José Joaquín Fernández de Lizardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Josè Joaquin Fernandez de Lizardi

Josè Joaquin Fernandez de Lizardi (Città del Messico, 10 dicembre 177621 giugno 1827) è stato un giornalista e scrittore messicano, conosciuto dai contemporanei come "Il pensatore Messicano".

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Casa dove muore José Joaquín Fernández de Lizardi, Città del Messico.

Famoso anche per El Periquillo Sarniento ("Il pappagallino rognoso") (1816), considerato il primo romanzo scritto e pubblicato in America Latina.

Passò la sua infanzia a Tepotzotlán, dove suo padre esercitava la professione del medico. Studiò filosofia e nel 1816 iniziò a scrivere novelle e alcune opere teatrali.

Nel 1811 il "Diario de Mexico" pubblicò alcune sue lettere satiriche, per alcune delle quali fu arrestato per ordine del viceré in persona. Nel 1812, cominciò a pubblicare il giornale liberale El Pensador mexicano ("Il pensatore Messicano"), il cui nome userà come pseudonimo per firmare alcune sue opere. Il periodico, a causa della linea editioriale progressista e patriottica, ricevette molte critiche e lo stesso fondatore ebbe molti fastidi.

Nel decennio seguente, lo scrittore esplorò vari generi letterari, passando dai saggi ai romanzi, dalle opere teatrali ai trattati politici.

Nel 1821 venne nuovamente arrestato a causa del dialogo Chamorro y Dominguez, e nel 1823 a causa dei suoi attacchi al clero venne scomunicato.

Morì a Città del Messico il 21 giugno del 1827. Il suo epitafio, da lui stesso composto, recita così: Aquí yace El Pensador Mexicano quien hizo lo que pudo por su patria ("Qui riposa il Pensatore Messicano che ha fatto tutto quello che ha potuto per la sua patria".)

Stile[modifica | modifica wikitesto]

La formazione culturale del Lizardi deve molto alle correnti e ai movimenti europei: se gli enciclopedisti ed i rivoluzionari francesi furono i suoi modelli di riferimento a livello politico, i picareschi e Cervantes lo ispirarono per lo stile narrativo.

Nonostante queste pregnanti influenze, il Lizardi si contraddistinse per una certa originalità nel suo tentativo di messicanizzare i suoi riferimenti letterari e per un suo tutto personale gusto satirico e realistico.[1] Quindi la figura del picaro divenne il pelado messicano, del tutto autonomo dall'originale per le caratterizzazioni, le ambientazioni ed i dialoghi.

Lavori e opere letterarie[modifica | modifica wikitesto]

Giornali[modifica | modifica wikitesto]

  • El Pensador Mexicano
  • Alacenas de Friolera
  • Cajoncito de la Alacena
  • El conductor eléctrico
  • El hermano del perico
  • Conversaciones del payo y el sacristan
  • La Gaceta del gobierno
  • Correo semanario de Mexico

Novelle[modifica | modifica wikitesto]

  • El Periquillo Sarniento (Il pappagallino rognoso)
  • Letrillas satiricas, 1811
  • La Quijotita y su prima, 1819
  • Noches tristes y dia alegre, 1819
  • Vida y hechos del famoso caballero don Catrín de la Fachenda

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le Muse, De Agostini, Novara, 1965, Vol. IV, pag.495

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • J.R.Spell, The Life and Works of Fernández de Lizardi, Filadelfia, 1931

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59113203 · ISNI (EN0000 0001 0905 4329 · LCCN (ENn50029989 · GND (DE118683365 · BNF (FRcb12104724h (data) · CERL cnp01325156