Joseph A. Dellinger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Asteroidi scoperti[1][2]: 76
51415 Tovinder[3] 15 marzo 2001
54820 Svenders[3] 11 luglio 2001
55276 Kenlarner[3] 16 settembre 2001
65363 Ruthanna 7 agosto 2002
72596 Zilkha[4] 21 marzo 2001
78816 Caripito 4 agosto 2003
84340 Jos 2 ottobre 2002
88297 Huikilolani[3] 11 luglio 2001
90481 Wollstonecraft[5] 16 febbraio 2004
95782 Hansgraf 24 marzo 2003
95802 Francismuir 31 marzo 2003
111661 Mamiegeorge[3] 16 gennaio 2002
111818 Deforest[3] 17 febbraio 2002
114689 Tomstevens 28 marzo 2003
120120 Kankelborg 28 marzo 2003
127005 Pratchett[3] 1º aprile 2002
156990 Claerbout 28 maggio 2003
211172 Tarantola[6] 2 maggio 20023
377144 Okietex[5] 30 agosto 2003

Joseph A. Dellinger (1961) è un astronomo amatoriale statunitense, di professione geofisico.

Autore di ricerche sulla propagazione delle onde anisotrope nell'esplorazione del sottosuolo, deve tuttavia la sua notorietà alla sua attività presso il Fort Bend Astronomy Club[7] di Stafford in Texas.

Il Minor Planet Center gli accredita la scoperta di settantasei asteroidi, effettuate tra il 2000 e il 2009, di cui trentaquattro in collaborazione con altri astronomi: Dennis Borgman, William G. Dillon, Max Eastman, Paul G. A. Garossino, Cynthia Gustava, Andrew Lowe, Keith Rivich, Paul Sava, Carl Sexton, e Don J. Wells.

Gli è stato dedicato l'asteroide 78392 Dellinger.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lista alfabetica degli scopritori di asteroidi, IAU Minor Planet Center. URL consultato il 21 ottobre 2017.
  2. ^ Dati aggiornati al 21 ottobre 2017. Nell'elenco appaiono solamente gli asteroidi con denominazione definitiva.
  3. ^ a b c d e f g In collaborazione con William G. Dillon.
  4. ^ In collaborazione con Keith Rivich.
  5. ^ a b In collaborazione con Don Wells.
  6. ^ In collaborazione con Paul Sava.
  7. ^ Traduzione letterale dall'inglese: Circolo per l'astronomia di Fort Bend
  8. ^ IAU, Scheda sinottica di 78392 Dellinger, su minorplanetcenter.net. URL consultato il 9 aprile 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN48965727 · ISNI (EN0000 0000 5389 7887