poi in California,[1] dove aveva incontrato Maria Virovacz.[2] Maria, anch'ella un'immigrata ungherese sfuggita all'occupazione sovietica, era nata nelle zone rurali del sud dell'Ungheria,[2] e aveva subito abusi psicologici e fisici dal padre. József e Maria si sposarono, e poco dopo Judith nacque a Los Angeles.[3]

Maria iniziò a crescere la figlia per farla diventare un'attrice, e all'età di cinque anni Judith venne scoperta in una pista di pattinaggio.[2] Judith comparve in più di 70 spot pubblicitari e come guest star in televisione.[4] Oltre alla sua carriera in televisione, Judith apparve in diversi film, tra cui Lo squalo 4 - La vendetta, e doppiò il personaggio di Ducky in Alla ricerca della Valle Incantata.

Quando iniziò la quarta elementare, Judith guadagnava circa 100.000 dollari l'anno, che aiutarono la sua famiglia a comprare una casa con tre camere da letto a West Hills.[5] Poiché era bassa per la sua età (era alta 1,12 metri all'età di 10 anni),[2] Judith iniziò a ricevere iniezioni di ormoni della UCLA per favorire la sua crescita. Le sue dimensioni portavano i direttori di casting a scritturarla per ruoli di bambine più giovani della sua età effettiva. Il suo agente disse al Los Angeles Times che quando Judith aveva dieci anni interpretava ancora bambine di 7 o 8 anni.[2]

Mentre il successo della carriera di Judith aumentava, József divenne sempre più violento, geloso e paranoico, e avrebbe regolarmente minacciato di uccidere sé stesso, la moglie e la figlia. Il suo alcolismo peggiorò, e portò a tre arresti separati per guida in stato di ebbrezza.[2] Nel dicembre 1986 Maria riportò le sue minacce e violenza fisica nei suoi confronti alla polizia. Dopo che non furono trovati segni fisici di abuso, Maria decise di non sporgere denuncia contro József.[2]

Dopo l'incidente, József smise di bere, ma continuò a minacciare la moglie e la figlia, ad esempio di tagliare loro la gola e bruciare la casa. Nascose un telegramma che informava Maria che un suo parente in Ungheria era morto per evitare che lei e Judith lasciassero l'America.[6] La violenza fisica continuò, e Judith disse a un amico che suo padre le gettava addosso pentole e padelle facendole sanguinare il naso.[7] A causa degli abusi del padre, Judith cominciò a ingrassare[6] e a comportarsi in modo inquietante, ad esempio strappandosi tutte le ciglia ed estraendo i baffi del suo gatto.[2] Dopo essere scoppiata in lacrime di fronte al suo agente nel corso di un provino di canto per Charlie - Anche i cani vanno in paradiso, Judith fu portata da Maria da uno psicologo infantile, che identificò un grave abuso fisico ed emotivo e riferì le sue scoperte ai Child Protective Services.[2]

Certificato di morte di Judith Barsi

L'indagine fu abbandonata dopo che Maria assicurò l'assistente sociale che aveva intenzione di avviare una procedura di divorzio contro József e che lei e Judith stavano per trasferirsi in un appartamento di Panorama City che aveva da poco affittato come rifugio diurno dal marito.[8] Gli amici esortarono Maria a seguire il piano, ma lei resistette poiché non voleva perdere casa e beni di famiglia.[2]

Judith fu vista l'ultima volta sulla sua bici la mattina del 25 luglio 1988.[3] Quella sera, József sparò in testa a Judith mentre dormiva nella sua stanza, quindi sparò a Maria.[5] József trascorse i successivi due giorni girando per la casa,[3] e disse nel corso di una telefonata con l'agente di Judith la notte successiva che aveva intenzione di uscire per sempre e aveva solo bisogno di tempo per "dire addio alla mia bambina".[2] Cosparse poi di benzina i corpi e diede loro fuoco.[9] Dopo aver incenerito i corpi, József andò in garage e si sparò alla testa con una pistola calibro .32.[10][11] Il 9 agosto del 1988 Judith e sua madre furono sepolte al Forest Lawn Memorial Park di Los Angeles.[12]

L'ultimo film di Judith, Charlie - Anche i cani vanno in paradiso, in cui doppia l'orfana Anne-Marie, fu distribuito nel 1989.[13] Don Bluth, co-regista del film e regista de Alla ricerca della Valle Incantata, la descrisse come "assolutamente sorprendente.[14] Capiva la direzione verbale, anche per le situazioni più sofisticate", e aveva intenzione di usarla ampiamente nelle sue produzioni future.[15]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

La tomba di Judith al Forest Lawn Memorial Park

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barsi, Ági (1999), What will you do?, A Better Life, ISBN 0-9671693-9-9
  2. ^ a b c d e f g h i j k John Johnson e Fuentes, Gabe, A Script of Fear: Repeated Threats by Father of Child Actress Carried to Tragic End, latimes.com, 7 agosto 1988. URL consultato il 26 settembre 2011.
  3. ^ a b c Filmato audio DEATH OF A FAMILY - Judith Barsi's story, Arnold Shapiro Productions, 15 febbraio 1989.
  4. ^ Local News in Brief: Child-Abuse Files Ordered Opened, latimes.com, 23 agosto 1988. URL consultato il 26 settembre 2011.
  5. ^ a b Paul Donnelley, Fade to Black: A Book of Movie Obituaries, 3ª ed., Omnibus Press, 1º novembre 2005, pp. 122, ISBN 1-84449-430-6.
  6. ^ a b A Lesson Learned From Family Tragedy, The Los Angeles Times, 18 settembre 1988. URL consultato il 9 giugno 2012.
  7. ^ Girl who appeared on 'Growing Pains' told show's star: My dad says he's going to kill me!, The National Enquirer, 16 settembre 1988.
  8. ^ Inquiry in Barsi Case Dropped Too Soon, Panel Says, The Los Angeles Times, 7 settembre 1988. URL consultato il 26 settembre 2011.
  9. ^ Local News in Brief: Bodies Identified as Child Actress, Mother, latimes.com, 29 luglio 1988. URL consultato il 26 settembre 2011.
  10. ^ Fuentes, Gabe, Three Dead in Apparent Murder-Suicide, Los Angeles Times, 28 luglio 1988. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  11. ^ Child Actress Is Slain, Apparently by Father, The New York Times, 30 luglio 1988. URL consultato il 22 novembre 2009.
  12. ^ C. Phillips, Deidre, Child actress Barsi, mother buried, Los Angeles Daily News, 10 agosto 1988.
  13. ^ Jerry Beck, The Animated Movie Guide, Chicago Review Press, 2005, pp. 13–14, ISBN 1-55652-591-5.
  14. ^ Don Bluth - .... on Movies, Games and Visions. URL consultato il 9 luglio 2013.
  15. ^ John Cawley, Don Bluth All Dogs Go To Heaven. URL consultato il 9 luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN169498827
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie