Joseph Parecattil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joseph Parecattil
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
Da quod jubes
Incarichi ricoperti
Nato 1º aprile 1912, Kidangoor
Ordinato presbitero 24 agosto 1939
Nominato vescovo 28 ottobre 1953 da papa Pio XII
Consacrato vescovo 30 novembre 1953 dal cardinale Eugène Tisserant
Elevato arcivescovo 20 luglio 1956 da papa Pio XII
Creato cardinale 28 aprile 1969 da papa Paolo VI (poi beato)
Deceduto 20 febbraio 1987, Kochi

Joseph Parecattil (Kidangoor, 1º aprile 1912Kochi, 20 febbraio 1987) è stato un cardinale indiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Papa Paolo VI lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 28 aprile 1969.

Ebbe la presidenza della Congregazione per la codificazione del diritto canonico delle Chiese orientali.

Morì il 20 febbraio 1987 all'età di 74 anni.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Aretusa dei Siri Successore BishopCoA PioM.svg
Atanasio Paolo Hindo 28 ottobre 1953 - 20 luglio 1956 Sebastian Mankuzhikary
Predecessore Arcieparca metropolita di Ernakulam-Angamaly dei Siro-Malabaresi Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Mar Augustine Kandathil 20 luglio 1956 - 30 gennaio 1984 Antony Padiyara
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Maria "Regina Pacis" a Monte Verde Successore CardinalCoA PioM.svg
- 30 aprile 1969 - 20 febbraio 1987 Antony Padiyara
Predecessore Presidenti del Sinodo della Chiesa Siro-Malabarese Successore Mitra heráldica.svg
- 1969 - 1985 Antony Padiyara
Predecessore Presidente della Conferenza dei Vescovi Cattolici dell'India Successore Mitra heráldica.svg
Valerian Gracias 1972 - 1976 Lawrence Trevor Picachy, S.J.
Predecessore Presidente della Pontificia Commissione per la Revisione del Codice di Diritto Canonico Orientale Successore Emblem Holy See.svg
Krikor Bedros XV Aghagianian 10 giugno 1972 - 20 febbraio 1987 commissione soppressa
Controllo di autorità VIAF: (EN59890990 · LCCN: (ENn88176588 · ISNI: (EN0000 0000 7821 7155 · GND: (DE119285193