Jonny Greenwood

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jonny Greenwood
Jonny Greenwood ad Amsterdam nel 2006
Jonny Greenwood ad Amsterdam nel 2006
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Indie rock
Alternative rock
Rock sperimentale
Musica classica
Dance rock
Periodo di attività 1986 – in attività
Strumento Chitarra, Pianoforte, Tastiere, Sintetizzatore, Ondes Martenot, Glockenspiel, Viola, Basso, Batteria, Percussioni, Mellotron, Banjo, Campionatore, Organo, Celesta, Fisarmonica, Armonica, Flauto dolce, Tambura
Gruppo attuale Radiohead
Album pubblicati 7
Studio 7

Jonathan Richard Guy Greenwood, detto Jonny (Oxford, 5 novembre 1971), è un polistrumentista e compositore inglese, noto per essere chitarrista solista dei Radiohead.

È considerato uno dei migliori chitarristi di tutti i tempi[1][2][3][4][5][6].

Oltre che la chitarra, nei Radiohead suona anche tastiere, pianoforte, sintetizzatore, glockenspiel, ondes Martenot, viola, basso, batteria, percussioni, campionatore, mellotron, banjo, organo, celesta, fisarmonica, armonica, flauto dolce e tamburo. È il fratello minore del bassista dei Radiohead Colin Greenwood.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jonny Greenwood mentre suona l'Ondes Martenot.

Fratello minore di Colin Greenwood, è stato l'ultimo a entrare nella band ma attualmente ne è al centro dell'attività musicale; tutti gli arrangiamenti passano da lui, e molte linee melodiche sono state composte da lui. Jonny cominciò a partecipare come "addetto all'armonica" alle prove del fratello, bassista dei primissimi On a Friday, band inglese all'epoca semi-sconosciuta. La sua grande versatilità e preparazione musicale gli permisero di passare rapidamente alle tastiere e quindi alla chitarra solista, mentre Ed O'Brien passava poco a poco al ruolo di secondo chitarrista.

Nel 1991, abbandonati gli studi di psicologia e musica alla Oxford Brookes University, Jonny aderì completamente al progetto della band (che già aveva cambiato il proprio nome in Radiohead) di registrare un primo album e tentare di far conoscere in giro per l'Inghilterra la propria musica.

A Jonny si deve integralmente la musica di alcune delle canzoni di maggior successo dei Radiohead, tra l'altro: The Tourist e Let Down (nell'album Ok Computer), A Wolf at the door (in Hail to the Thief), passando per l'intera terza parte di Paranoid Android (quella con il prepotente assolo di chitarra della sezione "Rain down"), o per l'assolo di chitarra di There There. In generale, Jonny è con Thom Yorke considerato il membro più intellettuale della band e quello musicalmente più colto e versatile.

Riservato, affetto da daltonismo, Jonny è noto anche per la pettinatura che gli copre gli occhi, e per un'imbracatura che ha portato a lungo al braccio durante i concerti, per curare una tendinite dovuta all'energia delle sue performance chitarristiche live. Ha stretto un intenso sodalizio con Thom Yorke, col quale suona in duo negli show case acustici, e con cui rappresenta il vero nucleo compositivo della band, fin dagli anni in cui Thom era andato a studiare all'Università di Exeter. Sono di Jonny anche gli accordi di piano che aprono il primo cd solista di Yorke, nella canzone The Eraser.

Jonny Greenwood.jpg

Jonny è attualmente composer in residence presso la Bbc Orchestra, stage triennale dell'istituzione londinese che di solito premia riconosciuti musicisti classici; ed è, anche, un polistrumentista che nella sua carriera di musicista ha approcciato vari strumenti, fra cui il banjo (a tre anni), il flauto dolce, la viola, la chitarra e le tastiere; tra le sue influenze ci sono musicisti colti del Novecento come Krzysztof Penderecki oppure Olivier Messiaen, dal quale Jonny ha ripreso la passione per le Ondes Martenot, introdotte nell'album Kid A. Altre citazioni di Jonny sono il Miles Davis di Bitches Brew, il jazz, il post-punk inglese.

Nel 2004 ha diretto un documentario contenente due cortometraggi del regista Simon Pummel, con progetto grafico di Graham Temple, in commercio con il titolo unico di "Bodysong". Bodysong è anche il titolo della sua prima opera da solista. Mojo l'ha inserito nella lista dei 1000 chitarristi rock più influenti di tutti i tempi.

È stato inserito al quarantottesimo posto nella classifica dei migliori chitarristi di sempre secondo Rolling Stone[1]. Il suo assolo in Paranoid Android è stato invece decretato il trentaquattresimo migliore di tutti i tempi da Guitar World[2].

Sposato con Sharona Greenwood ha due figli: un maschio di nome Tamir (a cui è stato dedicato l'album Hail to the thief) e una femmina di nome Omri nata nel 2005.

Da pochi anni Greenwood ha comprato una casa in Italia, dove si reca spesso nei periodi estivi, dichiarando che il paesaggio italiano è il più bello al mondo[7].

Compositore di colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 scrive le musiche per il film di Paul Thomas Anderson Il petroliere, per il quale vince l'Orso d'argento, e nel 2010 quella per Norwegian Wood. Nel 2011 compone le musiche per il film ...e ora parliamo di Kevin. Nel 2012 e nel 2014 scrive le musiche per altri due film di Paul Thomas Anderson: The Master e Vizio di forma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Jonny Greenwood - 100 Greatest Guitarists. URL consultato il 2015-05-31.
  2. ^ a b 100 Greatest Guitar Solos: No. 34 "Paranoid Android" (Jonny Greenwood) | Guitar World su www.guitarworld.com. URL consultato il 2015-05-31.
  3. ^ The 50 Greatest Guitarists... Ever! | Gigwise su gigwise.com. URL consultato il 2015-05-31.
  4. ^ Jonny Greenwood - Top ten greatest guitarists of all time - Pictures - Music - Virgin Media su www.virginmedia.com. URL consultato il 2015-05-31.
  5. ^ SPIN’s 100 Greatest Guitarists of All Time | SPIN. URL consultato il 2015-05-31.
  6. ^ BBC - 6Music - The Axe Factor. URL consultato il 2015-05-31.
  7. ^ Fermo è rock! Incontri internazionali al Mercatino del Giovedì. Jonny Greenwood dei Radiohead a spasso indisturbato tra le bancarelle. GUARDA IL VIDEO

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN85817108 · LCCN: (ENno2006057100 · ISNI: (EN0000 0001 1681 6029 · GND: (DE135339529 · BNF: (FRcb15030105g (data)