Jone Spartano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ione Spartano
JoneSpartano.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex interno)
Ritirato 1956 - giocatore
???? - allenatore
Carriera
Giovanili
????-1945 Juve Stabia
Squadre di club1
1945-1946 Ercolanese ? (?)
1946-1949 Napoli 54 (3)
1949-1951 Roma 49 (7)
1951-1952 Udinese 23 (2)
1952-1954 Brescia 50 (3)
1954-1956 Catania 26 (0)
Carriera da allenatore
1964-1965 Savoia
1965-1966 Internapoli
1966-1969 Savoia
1970-1971 Terzigno[1]
1971-1972 Enna[2]
1972-1973 Savoia
1975-1976 Puteolana [3]
1976-1977 Casertana
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Jone Spartano – all'anagrafe Ione – (Castellammare di Stabia, 8 dicembre 1926) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella Juve Stabia[4] e nell'Ercolanese, nel 1946 venne acquistato dal Napoli, approdando così in Serie A. Esordì in massima serie il 1º giugno 1947 in Napoli-Inter (1-0). In tre stagioni in maglia azzurra collezionò 54 presenze e tre reti, quindi nel 1949 si trasferì alla Roma, dove rimase per due anni prima di trasferirsi all'Udinese. Nel 1952 passò al Brescia, in Serie B, quindi nel 1954 si trasferì al Catania, dove terminò la carriera. In massima serie collezionò complessivamente 100 presenze e 9 reti.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Da allenatore guidò più volte il Savoia di Torre Annunziata sempre in coppia con Giulio Lopez, tranne che nella stagione 1972-73. La prima volta fu nel 1964, quando sostituì Bruno Pesaola chiamato alla corte del Napoli. Vinse gli spareggi promozione per la Serie D rimanendovi fino alla fine del campionato successivo. Nel 1965-66 allenò l'Internapoli[5] ma nel maggio del 1966 ritornò al Savoia per sostituire Giacomo Blason[6] e vi rimase fino all'8ª giornata del 1968-69 quando fu sostituito da Pietro Santin. L'ultima stagione sulla panchina dei napoletani fu nel campionato 1972-1973, chiamato alla 10ª giornata ed esonerato alla 32ª. Nella stagione 1975-1976 subentra a Luigi Biccari sulla panchina della Puteolana, che conclude la stagione alla 16ª posizione dopo aver ottenuto 32 punti[3].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Savoia: 1963-1964

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, p. 314
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1972, edizioni Panini, p. 316
  3. ^ a b Di Iorio, da numero uno della Puteolana a preparatore dei portieri dell’Udinese campiflegreinews.it
  4. ^ Le liste di trasferimento dei calciatori per la stagione 1945-46, Il Corriere dello Sport, 20 settembre 1945, pag.2
  5. ^ I favolosi anni 60, enenient.it. URL consultato il 7 settembre 2013.
  6. ^ Calvelli, Lucibelli, Schettino, pag. 334

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Chrystian Calvelli, Giuseppe Lucibelli; Raffaele Schettino, Savoia storia e leggenda dall'Oncino al Giraud, Gragnano, Stampa Democratica '95, dicembre 2000. ISBN non esistente

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Jone Spartano, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.