Joseph de Pesquidoux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Joseph de Pesquidoux, all'anagrafe Joseph Dubosc (Savigny-lès-Beaune, 13 dicembre 1869Le Houga, 17 marzo 1946), è stato uno scrittore francese.

Nel 1927 vinse il Gran premio di letteratura dell'Accademia francese,[1] di cui è stato eletto membro nel 1936. È stato anche eletto curatore dell'Académie des Jeux floraux nel 1938.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Premiers vers (1896)
  • Salomé (1898)
  • Ramsès (1900)
  • Le Sang fatal (1903)
  • Chez nous - Travaux et jeux rustiques (1920)
  • Sur la glèbe (1921)
  • Le Livre de raison (3 volumi, 1925–1932)
  • Caumont, duc de La Force (1931)
  • L’Église et la Terre (1935)
  • La Harde (1936)
  • Gascogne (1939)
  • Un Petit Univers (1940)
  • Sol de France (1942)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Motivazione del riconoscimento: "per l'insieme della sua opera letteraria". Si veda: http://www.academie-francaise.fr/grand-prix-de-litterature

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71396082 · ISNI (EN0000 0001 1862 3845 · LCCN (ENn82257032 · GND (DE1055232559 · BNF (FRcb119193409 (data) · WorldCat Identities (ENn82-257032