José da Silva Lisboa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
José da Silva Lisboa

José da Silva Lisboa, visconte di Cairu (Salvador, 1756Rio de Janeiro, 1835), è stato un politico brasiliano.

Principios de direito mercantil, 1801 (Milano, Fondazione Mansutti).

Figlio di un architetto portoghese, studia a Lisbona e si laurea in filosofia e diritto all'Università di Coimbra. Torna in Brasile e insegna filosofia morale nella sua città natale, diventando celebre come economista e giurista. Il principe reggente Giovanni VI di Braganza lo assume durante il suo esilio brasiliano. Silva Lisboa sostiene la monarchia liberale e convince l'apertura dei porti brasiliani al commercio estero. È deputato alla Real Junta do Comércio, poi diventa senatore. Nel 1809 scrive un nuovo codice del commercio. Quando il principe Pietro d'Orléans-Braganza dichiara l'indipendenza brasiliana, si unisce ai connazionali. Le sue opere principali sono Principios de direito mercantil (1798), Curso de direito mercantil (1801) e Principios de economia politica (1804).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fondazione Mansutti, Quaderni di sicurtà. Documenti di storia dell'assicurazione, a cura di M. Bonomelli, schede bibliografiche di C. Di Battista, note critiche di F. Mansutti. Milano: Electa, 2011, pp. 292–293.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27412628 · ISNI (EN0000 0000 6666 2489 · LCCN (ENn85342343 · BNF (FRcb119974235 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie