José María Franco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
José María Franco
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 188 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Juventud
Carriera
Squadre di club1
1996-1997Central Español? (?)
1998-2001Peñarol32 (9)
2001-2005Torino40 (4)
2005-2006Santiago Wanderers? (?)
2007-2009Peñarol39 (20)
2009-2011River Plate Mont.15 (5)
2011Emelec13 (3)
2012-2013Fénix (M)13 (2)
2013-Juventud7 (2)
Nazionale
2000Uruguay Uruguay1 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

José María Franco Ramallo (Montevideo, 28 settembre 1978) è un calciatore uruguaiano, attaccante della Juventud.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Acquistato per 14 miliardi di lire[senza fonte] nell'estate del 2001 dalla squadra italiana del Torino, l'attaccante uruguayano rimase ai margini della rosa per tutta la prima parte della stagione. Nel finale della stagione 2001-2002 riuscì a trovare più spazio segnando 4 reti.

Nelle stagioni successive trovò sempre meno spazio nelle file granata venendo impiegato con continuità solamente in Coppa Italia, competizione nella quale nella stagione 2001-2002 siglò una rete contro l Hellas Verona ed una doppietta contro la Sampdoria. Al termine della stagione rimase svincolato in seguito al fallimento del sodalizio granata[1].

Nel 2007 è tornato a giocare nelle file del Peñarol, squadra nella quale ha ritrovato la vena realizzativa perduta nell'avventura italiana.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Prima di approdare al Torino, José María Franco era un giocatore nel giro della Nazionale uruguayana, nelle file della quale ha disputato una sola partita.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Peñarol: 1999

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cristian Vitali, Calciobidoni - Non comprate quello straniero, Piano B Edizioni, Giugno 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]