Josh Helman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Joshua Helman (Adelaide, 22 febbraio 1986) è un attore australiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo alcune apparizioni televisive nella soap opera Home and Away e nella miniserie The Pacific, ottiene il primo ruolo in una produzione hollywoodiana con Jack Reacher - La prova decisiva, tratto dal romanzo La prova decisiva di Lee Child, in cui ha l'opportunità di recitare assieme a star come Tom Cruise e Jai Courtney.[1] Nel 2013 recita in Blinder, film drammatico sul football australiano.[2]

Nel 2014 è nel film X-Men - Giorni di un futuro passato, dove interpreta un giovane William Stryker, diventando il terzo attore, dopo Brian Cox e Danny Huston ad interpretare il personaggio nella serie. Originariamente, l'attore avrebbe dovuto interpretare un giovane Fenomeno (già interpretato da Vinnie Jones in X-Men - Conflitto finale), ma in seguito il regista Bryan Singer decise di sostituire Fenomeno con Quicksilver, assegnando ad Helman un altro ruolo.[3] L'attore riprende il ruolo nel sequel X-Men - Apocalisse, distribuito a maggio 2016.[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Josh Helman è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Josh Helman takes his 'One Shot', su monstersandcritics.com. (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2013).
  2. ^ (EN) Aussie Rules film Blinder kicks off in Victoria", su encoremagazine.com.au. (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2012).
  3. ^ X-Men - Giorni di un futuro passato: Fenomeno avrebbe dovuto salvare Magneto al posto di Quicksilver, su badtaste.it.
  4. ^ X-Men - Apocalypse: Bryan Singer conferma il ritorno di Josh Helman, su cinema.everyeye.it, 17 luglio 2015. URL consultato il 20 ottobre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN165746035 · LCCN (ENno2011000413