Joseph Fürttenbach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Joseph Furttenbach

Joseph Furttenbach (Leutkirch im Allgäu, 30 dicembre 1591Ulma, 17 gennaio 1667) è stato un matematico e ingegnere tedesco.

Frontespizio Furttenbach's 1629 Architectura Navalis

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Joseph Furttenbach "il vecchio" nacque a Leutkirch im Allgäu, Germania, il 30 dicembre 1591. Dal 1607/08 al 1620 fece un soggiorno in Italia presso dei suoi parenti. Scopo principale di questo soggiorno era l'apprendimento del mestiere di mercante. Inoltre, studiò ingegneria, architettura militare, pirotecnica e sviluppò un interesse per il teatro e la scenografia. Attraverso i suoi viaggi fece i conti dettagliati di edifici che lo interessavano e di feste, processioni e rappresentazioni teatrali. In tre dei suoi libri scrisse esposizioni su paesaggi e luci per il teatro. È secondo solo a Nicola Sabbatini come uno dei racconti più estesi di pratica di backstage durante il Rinascimento.

Particolare dal dipinto di J. Furttenbach Welches Herr Johann Kouhn, den 26. Augusti Anno 1644

Stando ad un suo racconto del 1626[1] visitò il Palazzo Ducale di Mantova e vide la mummia di Rinaldo Bonacolsi detto Passerino[2], a cavallo di un ippopotamo, che sarebbe stato mummificato ed esposto come talismano nelle sale del palazzo. La leggenda vuole che a disfarsi della mummia di Passerino fu l'ultima duchessa di Mantova Susanna Enrichetta di Lorena la quale, stanca dell'inquietante spoglia, fece gettare il corpo nelle acque del lago. Si avverò la profezia di una maga che previde la perdita del potere a chi si sarebbe sbarazzato della mummia: i Gonzaga caddero alcuni anni dopo, nel 1708.

Dopo la sua permanenza in Italia, si trasferì in Germania e si stabilì a Ulma. Lì ebbe una carriera di successo come architetto e ingegnere universale. Disegnò un sistema di acquedotto, incluso un ospedale, per una scuola, un teatro e per case. Finalmente fu nominato architetto della città di Ulm, scrisse molti libri e fece parte del consiglio comunale. Luterano fervente, Furttenbach fu nondimeno un mediatore culturale di spicco e contribuì sostanzialmente a far conoscere la cultura barocca italiana in Germania. Il suo gabinetto di curiosità era tra i più celebri del Sacro Romano Impero.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bologna, cronache di guerra.
  2. ^ L'ultimo dei Bonacolsi fu ucciso a Mantova il 16 agosto 1328 durante il colpo di stato di Luigi che portò i Gonzaga al potere.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nicoll, Allardyce, John H. McDowell, and George R. Kernodle, trans. The Renaissance Stage; Documents of Serlio, Sabbattini and Furttenbach. Ed. Barnard Hewitt. Coral Gables, Florida: University of Miami, 1958. Print.
  • Joseph Furttenbach, Lebenslauff 1652-1664, edizione critica del diario curata da Kaspar von Greyerz, Kim Siebenhüner e Roberto Zaugg, Böhlau, Cologna 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34497241 · ISNI (EN0000 0001 0886 4143 · LCCN (ENn50058801 · GND (DE100810764 · BNF (FRcb12165551b (data) · ULAN (EN500021704 · CERL cnp01440545