José Coronado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
José Coronado

José María Coronado García (Madrid, 14 agosto 1957) è un attore e doppiatore spagnolo.

Nel corso della sua carriera di attore, ha partecipato - tra cinema e televisione - a circa un'ottantina di differenti produzioni[1], a partire dalla fine degli anni ottanta[1]. Tra i suoi ruoli principali, figurano, tra l'altro, quello di Chus nella serie televisiva Hermanos de leche (1994-1996), quello di Luis Sanz nella serie televisiva Periodistas (1998-2002), quello di Joaquín de la Torre nella serie televisiva Acusados (2009-2010), quello di Santos Trinidad nel film No habrá paz para los malvados (ruolo che gli è valso vari premi, tra cui il Premio Goya come miglior attore protagonista[2]) e quello di Fran Peyón nella serie televisiva Il Principe - Un amore impossibile (2014-…).[1]

È l'ex-compagno dell'attrice e stilista Paola Dominguín[1][3][4] (la figlia di Lucia Bosè e di Luis Miguel Dominguín e la sorella di Miguel Bosé)[4] e della cantante e attrice Mónica Molina[4] e il padre dell'attore Nicolás Coronado (avuto dalla Dominguín)[1][3][4].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

José Coronado (terzo da sinistra) assieme a Hugo Silva e a Belén Rueda al Festival del Cinema di Sitges nel 2012

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggi (lista parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomination (lista parziale)[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999: Premio ai Fotogrammi d'argento come miglior attore televisivo per Periodistas[2]
  • 2000: Nomination al Premio Goya come miglior attore non protagonista per il ruolo di Francisco Goya da giovane in Goya[2]
  • 2003: Premio ai Fotogrammi d'argento come miglior attore di cinema per il ruolo di Santos Trinidad in No habrá paz para los malvados[2]
  • 2012: Premio Goya come miglior attore protagonista per il ruolo di Santos Trinidad in No habrá paz para los malvados[2]
  • 2013: Premio onorario al Festival di Lleida[2]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN38019605 · ISNI (EN0000 0001 1442 1533 · LCCN (ENno2001096956 · GND (DE130221570 · BNF (FRcb150378173 (data)