Jordan King

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jordan King
2014 F3 HockenheimringII Jordan King by 2eight 8SC4318.jpg
Jordan King nel 2014
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Formula 2
Ruolo Pilota
Squadra MP Motorsport
 

Jordan King (Warwick, 26 febbraio 1994) è un pilota automobilistico britannico.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi e la Formula Renault 2.0 britannica[modifica | modifica wikitesto]

King inizia la sua carriera nei kart, per poi passare alle monoposto alla fine del 2010, quando partecipa alla Formula Renault britannica e si laurea campione l'anno successivo.

Nel 2009, all'età di soli quindici anni, King prova una vettura di Formula 2. Partecipa a quattro gare di Formula Palmer Audi nel weekend tenutosi a Silverstone nel 2010, riuscendo ad ottenere il podio dopo aver impressionato il capo della categoria, Jonathan Palmer. Nel 2011 firma per correre tre gare del campionato[1][2]: quelle di Spa-Francorchamps, del Nürburgring e Brands Hatch, che si tenevano durante la pausa estiva della Formula Renault britannica. King è il più giovane pilota ad aver partecipato alla categoria nell'era moderna.

GP2 Series/FIA Formula 2[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2015, King passa alla GP2, dove corre per la Racing Engineering in coppia con Alexander Rossi[3]. Ottiene un podio e il 12º posto in classifica generale. Nella stagione 2016 continua nella categoria con lo stesso team, a fianco del compagno di squadra Norman Nato[4]. Riesce a conquistare le sue prime due vittorie nella categoria, nelle gare sprint del Red Bull Ring e di Silverstone, concludendo il campionato in settima posizione. Nella stagione 2017 continua in GP2, rinominata Formula 2, ma cambia team passando alla MP Motorsport[5]. Al termine della stagione si mantiene all'undicesimo posto in campionato con 62 punti.

Nella stagione 2019 torna nella categoria, correndo nuovamente per il team MP Motorsport.[6]

IndyCar Series[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 gennaio 2017 viene ufficializzato il suo approdo nella serie americana IndyCar, con il team Ed Carpenter Racing.[7] Corre 11 gare, ottenendo un undicesimo posto quale miglior risultato.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Riassunto della carriera[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Campionato Team Gare Vittorie Pole Giri Veloci Podi Punti Pos
2010 Formula Palmer Audi MotorSport Vision 4 0 1 0 1 20 23º
Formula Renault Winter Series britannica Manor Competition 6 0 0 0 0 43 15º
2011 Formula Renault 2.0 britannica Manor Competition 20 0 1 1 1 265
MRF Formula 1600 India Team Sidvin 8 4 1 6 6 ?
Formula 2 MotorSport Vision 6 0 0 0 0 17 14º
2012 Formula Renault 2.0 NEC Manor MP Motorsport 20 1 0 2 9 316
Eurocup Formula Renault 2.0 14 0 0 0 1 31 13º
Toyota Racing Series M2 Competition 14 1 1 1 4 591
2013 Formula 3 europea Carlin 30 0 0 1 2 176
Formula 3 britannica 12 3 2 2 8 176
2014 Formula 3 europea Carlin 32 0 0 0 5 217
2015 GP2 Series Racing Engineering 22 0 0 1 1 60 12º
Formula 1 Manor Marussia F1 Team Collaudatore
2016 GP2 Series Racing Engineering 22 2 0 1 5 122
Formula 1 Manor Collaudatore
2017 Formula 2 MP Motorsport 22 0 0 0 0 62 11º
2018 IndyCar Ed Carpenter Racing 11 0 0 0 0 175 22º
2019 Formula 2 MP Motorsport 6 0 0 1 1 26

Risultati in Formula 2[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Le gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Team 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Pos. Punti
2011 MotorSport Vision SIL
1
SIL
2
MAG
1
MAG
2
SPA
1

17
SPA
2

8
NÜR
1

5
NÜR
2

9
BRH
1

Rit
BRH
2

10
RBR
1
RBR
2
MNZ
1
MNZ
2
CAT
1
CAT
2
14° 17

Risultati in Formula 3 europea[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Le gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Scuderia Motore 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 Pos. Punti
2013 Carlin Volkswagen MNZ
1

7
MNZ
2

Rit
MNZ
3

9
SIL
1

11
SIL
2

Rit
SIL
3

6
HOC
1

11
HOC
2

9
HOC
3

5
BRH
1

7
BRH
2

13
BRH
3

11
RBR
1

3
RBR
2

6
RBR
3

5
NOR
1

17
NOR
2

9
NOR
3

9
NÜR
1

4
NÜR
2

4
NÜR
3

Rit
ZAN
1

4
ZAN
2

4
ZAN
3

2
VAL
1

13
VAL
2

Rit
VAL
3

5
HOC
1

6
HOC
2

8
HOC
3

9
176
2014 Carlin Volkswagen SIL
1

3
SIL
2

6
SIL
3

9
HOC
1

3
HOC
2

9
HOC
3

7
PAU
1

5
PAU
2

18†
PAU
3

9
HUN
1

5
HUN
2

Rit
HUN
3

NP
SPA
1

10
SPA
2

10
SPA
3

10
NOR
1

Rit
NOR
2

2
NOR
3

3
MSC
1

2
MSC
2

5
MSC
3

Rit
RBR
1

9
RBR
2

Rit
RBR
3

7
NÜR
1

4
NÜR
2

6
NÜR
3

5
IMO
1

2
IMO
2

19
IMO
3

11
HOC
1

6
HOC
2

13
HOC
3

2
217

Risultati in GP2 Series[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Le gare in corsivo indicano Gpv)

Anno Scuderia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 Pos. Punti
2015 Racing Engineering BHR
FEA

4
BHR
SPR

9
ESP
FEA

14
ESP
SPR

11
MON
FEA

9
MON
SPR

Rit
AUT
FEA

12
AUT
SPR

7
GBR
FEA

22†
GBR
SPR

10
HUN
FEA

6
HUN
SPR

12
BEL
FEA

8
BEL
SPR

2
ITA
FEA

8
ITA
SPR

Rit
RUS
FEA

Rit
RUS
SPR

15
BHR
FEA

9
BHR
SPR

6
ABU
FEA

6
ABU
SPR

canc.
12° 60
2016 Racing Engineering ESP
FEA

7
ESP
SPR

3
MON
FEA

Rit
MON
SPR

16
EUR
FEA

12†
EUR
SPR

4
AUT
FEA

8
AUT
SPR

1
GBR
FEA

8
GBR
SPR

1
HUN
FEA

8
HUN
SPR

2
GER
FEA

15
GER
SPR

11
BEL
FEA

2
BEL
SPR

12
ITA
FEA

7
ITA
SPR

4
MAL
FEA

5
MAL
SPR

14
ABU
FEA

13
ABU
SPR

10
122

Il pilota si è ritirato, ma viene ugualmente classificato avendo coperto più del 90% della distanza.

Risultati in Formula 2 FIA[modifica | modifica wikitesto]

(legenda) (Le gare in grassetto indicano la pole position) (Le gare in corsivo indicano Gpv)

Stagione Squadra 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 Pos Punti
2017 MP Motorsport BHR
FEA

4
BHR
SPR

5
CAT
FEA

9
CAT
SPR

5
MON
FEA

9
MON
SPR

8
BAK
FEA

6
BAK
SPR

SQ
RBR
FEA

9
RBR
SPR

6
SIL
FEA

7
SIL
SPR

Rit
HUN
FEA

15
HUN
SPR

11
SPA
FEA

Rit
SPA
SPR

14
MNZ
FEA

10
MNZ
SPR

20
JER
FEA

6
JER
SPR

Rit
YMC
FEA

8
YMC
SPR

Rit
11º 62
2019 MP Motorsport BHR
FEA

17
BHR
SPR

8
BAK
FEA

3
BAK
SPR

Rit
CAT
FEA

7
CAT
SPR

7
MON
FEA
MON
SPR
LEC
FEA

LEC
SPR

RBR
FEA

RBR
SPR

SIL
FEA

SIL
SPR

HUN
FEA

HUN
SPR

SPA
FEA

SPA
SPR

MNZ
FEA

MNZ
SPR

SOC
FEA

SOC
SPR

YMC
FEA

YMC
SPR

26

Partecipazioni in Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

2016 Scuderia Vettura Flag of Australia.svg Flag of Bahrain.svg Flag of the People's Republic of China.svg Flag of Russia.svg Flag of Spain.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of Europe.svg Flag of Austria.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Hungary.svg Flag of Germany.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of Singapore.svg Flag of Malaysia.svg Flag of Japan.svg Flag of the United States.svg Flag of Mexico.svg Flag of Brazil.svg Flag of the United Arab Emirates.svg Punti Pos.
Manor MRT05 SP SP
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jordan King adds F2 programme [collegamento interrotto], in Formula 2, 3 giugno 2011. URL consultato il 3 giugno 2011.
  2. ^ (EN) Jordan King joins Racing Engineering for 2015, in GP2 Series, 2 febbraio 2015. URL consultato il 25 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2015).
  3. ^ (EN) Vince Pettit, FORMER BRITISH F3 CHAMPION KING JOINS GP2 GRID FOR 2015, in theCheckeredFlag.co.uk. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  4. ^ Jordan King con Racing Engineering anche nel 2016, su it.motorsport.com, 15 gennaio 2016. URL consultato il 19 settembre 2017.
  5. ^ Jordan King continua in GP2 con la MP Motorsport nel 2017, su it.motorsport.com, 14 febbraio 2017. URL consultato il 19 settembre 2017.
  6. ^ (EN) MP Motorsport confirm their 2019 line-up, su fiaformula2.com, 22 marzo 2019. URL consultato il 22 marzo 2019.
  7. ^ Jordan King approda in Indycar con la Ed Carpenter Racing, in Motorsport.com. URL consultato il 5 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]