Jorge Aravena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'allenatore di calcio cileno, vedi Orlando Aravena.
Jorge Aravena
Nazionalità Cile Cile
Altezza 177[1] cm
Peso 77[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1993 - giocatore
2010 - allenatore
Carriera
Giovanili
1976-1977 Univ. Católica
Squadre di club1
1978-1979 Univ. Católica 5 (0)
1980 Santiago Morning ? (?)
1981 Univ. Católica 0 (0)
1981-1982 Naval 52 (28)
1983-1984 Univ. Católica 75 (40)
1985-1986 Real Valladolid 25 (10)
1986-1988 Deportivo Cali 77 (35)
1988-1991 Puebla 102 (59)
1991 Portuguesa 0 (0)
1992 Unión Española ? (0)
1993 Audax Italiano ? (0)
Nazionale
1983-1989 Cile Cile 36 (22)
Carriera da allenatore
1995 Audax Italiano
1996-1997 Palestino
1998-1999 Santiago Morning
2000 CD Everton
2001-2002 Santiago Morning
2005 Puebla
2006 Cobreloa
2006-2007 Palestino
2007-2008 Lobos BUAP
2008-2009 Santiago Wanderers
2009-2010 Palestino
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Jorge Orlando Aravena Plaza (Santiago del Cile, 22 aprile 1958) è un ex calciatore e allenatore di calcio cileno, di ruolo attaccante. Abile realizzatore, ha giocato prevalentemente in America, con una breve esperienza europea; già membro della Nazionale di calcio cilena, si classifica al quinto posto per numero di gol con la sua selezione, avendo marcato ventidue reti.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Versatile, in grado di giocare sia come trequartista che come attaccante puro,[1] il suo punto forte era la potenza del tiro, effettuato con il piede sinistro, segnatamente su calcio piazzato: grazie alla sua abilità, infatti, fu soprannominato El mortero (il mortaio).[3] I suoi calci da fermo prendevano una traiettoria arcuata e un forte effetto, che li rendevano difficilmente intercettabili dai portieri.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi di carriera fece parte dell'Universidad Católica che a metà degli anni 1980, guidata da Ignacio Prieto, vinse sia le due coppe nazionali allora esistenti (Copa Polla Gol e Copa República), sia il campionato nazionale. All'interno della squadra, mantenne una posizione importante, condividendo la leadership con il portiere Marco Cornez, il centrocampista Mario Lepe e l'attaccante Osvaldo Hurtado.[3]

Nel 1985 si trasferì in Spagna, firmando per il Real Valladolid del tecnico Vicente Cantatore; la stagione terminò con il decimo posto della squadra, e Aravena lasciò l'Europa dopo una sola annata. Fu il Deportivo Cali, nel 1986, ad assicurarsi il calciatore cileno, che, arrivato da sconosciuto, si impose presto come un elemento significativo nel club.[4]

La stagione 1987 lo vide segnare 23 reti, risultato che lo mise in cima alla classifica marcatori della Categoría Primera A di quell'anno.[5] Lasciò dunque la Colombia nel 1988, trasferendosi ai messicani del Puebla; con la società mesoamericana visse un periodo di successi, conquistando campionato, coppa e Campeón de Campeones. Tornò quindi in Cile, dopo uno scampolo di 1991 giocato in Brasile, per chiudere la carriera.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1983 al 1989 fece parte della Nazionale, segnando ventidue reti in trentasei partite totali;[2] partecipò alle qualificazioni per Messico 1986 e Italia 1990, vestendo talora la fascia di capitano; segnò inoltre un celebre gol contro l'Uruguay.[3]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera di allenatore iniziò subito con una vittoria, la promozione in prima divisione dell'Audax Italiano nel 1995, ottenuta in virtù del secondo posto finale dietro al Santiago Wanderers. Successivamente, allenò il Palestino e il Santiago Morning.

Con il Santiago Morning ottenne la sua seconda promozione, arrivata dopo quattordici anni di militanza del club in seconda divisione; fu così ingaggiato dall'Everton di Viña del Mar; con questa società, però retrocedette dalla prima divisione, venendo di conseguenza esonerato e tornando pertanto al Santiago Morning.

In Messico allenò il Puebla, che già lo aveva visto nei suoi ranghi da giocatore, dove rimase per la stagione 2005. Tornò dunque in patria per poi guidare i Lobos BUAP, altra compagine messicana, con cui però non centrò la promozione; nel 2008 fu assunto dal Santiago Wanderers al posto di Gustavo Huerta, ma invece di migliorare i risultati del precedente tecnico, li peggiorò e sfiorò la retrocessione in terza divisione. Nel 2009 fu incaricato di guidare il Club Deportivo Palestino, sostituendo Luis Musrri.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Universidad Católica: 1983
Unión Española: 1992
Universidad Católica: 1984
Universidad Católica: 1984
Puebla: 1989-1990
Puebla: 1989-1990
Puebla: 1989-1990

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1983 (23 gol)
1987 (23 gol)
1989-1990 (5 gol, condiviso con Sergio Omar Almirón)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (PT) Jorge Aravena, playerhistory.com. URL consultato il 10 aprile 2010.
  2. ^ a b (EN) Chile - Record International Players, RSSSF. URL consultato il 17 maggio 2010.
  3. ^ a b c (ES) Jorge Aravena, lacatolica.cl. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2007).
  4. ^ a b (ES) Jorge Aravena, deporcali.com. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2010).
  5. ^ (ES) 1987: El Botín de Oro de Aravena, deporcali.com. URL consultato il 17 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2010).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]