Juan Posadas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juan Romulo Posadas

Juan Romulo Posadas, all'anagrafe Homero Rómulo Cristalli Frasnelli (Argentina, 1912Roma, 14 maggio 1981), è stato un politico argentino.

Dirigente della IV internazionale trotskista in America Latina. Sebbene nel programma del partito apparissero tesi sui dischi volanti e sul futuro socialista dell'umanità, propugnava il marxismo più ortodosso volto ad attuare la rivoluzione mondiale. La corrente posadista della Quarta Internazionale ha lavorato all'organizzare di sindacati che spesso operavano clandestinamente nell'ambito delle dittature. Diversi suoi militanti vi persero la vita. Juan R. Posadas non era il solito trotskista: nel suo programma rivoluzionario rientravano i 'socialisti dallo spazio cosmico' e la comunicazione con i delfini. Qualcuno l'ha definito Cultismo UFO trotskista (si veda il caso di Dante Minazzoli). Tale corrente del pensiero trotskista, nota come Posadismo dal suo fondatore Juan R. Posadas, credeva che gli incontri ravvicinati fossero la prova di civiltà socialiste superiori provenienti dal futuro della terra. Tale UFO-Cultismo era “formato teoricamente” da Marx e da Trotsky ed era un'estensione logica del materialismo dialettico marxista. Posadas ha scritto: Viaggeremo in pianeti a milioni di anni-luce di distanza, nell'ambito di una società socialista.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Non sono noti i particolari della vita privata di Posadas. Non si sa perfino se abbia avuto una famiglia. Sappiamo che il vero nome di Juan Posadas era Homero Rómulo Cristalli Frasnelli, d'origine italiana, nato in Argentina nel 1912. Fu operaio, calzolaio e calciatore professionista per La Plata Estudientes, organizzò l'unione degli operai del cuoio a Cordova, nell'Argentina degli anni 30.

Fu candidato del Partido Socialista Obrero nelle elezioni per la provincia di Buenos Aires, capitalizzando sulla sua fama di calciatore.

L'attività politica[modifica | modifica sorgente]

Nal 1941, il Partido de la Revolución Socialista dell'Argentina, cui aderiva Posadas, si era affiliato alla Quarta Internazionale. Posadas, divenuto dirigente dell'Internazionale, riunì gli aderenti latinoamericani alla Quarta Internazionale nell'ufficio per l'America Latina di Montevideo.

I partiti trotskisti dell'America Latina ebbero un certo peso fra i sindacati, particolarmente tra gli operai ferroviari cubani, i minatori boliviani del rame e gli operai agricoli del Brasile. I Posadisti rimsero nella Quarta Internazionale fino al terzo congresso mondiale – l'ultimo unitario - del 1951. Posadas fece parte di una commissione che tentò, senza successo, di riunire le fazioni dell'Internazionale. Posadas aderì al Segretariato Internazionale della Quarta Internazionale diretto da Michel Pablo, nel 1953, portandosi con sé l'ufficio America Latina. Nel 1959, Posadas però ruppe con Pablo, denunciando la sua “mancanza di fiducia”.[2]

L'attività teorica[modifica | modifica sorgente]

Posadas sosteneva la dottrina Pablista della guerra nucleare: Una Guerra-Rivoluzione per ridurre in cenere lo stalinismo e il capitalismo, che Posadas trasformò nella ''teoria della guerra atomica, una resa dei conti finale del socialismo con il sistema capitalista, adottata al primo congresso della Quarta Internazionale Indipendente (Posadista) tenutasi nel 1962, separandosi da tutte le altre correnti dell'Internazionale. Nel “congresso straordinario” Posadas annunciò: La guerra atomica è inevitabile. Distruggerà metà dell'umanità, distruggerà immense risorse umane. È molto probabile. La guerra atomica provocherà l'inferno sulla Terra. Ma non bloccherà il comunismo. Poi aggiunse: La Guerra nucleare [uguale] Rivoluzione nucleare. Danneggerà l'umanità ma - non può - non distruggerà il livello di coscienza raggiunto da essa… L'umanità supererà rapidamente la guerra nucleare con una nuova società umana – il socialismo.

Per Posadas la guerra atomica era l'occasione suprema per le forze mondiali della rivoluzione. Dopo che la distruzione comincerà, le masse insorgeranno in tutti i paesi, in poco tempo, in alcune ore. I posadisti dovevano essere pornti al pantano atomico che l'umanità dovrà superare per poter costruire il socialismo. L'ottavo congresso mondiale fondò una ‘scuola per quadri’ con un programma di studi che comprendeva l'analisi della guerra atomica, delle sue conseguenze e i compiti nel dopoguerra atomico. La dottrina della guerra nucleare Posadista divenne sempre più impaziente, Posadas chiedeva ai sovietici ed ai cinesi di annientare subito il capitalismo con un primo colpo nucleare preventivo. La Cina dovrebbe lanciare la guerra ora… invitando le masse del mondo a prendere il potere adesso, scrisse sulla Rivista Marxista Europea del 1968. Vedeva la preparazione sovietica per la guerra come un contributo alla rivoluzione. Quindi, ogni tasto che premono fa parte del progresso della storia. I Posadisti credevano che la strategia della guerra nucleare della Cina si basasse anche sugli scritti di Posadas.

Tali appelli alle superpotenze comuniste erano accompagnati dall'ammirazione fanatica per i successi dell'arsenale nucleare sino-sovietico. Il giornale della sezione britannica "Red Flag" era pieno di elogi verso l'armamento nucleare degli stati operai: salutiamo il lancio del missile cinese con testata atomica, poiché è una grande avanzata scientifica dello stato operaio ed un grande incoraggiamento agli operai nel mondo. Al momento della sua morte nel 1981, Posadas era convinto che l'URSS avesse armi nucleari nello spazio.

I posadisti erano grandi entusiasti dei voli spaziali sovietici o cinesi. L'opuscolo A ciencia espacial si occupava del programma spaziale Soyuz 13, mentre la sezione boliviana dei Posadisti inviò nell'ottobre 1961 un telegramma all'ambasciata sovietica di La Paz: Salutiamo le masse sovietiche. Celebriamo il successo delle Soyuz e d'Intercosmos. Risposta netta dell'URSS e degli altri stati operai all'imperialismo degli yankee e alla preparazione della guerra contro-rivoluzionaria. Mentre "Red Flag" era pieno di sperticati elogi: salutiamo il successo scientifico e tecnico dell'URSS per l'atterraggio della nave spaziale su Venere, viva il trionfo storico del sovietico Lunarkhod (sic).[1]

Sui Dischi Volanti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1968 Posadas annunciò che i concetti dialettici possono consentire l'esistenza degli UFO e di altre forme di vita. L'opuscolo di Posadas Les Soucoupes Volantes (‘Dischi Volanti') così inizia: Un nuovo raggio è stato scoperto in Unione Sovietica ed è infinitamente più veloce della luce… Questa energia dovrebbe avere una resistenza e una proprietà infinitamente superiore a tutto quello che conosciamo. Nello stesso modo è immaginabile che uno che solleva la sua mano e produce la luce, attrae, ricrea ed organizza l'energia… E le forme dell'organizzazione sociale potrebbero essere infinitamente superiori, e continua: Anche se questi rapporti sui dischi volanti sono fantasie, come è possibile che lo sia la maggioranza, molti di essi hanno una base storica corretta… la capacità scientifica degli esseri umani è determinata dalla loro organizzazione sociale. E vi è una spiegazione del perché gli UFO ci visitano ma non restano: Il capitalismo non interessa ai piloti di UFO, ecco perché non ritornano. Similmente, la burocrazia sovietica (non li interessa) poiché non gli offre prospettive.

Gli UFO mostreranno maggior interesse al momento del crollo della borghesia e dello sciopero generale. Per avere la soluzione di questi problemi… [è] necessario studiare attentamente… le risposte a questi misteri si troveranno nello studio del marxismo. Dischi Volanti termina con un appello agli extraterrestri: Dobbiamo invitare gli esseri di altri pianeti ad intervenire, per collaborare con gli abitanti della terra per superare la miseria. Dobbiamo lanciare loro un appello ad usare le loro risorse per aiutarci.

Dischi Volanti incontrò la derisione dal resto della sinistra. Dischi Volanti comparve senza commenti sulla rivista britannica "Red Flag" nel 1969 e venne ristampato in francese nel 1971 con un'introduzione che cominciava: Ristampiamo questo articolo di J. Posadas … in un momento di nuove rivoluzioni sociali in Mozambico, in Angola, nel Vietnam, in Etiopia, ecc. Da un lato il passaggio veloce dall'organizzazione tribale al socialismo. Dall'altro il sistema capitalista è nel caos totale. L'introduzione elogiava la lungimiranza di Posadas che prevedeva l'importanza dei dischi volanti, cioè delle civiltà esterne e superiori, e dava risalto alla funzione insostituibile del marxismo… per predire il corso della storia e della vita e per sviluppare la capacità di organizzare tutte le forze possibili - compreso gli extraterrestri se esistono - per realizzare l'obiettivo del comunismo. Inoltre, nel gennaio 1964, comparve su "Red Flag" l'articolo intitolato Perché il Pentagono ha ucciso Kennedy, scritto da J. R. Posadas.[1]

L'eredità politico-teorica[modifica | modifica sorgente]

Un anno dopo la morte di Posadas, gli eredi politici ne elogiavano la profondità della visione e le idee sugli UFO, anche “se un po’ azzardata“. Tutti questi problemi si sono scontrati, all’epoca, con lo scetticismo e l'ironia da parte delle correnti del movimento operaio del mondo, oltre a certe incomprensioni nei ranghi della stessa Quarta Internazionale. Una versione in tedesco di ‘Dischi Volanti’ di Posadas è apparsa nel 1987.

Posadas seguiva con entusiasmo gli esperimenti del professor Igor Charkovsky dell'Accademia delle Scienze sovietica, riguardanti il water birthing (parto in acqua), la comunicazione con i delfini, e anche il programma per concepire bambini nello spazio. Secondo i suoi successori: Posadas ha evidenziato l'importanza totale degli esperimenti che i sovietici stanno facendo nella comunicazione con gli animali (per esempio i delfini) e nell'esplorazione dello spazio… questo è il piano su cui il compagno Posadas ha vissuto.[1]

Per Michel Pablo Posadas era “delirante”, un predicatore della rivoluzione permanente ‘simultanea e onnipresente', al punto da darsi una dimensione interplanetaria.

Posadas può ancora riservare delle sorprese, le trascrizioni delle sue registrazioni su nastro, il suo memorandum interno ed i suoi disegni sono depositati nell'Istituto Internazionale per la Storia Sociale di Amsterdam e non potevano essere aperti fino al 2010 Ma nonostante le 'stranezze' del posadismo le attività dei posadisti avesse un ferreo carattere razionalista. La sezione britannica - il Partito degli Operai Rivoluzionari - era una tipica organizzazione trotskista, partecipò agli scioperi nelle fabbriche di auto Austin e Vauxhall, e al gruppo United Car Worker.

Il Posadismo[modifica | modifica sorgente]

Mentre l'azione dei posadisti in Europa non andava oltre il volantinaggio, in America Latina il loro lavoro era più pericoloso. In Brasile, il militante posadista Roberto Pinto venne assassinato nell'agosto 1963, mentre guidava una sciopero di 5.000 contadini, e una dozzina di posadisti dell'America Latina venne assassinata fino al 1977. In Guatemala, i posadisti messicani hanno collaborato con la guerriglia del 'MR 13 Novembre', fino a quando i guerriglieri non si resero conto che i fondi raccolti non andavano alla lotta armata ma alla pubblicazione della Rivista Marxista Europea. I posadisti furono il primo gruppo trotskista ad operare in Algeria dopo l'indipendenza. Alla fine degli anni sessanta, contavano forse mille aderenti in tutto il mondo.

I posadisti hanno combattuto assieme a Castro e Guevara nella rivoluzione del 1959, ma in seguito furono imprigionati e nel 1967, Posadas espresse la sua teoria sulla farsa morbosa della cosiddetta morte di Guevara, secondo cui il Che non era stato ucciso, ma incarcerato dal governo di Castro. Fidel Castro definì i posadisti pestilenziali, alla Tricontinentale del gennaio 1966.

La maggior parte dei partiti Posadisti si sono dissolti dal 1981. Ma in Germania il Posadismo continuava ad essere propagandato dall'ex operaio metallurgico Paul Schulz, profugo comunista durante il Terzo Reich, si recò in Argentina, collaborò con Posadas e tentò di fondare un partito tedesco Posadista nel 1991, gestiva il sito Gesellschaftsreform jetzt! (Riforma sociale ora!) che pubblicava analisi post-Posadiste sul fenomeno UFO - compreso un libro intitolato Il contatto ufficiale di una civiltà extraterrestre con noi è alle porte. Mostriamoci degni di questo evento particolarmente allegro dall'importanza epocale.[1]

Il post-posadista più eminente è l'argentino Adolfo Gilly, che fu incarcerato per la sua partecipazione all'attacco all'Università Autonoma Nazionale del Messico nel 1966. Al suo rilascio nell'aprile 1969 Gilly rinnegò il trotskismo. Gilly scriveva per il giornale messicano La Jornada e nel 1999 era consigliere del sindaco di Mexico City.

Attualmente esistono alcune sezioni della Quarta Internazionale Posadista. Le più attive sono soprattutto quelle Francese e Brasiliana.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Matt Salusbury, Posadism for beginners, Fortean Times, 29 ottobre 2008
  2. ^ J. Posadas, A Internacional Posadista: Socialismo Intergaláctico, 26 aprile 2010


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 32169288 LCCN: n79106080