Joker (film 2019)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Joker
Joker (2019) logotype.png
Il logo del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2019
Durata123 min
Rapporto1,85:1
Generedrammatico, poliziesco, thriller
RegiaTodd Phillips
SoggettoBob Kane, Bill Finger, Jerry Robinson
SceneggiaturaTodd Phillips, Scott Silver
ProduttoreBradley Cooper, Todd Phillips, Emma Tillinger Koskoff
Produttore esecutivoMichael E. Uslan, Walter Hamada, Aaron L. Gilbert, Joseph Garner, Richard Baratta, Bruce Berman
Casa di produzioneWarner Bros., Village Roadshow Pictures, Joint Effort, BRON Studios, Creative Wealth Media Finance, DC Comics, DC Eintertainment
Distribuzione in italianoWarner Bros.
FotografiaLawrence Sher
MontaggioJeff Gorth
Effetti specialiBryan Godwin, Edwin Rivera
MusicheHildur Guðnadóttir
ScenografiaMark Friedberg
CostumiMark Bridges
TruccoSunday Englis, Tania Ribalow
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Joker è un film del 2019 diretto da Todd Phillips.

La pellicola, basata sull'omonimo personaggio dei fumetti DC Comics ma scollegata dai film del DC Extended Universe, vede Joaquin Phoenix interpretare il protagonista affiancato nel cast da Robert De Niro, Zazie Beetz, Frances Conroy e Brett Cullen. Il film ha ricevuto ben 11 candidature ai Premi Oscar 2020, risultando quindi il film con più candidature in tale edizione.[1] Inoltre è il primo film basato su un personaggio della DC Comics ad essere stato candidato all'ambito premio per la categoria miglior film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Arthur Fleck / Joker (Joaquin Phoenix) in una scena del film

Arthur Fleck è un individuo profondamente alienato che, nella Gotham City del 1981 sempre più preda del degrado e della disuguaglianza sociale, vive con l'anziana madre Penny in un appartamento dei bassifondi.

Oltre ad essere depresso, l'uomo soffre di un raro disturbo (simile alla sindrome pseudobulbare) che gli provoca improvvisi e incontrollabili attacchi di risate, specie in momenti di forte tensione. Il suo sogno è diventare un cabarettista come il suo idolo, il presentatore televisivo Murray Franklin, ma la mancanza del talento necessario lo costringe a guadagnarsi da vivere come clown. La sua squallida routine è risollevata solo dalle fugaci visioni di Sophie Dumond, la vicina di casa di cui si è invaghito dopo che lei gli ha rivolto una parola gentile in ascensore.

Mentre il noto miliardario Thomas Wayne si candida a sindaco e dopo che è stata diffusa la notizia di grossi tagli alla spesa pubblica, tra cui il servizio di assistenza sociale di cui Arthur beneficia, durante un lavoro come pagliaccio subisce un pestaggio da parte di alcuni teppisti, che rompono il cartello utilizzato per la mansione; Hoyt Vaughn, il suo capo, lo rimprovera ritenendolo responsabile del danno facendo crescere il suo senso di frustrazione e di sconforto. Saputo dell'incidente un collega di Arthur, Randall, gli dà una pistola per difendersi ma questa gli cade di tasca durante un'esibizione per alcuni bambini ricoverati in un ospedale pediatrico: l'episodio gli fa perdere il posto in quanto Randall incastra Arthur dicendo a Vaughn che voleva acquistarla da lui volontariamente. Quella stessa notte, mentre torna a casa in metropolitana ancora truccato da pagliaccio, Arthur viene preso di mira a causa della sua condizione da un gruppo di giovani yuppies che cominciano a picchiarlo brutalmente; Arthur stavolta reagisce, estrae la pistola e li uccide.

L'identikit dell'assassino, unito al fatto che le vittime fossero degli impiegati di Wayne e che proprio questi definisca "clown" chi gode della loro morte solo perché più poveri di loro, fa sì che sempre più persone tra le classi sociali più disagiate si identifichino nel misterioso giustiziere e protestino mascherati da pagliacci contro Wayne: il senso di rivalsa scaturito dall'omicidio dà ad Arthur la fiducia necessaria per dichiararsi a Sophie, con cui comincia una relazione, e per fare il suo primo provino come cabarettista; poco dopo, in una delle tante lettere che la madre scrive a Wayne, Arthur legge che è suo figlio ed è nato da una sua relazione illecita con la donna, sua segretaria negli anni cinquanta.

Arthur si reca quindi a Villa Wayne per parlare con il presunto padre ma viene allontanato dal maggiordomo Alfred dopo aver scambiato qualche parola con il piccolo Bruce. La sera stessa torna a casa per scoprire un'ambulanza che porta via sua madre; mentre è fuori dall'ospedale una coppia di detective, gli ispettori Burke e Garrity, lo raggiungono e lo interrogano in merito agli omicidi della metropolitana e agli episodi che hanno causato il suo licenziamento. Arthur mente per poi rientrare in ospedale dove rimane insieme a sua madre e Sophie, che lo ha raggiunto. Inaspettatamente assiste allo show di Franklin, che deride il suo malriuscito provino mandato in diretta.

Il giorno dopo, Arthur si infiltra ad un evento di beneficenza di Thomas Wayne per chiedergli spiegazioni; riesce ad avvicinarlo mentre si trova in bagno e il magnate afferma che la donna è una malata mentale ossessionata da lui e che Arthur non sia affatto suo figlio poiché in realtà è stato adottato.

Recatosi all'ospedale psichiatrico Arkham Asylum Arthur scopre la verità: sua madre soffre realmente di disturbi psichici e lo adottò per farlo sembrare figlio di Thomas abbandonandolo poi agli abusi del suo partner, che lo maltrattò a tal punto da provocargli il trauma cerebrale all'origine del suo disturbo. Arthur ritorna quindi in ospedale dove uccide la madre soffocandola con un cuscino, vendicandosi poichè responsabile di avergli distrutto la vita; torna quindi a casa di Sophie, dove si rende conto che i momenti vissuti insieme a lei erano solo delle allucinazioni e che in realtà per lei è poco più di un estraneo.

L'indomani Arthur riceve un'inattesa telefonata che lo informa che la produzione dello show di Franklin lo vuole come ospite di una puntata. Arthur accetta, con l'intenzione di suicidarsi in diretta TV . Nel frattempo i suoi ex colleghi Randall e Gary gli fanno visita in quanto hanno saputo della morte della madre; Arthur, a sangue freddo, uccide Randall ma risparmia Gary in quanto è stato l'unica persona che l'ha sempre trattato bene. Arthur si prepara quindi a partecipare allo show realizzando un nuovo make-up da clown, tingendosi i capelli di verde e truccandosi la faccia in modo da somigliare alla maschera che indossa chi sta protestando in città; mentre si dirige agli studi televisivi viene trovato e rincorso dai due detective ma riesce a seminarli nella metropolitana, dove fa scoppiare una sommossa.

Mentre la più grande manifestazione dei clown anti-Wayne vista fino allora monta fuori dallo studio televisivo, anche la situazione al suo interno trascende e Arthur, che ha adottato lo pseudonimo Joker, dopo aver rivelato di essere lui l'assassino degli yuppies, accusa Murray, Wayne e i cittadini di Gotham di essere persone orribili e i veri responsabili di ciò che è diventato per poi uccidere Murray in diretta sparandogli in testa.

Il gesto scatena ancor di più la folla, che mette a ferro e fuoco la città, e poco dopo Wayne e sua moglie Martha vengono uccisi in un vicolo davanti al figlio Bruce da uno dei clown. Arthur viene arrestato per l'omicidio di Murray e condotto via da una volante attraverso la città invasa dalla folla belligerante: quest'ultima, nel marasma generale, riesce a distruggere la volante tamponandola con un'ambulanza e tramortendo i due poliziotti. Arthur, svenuto per l'incidente, si sveglia circondato dalla gente che lo acclama e quindi sale sul tettuccio della volante e balla per la folla per poi disegnarsi con il suo stesso sangue un sorriso sulle labbra.

Rinchiuso all'Arkham Asylum, Arthur trova una nuova psichiatra che gli chiede di raccontarle la barzelletta che lo ha spinto a ridere tra sé e sé; dopo averle risposto che non l'avrebbe capita, Arthur lascia la stanza lasciando dietro di sé una scia di impronte di sangue, probabilmente della psichiatra stessa da lui appena uccisa, e viene rincorso dagli infermieri per i corridoi dell'istituto.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Arthur Fleck/Joker, interpretato da Joaquin Phoenix:[2] un aspirante cabarettista i cui problemi mentali vengono acuiti dall'alienazione dalla società.[2][3][4] Phoenix è il settimo attore a interpretare il personaggio per il cinema, dopo Cesar Romero, Jack Nicholson (interpretato in dei flashback da Hugo Blick e David Hodges), Heath Ledger e Jared Leto.[5] Prima del suo coinvolgimento, per il ruolo era stato considerato Leonardo DiCaprio.[6] Phoenix, che era interessato a recitare in uno "studio del personaggio" su un cattivo dei fumetti già prima dell'annuncio del film, ha descritto il progetto come «unico, in certi aspetti un mondo a parte, e forse [...] Questa potrebbe essere la cosa più spaventosa di tutte».[7] L'attore ha perso 24 chili per la parte e ha basato la propria risata da Joker su delle riprese di persone affette da un disturbo emotivo di origine neurologica noto come sindrome pseudobulbare.[8][9][10] Per meglio comprendere le motivazioni del personaggio, ha letto inoltre diversi libri sugli attentatori di politici e altre figure importanti.[11]
  • Murray Franklin, interpretato da Robert De Niro:[12] un presentatore di un talk show televisivo che contribuirà al crollo psicologico di Arthur.[13] De Niro ha definito il ruolo come «un omaggio» al personaggio da lui interpretato in Re per una notte (1983) di Martin Scorsese, una delle fonti d'ispirazione della pellicola.[12][14]
  • Sophie Dumond, interpretata da Zazie Beetz:[15] una ragazza madre di cui Arthur è invaghito.[15][16] Beetz, definitasi «una grande ammiratrice» di Phoenix, ha dichiarato che è stato «un onore» lavorare con lui,[17] e di aver imparato molto sul set.[18]
  • Penny Fleck, interpretata da Frances Conroy: l'anziana madre di Arthur.[19] Hannah Gross interpreta Penny da giovane in un flashback.[20]

Inoltre, Brett Cullen interpreta Thomas Wayne, un miliardario candidatosi a sindaco di Gotham City; a differenza della precedenti versioni del personaggio, questa gioca un ruolo nella discesa di Arthur nella pazzia ed è meno simpatetica.[21][22] Glenn Fleshler interpreta Randall, un pagliaccio collega di Arthur.[4][23] Bill Camp e Shea Whigham interpretano Garrity e Burke, due detective del Dipartimento di polizia di Gotham City che investigano su Arthur.[23][24] Marc Maron interpreta Gene Ufland, il produttore dello show di Franklin.[25]

Tra gli altri interpreti, Douglas Hodge è il maggiordomo dei Wayne Alfred Pennyworth,[26] mentre Leigh Gill e Josh Pais interpretano rispettivamente Gary, un collega di Artur affetto da nanismo, e il suo capo Hoyt Vaughn.[4][23][27] Brian Tyree Henry interpreta Carl, un addetto agli archivi dell'Arkham Asylum, e Dante Pereira-Olson interpreta Bruce Wayne, il piccolo figlio di Thomas.[23][26]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Joaquin Phoenix era interessato a recitare in un film che fosse uno "studio del personaggio" su un cattivo dei fumetti fin dal 2014.[7] Il suo agente gli aveva consigliato di sottoporre quest'idea alla Warner Bros., ma Phoenix aveva rifiutato poiché riteneva che gli antagonisti della DC Comics come il Joker fossero già stati trattati in maniera troppo simile a ciò che aveva in mente.[7]

Nel 2016 Todd Phillips ha esposto alla Warner la propria idea per un film sulle origini del Joker, presentandolo come parte di un progetto volto a distanziare l'approccio produttivo della DC Films da quello della concorrente Marvel Studios tramite la realizzazione di singoli film a basso budget invece che di più blockbuster interconnessi in un universo cinematografico.[28][29] Phillips ha terminato di scrivere assieme a Scott Silver la sceneggiatura del film nel 2017:[30] pur essendosi confrontati con precedenti incarnazioni fumettistiche del Joker come Batman: The Killing Joke (1988) di Alan Moore e Brian Bolland, i due hanno però deciso di realizzare una storia completamente inedita delle origini del personaggio.[2][31][32] Phillips ha dovuto convincere del progetto numerosi produttori della Warner, contrari a un approccio del genere applicato a un personaggio di cui vendevano «persino pigiami per bambini», dichiarando che: «all'epoca, li maledicevo quotidianamente dentro di me. Ma, col senno di poi [...] sono stati parecchio coraggiosi a lasciarmelo fare».[8]

Lo sviluppo di un film in solitaria sul Joker è stato annunciato infine nell'agosto del 2017, dopo che la Warner aveva deciso di ridimensionare la natura interconnessa del DC Extended Universe in seguito ai risultati al di sotto delle aspettative del crossover Batman v Superman: Dawn of Justice (2016) e l'accoglienza positiva riservata invece al film in solitaria di Wonder Woman l'anno seguente.[33] A produrre il film ci sarebbe stato Martin Scorsese,[14] i cui film Taxi Driver (1976), Toro scatenato (1980) e Re per una notte (1983) erano stati citati da Phillips come fonti d'ispirazione per il progetto.[14]

Volendo puntare verso una minor continuità tra i vari film del DCEU,[33] la Warner ha preferito non coinvolgere Jared Leto, interprete del personaggio all'interno del DCEU a partire da Suicide Squad (2016), cercando un nuovo attore per il progetto: a settembre, si è detta interessata a offrire la parte a Leonardo DiCaprio, sperando che la presenza di Scorsese, col quale aveva instaurato una prolifica collaborazione, lo convincesse a legarsi al progetto.[6] La prima scelta di Phillips per la parte era invece Phoenix, che è poi entrato in trattative per il ruolo nel febbraio del 2018.[34] L'attore ha dichiarato di essere interessato al film perché gli sembrava «unico» e non il «tipico film di una grande produzione»,[7] oltre al fatto che non lo avrebbe obbligato ad apparire in sequel e altri film correlati, cosa che lo aveva precedentemente spinto a rifiutare i ruoli di Hulk e Dottor Strange nei film del Marvel Cinematic Universe.[35] L'accordo con Phoenix è stato finalizzato nel luglio del 2018,[36] fortemente voluto da Walter Hamada, nuovo capo della DC Films in seguito all'insuccesso critico e commerciale di Justice League (2017).[37][38]

Pre-produzione[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo l'entrata ufficiale di Phoenix nel cast, la Warner ha dato il via libera alla produzione del film,[36][39] fissando la data di uscita per il 4 ottobre 2019 col titolo di Joker.[40] La produttrice Emma Tillinger Koskoff ha sostituito Scorsese, suo collaboratore abituale, che ha abbandonato la produzione del progetto per via di altri impegni lavorativi.[41] La Warner ha confermato che il film sarebbe stato scollegato dal DCEU e dal Joker di Leto, annunciando di puntare a un divieto per i minori di 17 anni da parte della Motion Picture Association of America.[42][43] Per il film è stato stanziato un budget tra i 55 e i 65 milioni di dollari.[38][44]

Sempre nel luglio 2018, la produzione si è detta interessata a scritturare Robert De Niro e Zazie Beetz per dei ruoli da non protagonista di primo piano.[15][45] Beetz si è unita subito al cast,[16] mentre De Niro è entrato in trattative per la parte il mese seguente.[13][46] Dopo che Frances McDormand ha rifiutato il ruolo della madre del Joker, Frances Conroy è entrata in trattative per il ruolo.[19][47] Lo stesso mese Marc Maron e Bryan Callen sono entrati a far parte del cast.[48][49][50] Alec Baldwin è entrato nel cast nel ruolo di Thomas Wayne,[51] abbandonando la parte due giorni più tardi per altri impegni lavorativi.[52]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Un vagone della linea C della metropolitana di New York, trasformato per le riprese nella fittizia Linea 0 della metropolitana di Gotham City.

La produzione del film è partita il 2 settembre 2018.[53] Le riprese sono cominciate il 10 settembre seguente a New York,[51][54] sotto il titolo di lavorazione di Romeo.[55] A ricoprire il ruolo di direttore della fotografia è stato Lawrence Sher, che aveva già collaborato col regista nella trilogia di Una notte da leoni.[4] Poco dopo l'inizio delle riprese, De Niro ha ufficializzato la sua partecipazione al film, Brett Cullen ha sostituito Baldwin nel ruolo di Thomas Wayne, Shea Whigham, Glenn Fleshler, Bill Camp, Josh Pais e Douglas Hodge si sono uniti al cast, mentre Bradley Cooper si è unito al progetto come produttore.[4][27][56]

Il 22 settembre sono state girate delle scene a Brooklyn.[57] Alcune delle comparse a Brooklyn hanno lamentato al sindacato degli attori (SAG-AFTRA) di essere rimaste chiuse in un vagone della metropolitana per oltre tre ore a causa delle riprese, in violazione delle pause minime sindacali: la questione è stata risolta in sede civile dalla Warner.[58] Verso la fine del mese si sono tenute delle riprese ad Astoria, nel Queens.[59] Le riprese si sono poi trasferite nel New Jersey, cominciando il 30 settembre a Jersey City e spostandosi a Newark dal 13 ottobre.[55] Lo stesso mese, Dante Pereira-Olson è entrato nel cast.[26] Agli inizi di novembre, le riprese sono tornate a Jersey City,[55] per poi spostarsi nuovamente nello stato di New York.[60] Le riprese si sono poi concluse il 3 dicembre 2018.[61]

Secondo quanto dichiarato da Beetz, Phillips ha riscritto buona parte della sceneggiatura a riprese in corso, spesso la sera prima di girare, ripetendo più volte le stesse scene anche a settimane di distanza visto che Phoenix aveva perso 24 chili per il ruolo, cosa che non avrebbe reso possibile delle riprese aggiuntive una volta terminate quelle principali.[62] Sul set Phillips si è servito della colonna sonora composta da Hildur Guðnadóttir per dirigere gli attori, attraverso il posizionamento di casse e auricolari.[63]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La violoncellista islandese Hildur Guðnadóttir ha composto la colonna sonora del film.[64] Phillips l'ha scelta dopo essere rimasto molto colpito dalla sua colonna sonora per il film Soldado, fornendole la sceneggiatura del film perché potesse consegnargli alcune tracce ancor prima dell'inizio delle riprese.[63] Guðnadóttir ha dichiarato che una delle maggiori difficoltà affrontate durante il processo di scrittura è stata quella di lavorare allo stesso tempo alla colonna sonora della miniserie televisiva Chernobyl, definendola «molto diversa» da quella di Joker.[65]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 settembre 2018, il regista Todd Phillips ha pubblicato sul suo profilo Instagram un breve video raffigurante le prime immagini di Phoenix nei panni del Joker.[42][66] Il 2 aprile 2019 al CinemaCon, Phillips ha svelato il teaser trailer al pubblico presente,[67] poi diffuso online il giorno successivo.[68][69] Il trailer ha raccolto oltre 8 milioni di visualizzazioni su YouTube nelle prime ore dalla sua pubblicazione.[70] Il 28 agosto seguente è stato diffuso online il trailer ufficiale.[71]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Joaquin Phoenix sul red carpet al Festival di Venezia 2019.

Il film è stato presentato in anteprima il 31 agosto 2019 in concorso alla 76ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[72] L'anteprima statunitense si è tenuta il 28 settembre 2019 al TCL Chinese Theatre di Hollywood.[73] Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi da Warner Bros. a partire dal 4 ottobre 2019,[68] mentre in quelle italiane dal giorno precedente.[74]

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

La visione del film è stata vietata ai minori di 17 anni negli Stati Uniti da parte della Motion Picture Association of America a causa di «comportamenti inquietanti, violenza, linguaggio scurrile e contenuti sessuali»,[74] mentre in Italia ha ricevuto un divieto ai minori di 14 anni.[75] In Cina il film non è stato distribuito perché considerato pericoloso per l'ordine pubblico.[76]

Edizione Italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio venne effettuato presso la Dubbing Brothers Int. Italia e diretto da Massimiliano Alto su dialoghi di Francesco Marcucci. L'attore e doppiatore Adriano Giannini aveva già doppiato Joker nel film Il cavaliere oscuro diretto da Christopher Nolan (però il doppiaggio di quest'ultimo venne effettuato presso la SEFIT-CDC e diretto da Marco Mete, che è stato pure il dialoghista).

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Joker ha incassato 334,1 milioni di dollari in Nord America e 734,8 milioni nel resto del mondo, per un totale di 1,069 miliardi.[77]

Incassando 39,9 milioni di dollari al botteghino statunitense il primo giorno di programmazione (di cui 13,3 dalle anteprime della sera precedente) per un totale di 96,2 milioni al termine del proprio weekend d'esordio, il film ha superato Venom (2018) come miglior esordio del mese di ottobre, registrando anche il quarto miglior esordio di sempre per un film vietato ai minori di 17 anni.[44][78] Dopo aver superato i 780 milioni di Deadpool, è diventato il film vietato ai minori con i migliori incassi in assoluto.[79]

In Italia, incassando 6,2 milioni di euro, il film ha stabilito il terzo miglior weekend d'esordio dell'anno dopo Avengers: Endgame e Il re leone.[80] Alla fine della sua corsa Joker ha incassato 29,3 milioni di dollari, diventando il film della DC Comics di maggior successo in Italia ed il film basato su un personaggio dei fumetti più visto in Italia con 4,1 di spettatori, superando il record precedentemente stabilito da Avengers Endgame (anche se quest'ultimo è rimasto ancora primo per quanto riguarda gli incassi).

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto recensioni positive, talvolta entusiastiche, ma è stato anche criticato per il messaggio violento e la morale di fondo.[81] Sull'aggregatore Rotten Tomatoes riceve il 69% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 7,25 su 10 basato su 533 critiche,[82] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 59 su 100 basato su 58 critiche.[83]

Peter Travers di Rolling Stone ha molto apprezzato la performance di Joaquin Phoenix, definendola «da pugno nello stomaco», e concluso «che lo consideriate intrattenimento o provocazione, Joker è semplicemente stupendo».[84] Riguardo le critiche sulla violenza del film, Michael Moore ha commentato che «sì, c'è un pagliaccio disturbato in quello specchio, ma non è solo - siamo lì accanto a lui».[85]

In Italia, Maurizio Porro del Corriere della Sera lo ha definito «un miracolo perché riesce a mescolare in modo sorprendente il fumetto di Batman con una storia di degrado che ci riguarda da vicino».[86]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il regista Todd Phillips con il Leone d'oro vinto dal film.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oscar: al top Joker con 11 candidature - Ultima Ora, su Agenzia ANSA, 13 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  2. ^ a b c (EN) Sam Ashurst e Matt Chapman, Joaquin Phoenix's Joker film release date, plot, cast, trailer and everything you need to know, su digitalspy.com, 3 aprile 2019. URL consultato il 9 aprile 2019.
  3. ^ (EN) Chris Snyder e Ian Phillips, Everything you missed in the first 'Joker' teaser trailer, su businessinsider.com, 9 aprile 2019. URL consultato il 9 aprile 2019.
  4. ^ a b c d e (EN) Production is Underway on Warner Bros. Pictures’ "Joker", su businesswire.com, 17 settembre 2018. URL consultato il 18 settembre 2018.
  5. ^ (EN) The Joker: Joaquin Phoenix and the many faces of Gotham's most wanted, su BBC, 17 settembre 2018. URL consultato il 18 settembre 2018.
  6. ^ a b (EN) Kim Masters e Borys Kit, The Joker Movie: Warner Bros. Wants Class, Cachet and Maybe Leonardo DiCaprio, su The Hollywood Reporter, 1º settembre 2017. URL consultato il 5 settembre 2017.
  7. ^ a b c d (EN) Steve Weintraub, Exclusive: Joaquin Phoenix on His "Unique" Joker Movie and Why It Scares Him, su collider.com, 12 luglio 2018. URL consultato il 17 settembre 2018.
  8. ^ a b (EN) Josh Rottenberg, In ‘Joker' the stakes are life and death, and comic book movies may never be the same, in Los Angeles Times, 28 agosto 2019. URL consultato il 28 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2019).
  9. ^ (EN) Sam Stone, Joaquin Phoenix Sheds Weight Ahead of Joker Movie Role, su cbr.com, 1º settembre 2018. URL consultato il 18 settembre 2018.
  10. ^ (EN) Sam Stone, Joaquin Phoenix Reveals the Dark, Real World Origin of His Joker's Laugh, su cbr.com, 14 agosto 2019. URL consultato il 14 agosto 2019.
  11. ^ (EN) Henry Chu, In ‘Joker,' Joaquin Phoenix Wanted to Create a Character ‘That Wasn't Identifiable', in Variety, 31 agosto 2019. URL consultato il 31 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2019).
  12. ^ a b (EN) Eric Kohn, 'Joker': Robert De Niro Addresses the Connection Between His Character and 'King of Comedy', su indiewire.com, 3 aprile 2019. URL consultato il 3 aprile 2019.
    «There's a connection, obviously, with the whole thing. But it's not as a direct connection as the character I'm playing being Rupert many years later as a host.».
  13. ^ a b (EN) Borys Kit, Robert De Niro in Talks to Join Joaquin Phoenix in Joker Movie (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 23 luglio 2018. URL consultato il 24 luglio 2018.
  14. ^ a b c (EN) Mike Fleming Jr., The Joker Origin Story On Deck: Todd Phillips, Scott Silver, Martin Scorsese Aboard WB/DC Film, su deadline.com, 22 agosto 2017. URL consultato il 23 agosto 2017.
  15. ^ a b c (EN) Cooper Hood, Zazie Beetz's Role in Joker Revealed, su screenrant.com, 10 agosto 2018. URL consultato il 17 settembre 2018.
  16. ^ a b (EN) Borys Kit, 'Joker' Movie: 'Deadpool 2' Actress Zazie Beetz in Talks to Join Joaquin Phoenix (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 19 luglio 2018. URL consultato il 21 luglio 2018.
  17. ^ (EN) Jenna Anderson, Zazie Beetz is Excited to Be Working With Joaquin Phoenix on 'Joker' Movie, su comicbook.com, 18 settembre 2018. URL consultato il 19 settembre 2018.
  18. ^ (EN) J.K. Schmidt, Zazie Beetz Explains How Joker Movie Is Different Than Deadpool, su comicbook.com, 21 maggio 2019. URL consultato il 21 maggio 2019.
  19. ^ a b (EN) Umberto Gonzalez e Beatrice Verhoeven, 'Joker': Frances Conroy in Talks to Play Mom to Joaquin Phoenix's Joker in 'Batman' Spinoff (Exclusive), su thewrap.com, 14 luglio 2018. URL consultato il 24 luglio 2018.
  20. ^ (EN) Yohana Desta, 'Joker': Let's talk about his mom, shall we?, su Vanity Fair, 4 ottobre 2019. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  21. ^ (EN) Jenna Anderson, 'Joker' Set Photo Reveals Thomas Wayne's Political Ambitions, su comicbook.com, 23 settembre 2018. URL consultato il 26 settembre 2018.
  22. ^ (EN) Brandon Davis, Brett Cullen Cast as Thomas Wayne in 'The Joker', su comicbook.com, 17 settembre 2018. URL consultato il 18 settembre 2018.
  23. ^ a b c d (EN) David Rooney, 'Joker': Film Review - Venice 2019, su The Hollywood Reporter, 31 agosto 2019. URL consultato il 1º settembre 2019.
  24. ^ (EN) Adam Chitwood, Exclusive: ‘Joker’ Actor Shea Whigham Reveals Who He Plays, Teases Unique Filming Experience, su collider.com, 22 ottobre 2018.
  25. ^ (EN) Eric Kohn, ‘Joker’: Marc Maron Explains the Character He Plays Opposite Robert De Niro, su The Hollywood Reporter, 12 luglio 2019. URL consultato il 1º settembre 2019.
  26. ^ a b c (EN) Aaron Couch, Joker' Finds Its Young Bruce Wayne and Alfred Pennyworth, su The Hollywood Reporter, 23 ottobre 2018. URL consultato il 23 ottobre 2018.
  27. ^ a b (EN) Full ‘Joker’ Cast List Reveals Shea Whigham, Glenn Fleshler, and More, su collider.com, 17 settembre 2018. URL consultato il 17 settembre 2018.
  28. ^ Johnny Sobeczak, Todd Phillips pitched JOKER to WB executives at the after party of the WAR DOGS premiere. "He suggested they begin a new division called DC Black, separating itself from the current crop of DC films. It was also a way of differentiating from Marvel." (Tweet), su twitter.com, 10 luglio 2019.
  29. ^ Johnny Sobeczak, “I said ‘Let JOKER be the first, then let’s get fucking great filmmakers to come in.’ Instead of trying to live in the shadow of the beast (MCU), let’s do something they can’t.” This included $30 million budgets, no CGI hoopla. “Let’s strip that all away. It’ll be liberating.” (Tweet), su twitter.com, 10 luglio 2019.
  30. ^ (EN) Nancy Tartaglione, ‘Joker's Joaquin Phoenix & Todd Phillips On Creating DC Character Study & Finding That Laugh, su deadline.com, 31 agosto 2019. URL consultato il 2 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º settembre 2019).
  31. ^ (EN) Chris Edwards, Joker doesn't "follow anything" from the comics, su digitalspy.com, 8 luglio 2019. URL consultato il 10 luglio 2019.
  32. ^ (EN) Dirk Libbey, Robert De Niro Was Sent A Pipe Bomb The Day He Started Filming Joker, su cinemablend.com, 10 luglio 2019. URL consultato il 10 luglio 2019.
  33. ^ a b (EN) Abraham Riesman, DC Rethinks Its Universe, su vulture.com, 29 settembre 2017. URL consultato il 29 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2017).
  34. ^ (EN) Justin Kroll, Joaquin Phoenix in Talks to Play the Joker in Todd Phillips’ Standalone Movie (EXCLUSIVE), su Variety, 8 febbraio 2018. URL consultato il 15 giugno 2018.
  35. ^ (EN) Padraig Cotter, Joaquin Phoenix Doesn't Regret Passing on MCU Movie Roles, su screenrant.com, 7 marzo 2018. URL consultato il 22 settembre 2018.
  36. ^ a b (EN) Justin Kroll, Joaquin Phoenix’s ‘Joker’ Movie Gets the Greenlight, Will Shoot in the Fall, su Variety, 10 luglio 2018. URL consultato il 18 settembre 2018.
  37. ^ (EN) Bret Lang, Warner Bros. Taps Walter Hamada to Oversee DC Films Production (EXCLUSIVE), su Variety, 4 gennaio 2018. URL consultato il 29 settembre 2018.
  38. ^ a b (EN) Borys Kit, Warner Bros. Shifts DC Strategy Amid Executive Change-Up, su The Hollywood Reporter, 13 giugno 2018. URL consultato il 15 giugno 2018.
  39. ^ (EN) Borys Kit, Joaquin Phoenix's Joker Origin Movie a Go at Warner Bros., su The Hollywood Reporter, 10 luglio 2018. URL consultato l'11 luglio 2018.
  40. ^ (EN) Cooper Hood, Joker Origin Movie Title & Release Date Officially Revealed, su screenrant.com, 18 luglio 2018. URL consultato il 16 settembre 2018.
  41. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Todd Phillips’ ‘Joker’ Movie Heading Into Production This Fall With Joaquin Phoenix, su deadline.com, 10 luglio 2018. URL consultato l'11 luglio 2018.
  42. ^ a b (EN) Rachel Yang, See Joaquin Phoenix in Joker makeup, su Variety, 21 settembre 2018. URL consultato il 21 settembre 2018.
  43. ^ (EN) Jenna Anderson, 'Joker' Origin Movie Rumored to Be Targeting R-Rating, su comicbook.com, 8 agosto 2018. URL consultato il 20 settembre 2018.
  44. ^ a b (EN) Anthony D'Alessandro, Warner Bros. Laughing All The Way To The Bank With ‘Joker’: $94M Debut Reps Records For October, Todd Phillips, Joaquin Phoenix & Robert De Niro, su deadline.com, 5 ottobre 2019. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  45. ^ (EN) Matthew Erao, Joker Origin Film Reportedly Wants Robert De Niro For Supporting Role, su screenrant.com, 18 giugno 2018. URL consultato il 18 luglio 2018.
  46. ^ (EN) Robert De Niro and Frances Conroy join DC's Joker origin film, su flickeringmyth.com, 24 luglio 2018. URL consultato il 26 luglio 2018.
  47. ^ (EN) Matthew Mueller, Frances McDormand Turns Down Role in Joker Origin Movie, su comicbook.com, 13 luglio 2018. URL consultato il 21 luglio 2018.
  48. ^ (EN) Andrew Trendell, Marc Maron tells us about working on Joaquin Phoenix’s upcoming ‘Joker’ origin movie, su nme.com, 26 marzo 2019. URL consultato il 1º aprile 2019.
  49. ^ Justin Kroll, Joaquin Phoenix’s Joker Movie Eyes ‘Glow’ Star Marc Maron (EXCLUSIVE), su Variety, 31 luglio 2018. URL consultato il 31 luglio 2018.
  50. ^ (EN) Jenna Anderson, Bryan Callen Cast in 'Joker' Origin Movie, su comicbook.com, 31 luglio 2018. URL consultato il 1º agosto 2018.
  51. ^ a b (EN) Anthony D'Alessandro, Alec Baldwin Joins Todd Phillips’ ‘Joker’, su deadline.com, 27 agosto 2018. URL consultato il 28 agosto 2018.
  52. ^ (EN) Alex Stedman, Alec Baldwin Drops Out of ‘Joker’ Movie, su Variety, 29 agosto 2018. URL consultato il 17 settembre 2018.
  53. ^ (EN) Nicole Drum, 'Joker' Director Todd Phillips Teases Production With New Photo, su comicbook.com, 2 settembre 2018. URL consultato il 18 settembre 2018.
  54. ^ (EN) Max Evry, Unexpected First Look at Joaquin Phoenix as The Joker, su comingsoon.net, 16 settembre 2018. URL consultato il 17 settembre 2018.
  55. ^ a b c (EN) Terrence T. MacDonald, 'Joker,' Joaquin Phoenix film about Batman nemesis, to film in N.J. locations, su nj.com, 21 settembre 2018. URL consultato il 21 settembre 2018.
  56. ^ (EN) Adam Chitwood, Brett Cullen Replaces Alec Baldwin as Thomas Wayne in ‘Joker’, su collider.com, 17 settembre 2018. URL consultato il 17 settembre 2018.
  57. ^ (EN) Joaquin Phoenix All Smiles as The Joker in Action, 22 settembre 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  58. ^ (EN) Dave McNary, ‘Joker’ Movie Extras Reportedly Denied Break, Locked in Subway Cars, su Variety, 10 ottobre 2018. URL consultato il 23 ottobre 2018.
  59. ^ (EN) Christopher Marc, EXCLUSIVE: 'Joker' Possibly Shooting A Bank Robbery Scene Tomorrow, su thegww.com, 22 settembre. URL consultato il 3 ottobre 2018.
  60. ^ (EN) Nigel Smith, Joaquin Phoenix Sprints Through the Streets of New York City as He Films The Joker, su People, 19 novembre 2018. URL consultato il 20 novembre 2018.
  61. ^ (EN) Jenna Anderson, Joaquin Phoenix's 'Joker' Wraps Production, su comicbook.com, 3 dicembre 2018. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  62. ^ (EN) Vinnie Mancuso, Todd Phillips Rewrote Joaquin Phoenix’s ‘Joker’ During Production, su collider.com, 26 gennaio 2019. URL consultato il 27 settembre 2019.
  63. ^ a b (EN) Nicole Drum, How Joker used behind-the-scenes music as a major influence on Joaquin Phoenix, su comicbook.com, 25 luglio 2019. URL consultato il 25 settembre 2019.
  64. ^ (EN) Hildur Gudnadottir to score Todd Phillips’ ‘Joker’ origin movie, filmmusicreporter.com, 23 agosto 2018. URL consultato il 3 aprile 2019.
  65. ^ (EN) Divya Kala Bhavani, Working on ‘Chernobyl’ and ‘Joker’ came with a lot of pressure, says Emmy-nominated composer Hildur Guðnadóttir, su The Hindu, 31 luglio 2019. URL consultato il 2 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2019).
  66. ^ (EN) Todd Phillips, Camera test (w/ sound). Joker., su Instagram, 21 settembre 2018. URL consultato il 21 settembre 2018.
  67. ^ (EN) Jenna Anderson, First 'Joker' Trailer Debuts at CinemaCon, su comicbook.com, 3 aprile 2019. URL consultato il 4 aprile 2019.
  68. ^ a b Alice Grisa, Joker: primo poster e trailer per il film con Joaquin Phoenix, mondofox.it, 3 aprile 2019. URL consultato il 3 aprile 2019.
  69. ^ Filmato audio Warner Bros. Italia, JOKER - Teaser Trailer Italiano, su YouTube, 3 aprile 2019. URL consultato il 3 aprile 2019.
  70. ^ (EN) Paul Cashmere, Joker Trailer Clocks Up Over 8 Million Views in a few hours, su noise11.com, 4 aprile 2019. URL consultato il 4 aprile 2019.
  71. ^ Andrea Bedeschi, Joker: Joaquin Phoenix nel trailer finale dell’attesissimo cinecomic di Todd Phillips!, su badtaste.it, 28 agosto 2019. URL consultato il 28 agosto 2019.
  72. ^ (EN) Joker, su labiennale.org. URL consultato il 19 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2019).
  73. ^ (EN) Matt Donnelly, ‘Joker’ premiere disinvites interview press from Hollywood red carpet, in Variety, 27 settembre 2019. URL consultato il 28 settembre 2019.
  74. ^ a b Andrea Francesco Berni, Joker ottiene il divieto ai minori non accompagnati negli USA, su badtaste.it, 23 agosto 2019. URL consultato il 23 agosto 2019.
  75. ^ Andrea Francesco Berni, Joker: il film vincitore del Leone d’Oro da oggi nei cinema italiani, sarà vietato ai minori di 14 anni, su badtaste.it, 3 ottobre 2019. URL consultato il 3 ottobre 2019.
  76. ^ Marcello Bonini, Joker non sarà distribuito in Cina perché considerato pericoloso per l’ordine pubblico, su ciakclub.it, 25 ottobre 2019. URL consultato il 25 ottobre 2019.
  77. ^ (EN) Joker, su Box Office Mojo. URL consultato il 15 gennaio 2020. Modifica su Wikidata
  78. ^ (EN) Dave McNary e Rebecca Rubin, 'Joker' smashes October box office record with $93.5M debut, su Variety, 6 ottobre 2019. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  79. ^ Beatrice Pagan, JOKER BATTE DEADPOOL E DIVENTA IL FILM VIETATO AI MINORI CON I MIGLIORI INCASSI, su Movieplayer.it, 25 ottobre 2019. URL consultato il 25 ottobre 2019.
  80. ^ Andrea Francesco Berni, Joker vince il weekend con 6.2 milioni di euro!, su badtaste.it, 7 ottobre 2019. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  81. ^ Cosa si dice di “Joker”, su ilpost.it, 4 ottobre 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  82. ^ (EN) Joker, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 10 ottobre 2019. Modifica su Wikidata
  83. ^ (EN) Joker, su Metacritic, CBS Interactive Inc.. URL consultato il 10 ottobre 2019. Modifica su Wikidata
  84. ^ Peter Travers, Joaquin Phoenix e i dolori del giovane ‘Joker’, su Rolling Stone Italia, 3 ottobre 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  85. ^ Michael Moore: "Joker è un capolavoro. Il pericolo è NON vederlo. Quel pagliaccio disturbato non è solo", su huffingtonpost.it, 7 ottobre 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  86. ^ Maurizio Porro, Joker, su cinema-tv.corriere.it, 10 ottobre 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  87. ^ (EN) Patrick Hipes, Oscar Nominations: ‘Joker’ Tops List With 11 Noms; ‘1917’, ‘Irishman’, ‘Hollywood’ Nab 10 Apiece, su deadline.com, 13 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  88. ^ (EN) 2020 Golden Globe Nominations: The Complete List, in Variety, 9 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  89. ^ (EN) Brent Lang, Golden Globes: ‘Once Upon a Time in Hollywood’, ‘1917’ Win Big, su Variety, 5 gennaio 2020. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  90. ^ (EN) Bafta Film Awards 2020: The nominations in full, su BBC News, 7 gennaio 2020. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  91. ^ (EN) Guy Lodge, ‘Joker’ Wins Golden Lion at Venice Film Festival, Roman Polanski Takes Runner-Up Prize, in Variety, 7 settembre 2019. URL consultato il 7 settembre 2019.
  92. ^ Premi collaterali della 76ª Mostra, su labiennale.org. URL consultato l'8 settembre 2019.
  93. ^ (EN) Once Upon A Time...In Hollywood Leads Chicago Film Critics Association 2019 Nominations, su chicagofilmcritics.org, 12 dicembre 2019. URL consultato il 12 dicembre 2019.
  94. ^ (EN) 2019 San Diego Film Critics Society’s Award Nominations, su sdfcs.org, 6 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  95. ^ (EN) 2019 San Diego Film Critics Society’s Awards, su sdfcs.org, 9 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  96. ^ (EN) 2019 NOMINEES (PDF), su pressacademy.com. URL consultato il 3 dicembre 2019.
  97. ^ (EN) 2019 Winners, su pressacademy.com. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  98. ^ (EN) Critics' Choice Awards: 'The Irishman' Leads With 14 Nominations, su The Hollywood Reporter, 8 dicembre 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  99. ^ Andrea Francesco Berni, Critics’ Choice Awards 2020: il miglior film è C’era una volta a… Hollywood, su badtaste.it, 12 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  100. ^ (EN) Zack Sharf, SAG Award Nominations 2020: ‘Irishman,’ ‘Hollywood’ Dominate, ‘Bombshell’ Surprises, su indiewire.com, 11 dicembre 2019. URL consultato l'11 dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]