Joseph Andrault de Langeron

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Joseph Andrault de Langeron
NascitaParigi, 19 novembre 1649
MorteSceaux, 28 maggio 1711
Religionecattolicesimo
Dati militari
Paese servitoRoyal Standard of the King of France.svg Regno di Francia
Forza armataFlag of the Kingdom of France (1814-1830).svg Marina militare francese
Anni di servizio1669 - 1709
GradoTenente generale
GuerreGuerra franco-olandese
Guerra della Lega di Augusta
Guerra di Successione spagnola
BattaglieBattaglia di Camaret
Battaglia di Alicudi
Battaglia d'Agosta
Battaglia di Palermo
fonti nel testo
voci di militari presenti su Wikipedia

Joseph Andrault de Langeron, II conte di Langeron, VIII barone de La Ferté, II barone di Cougny (Parigi, 10 novembre 1649Sceaux, 28 maggio 1711), è stato un ammiraglio francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Figlio primogenito di Philippe Andrault, conte di Langeron (m. 1675), primo gentiluomo di camera del duca d'Enghien, e di Claude Faye d'Espesses (o d'Espoisses), prima dama d'onore della duchessa, Joseph Andrault era discendente della famiglia Andrault, una delle più antiche famiglie francesi, d'estrazione cavalleresca, originaria del Nivernais.

Suo padre, Philippe, ottenne da Luigi XIV — malgrado la sua partecipazione alla Fronda, e grazie alla sua influenza presso il Condé e Gastone d'Orléans - l'elevazione della terra di Langeron a contea con regia patente del 1656.

Carriera militare nella marina reale francese[modifica | modifica wikitesto]

La guerra d'Olanda (1672-1678)[modifica | modifica wikitesto]

Il bombardamento della Royal James durante la battaglia di Solebay, il 28 maggio 1672, dipinto di Willem van de Velde il giovane.

Joseph Andrault decise di intraprendere la carriera militare come volontario tra le truppe di Francesco di Vendôme che condusse la spedizione di Candia nel 1669. Entrò pertanto nella marina reale francese l'11 novembre 1690 imbarcandosi a Brest come sottotenente di vascello. Lottò contro i corsari nel Mediterraneo sotto gli ordini dell'ammiraglio d'Estrées. Promosso capitano di vascello il 2 novembre 1671, prese parte alla Battaglia di Solebay e poi al combattimento di Schooneveld, rispettivamente il 7 ed il 14 giugno 1673, a bordo del vascello L'Apollon, 50 cannoni. Durante la seconda battaglia di Schooneveld,

«Il capitano de Langeron, con l'Apollon, si trovò davanti al vice-ammiraglio Bankœrt[1], prima di abbordare due vascelli nemici; sostenne l'avanzata degli avversari con una fermezza prodigiosa e per tre ore combatté contro gli olandesi, tirando da entrambi i bordi, abbandonando la sua posizione solo dopo aver messo in seria difficoltà gli avversari[2]

Il 21 agosto 1673, presenziò alla Battaglia di Texel, nel corso della quale si trovò ad affrontare col resto della flotta franco-olandese l'ammiraglio Ruyter. Nel 1674, contribuì alla presa di un vascello spagnolo, il San Pedro, in compagnia del capitano Lafayette, in un breve combattimento nei pressi di Collioure[3]. L'anno successio, si distinse nella Battaglia di Stromboli, lungo le coste della Sicilia. Nel 1676, comandò un vascello nella Battaglia di Alicudi, così come in quella di Agosta e di Palermo. Il maresciallo di Vivonne lo inviò con Tourville, Gabaret, e Chaumont contro le forze nemiche presso il porto. Fu lui a portare a Luigi XIV la novella del trionfo del duca di Vivonne.

Il re lo nominò ispettore della marina reale e lo incaricò della costruzione dei vascelli nell'aprile del 1684. In quello stesso anno sposò la figlia ed erede di Jean-François du Gouray, marchese de la Coste, luogotenente reale della Bassa Bretagna.

Guerra della Lega d'Augusta (1688-1697)[modifica | modifica wikitesto]

La Battaglia di Barfleur in un dipinto di Richard Paton.

Capo squadra dal 1 novembre 1689, prese parte alla Battaglia di capo Béveziers del 10 luglio 1690 al comando de La Couronne, 72 cannoni. A Barfleur, a bordo della Souverain, 84 cannoni, comandò la terza divisione nel corpo della battaglia[4]. Nel 1694, si pose alla testa di un battaglione di truppe inglesi comandate da Lord Berkeley che avevano gettato l'ancora il 7 aprile nella baia di Camaret, grazie alle eccellenti misure difensive approntate da Vauban[5].

Corrispondente del Grand Condé, quest'ultimo lo raccomandò a Colbert ed a Seignelay, promuovendo largamente le sue successive promozioni. Tenente generale dal 1 aprile 1697, venne nominato comandante della marina di Toulon dal 1698 rimanendo in carica sino al 1709.

Guerra di Successione spagnola (1701-1714)[modifica | modifica wikitesto]

La Battaglia di Vélez-Malaga, 24 agosto 1704

Venne nominato cavaliere dell'Ordine di San Luigi, nel 1703 dopo « trentantré anni di servizio fedele»[6]. Ottenne l'anno successivo il comando della Le Soleil Royal, 102 cannoni, e prese parte con la flotta franco-spagnola alla Battaglia navale di Vélez-Málaga (24 agosto 1704), sotto gli ordini del conte di Tolosa, ammiraglio di Francia.

Langeron, a bordo della Soleil Royal, forzò Callenburgh ad abbandonare la nave ammiraglia Albermale che poco dopo colò a picco. Anche Le Nimègue, altro vascello delle Province Unite, perse il suo capitano.

L'assedio di Toulon (1707)[modifica | modifica wikitesto]
Mappa di Toulon, assediata dalla flotta britannica dell'ammiraglio Shovell (1707)

Nominato commendatore dell'Ordine di San Luigi, nel 1707 prese parte alla difesa di Toulon. Il duca di Savoia ed il principe Eugenio di Savoia attaccarono la città via terra, l'ammiraglio Shovell via mare, con 48 vascelli della flotta coalizzata anglo-olandese. Langeron ricevette l'ordine di porsi in fondo alla flotta francese nel caso in cui Toulon non potesse essere soccorsa.

Dopo quest'azione militare, rimase in servizio presso la marina francese ancora per due anni e poi decise di ritirarsi a vita privata.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì di apoplessia il 29 maggio 1711 a Sceaux, nel castello del duca del Maine, generale delle galee francesi, di cui era grande amico.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio del 1684 sposò Jeanne Marguerite du Gouray, marchesa de La Côte (o Coste), figlia di Jean-François de Gouray, marchese de La Côte. Da questa unione nacquero:

  • Louis-Théodore Andrault, III conte di Langeron. Fu padre di Alexandre-Louis Andrault de Langeron, IV conte di Langeron, marchese de la Coste (13 gennaio 1763 - 4 luglio 1831), generale al servizio dell'Impero russo
  • Sylvie-Angélique Andrault, sposò Claude de Thiard (m. 1723)

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Image Stemma
Crown of a Count of France (variant).svg
Blason famille fr Andrault de Langeron ap1532.svg
Joseph Andrault de Langeron
Conte di Langeron, Barone di La Ferte di Cougny

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine di San Luigi - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Luigi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Questi era Adriaen Banckert (1615-1684).
  2. ^ Léon Guérin, Histoire maritime de la France, vol. 3, Dufour et Mulat, 1851, p.242
  3. ^ Léon Guérin, Histoire maritime de la France, vol. 3, Dufour et Mulat, 1851, p.256
  4. ^ Léon Guérin, Histoire maritime de la France, vol. 2, Andrieux, 1844, p.54
  5. ^ Léon Guérin, Histoire maritime de la France, vol. 2, Andrieux, 1844, p.86
  6. ^ M. d'Aspect, Histoire de l'Ordre royal et militaire de Saint-Louis, vol. 3, Paris, chez la veuve Duchesne, 1780, p.284

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]