Johns Hopkins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johns Hopkins

Johns Hopkins (Contea di Anne Arundel, 19 maggio 1795Baltimora, 24 dicembre 1873) è stato un imprenditore e filantropo statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hopkins nacque e crebbe in una famiglia di Quaccheri, proprietari di una vasta piantagione di tabacco. Il nome Johns l'aveva ereditato da suo nonno Johns Hopkins, il cui padre Gerard Hopkins aveva così reso omaggio alla famiglia di sua moglie, Margaret Johns. Nel 1807 liberarono gli schiavi, così Johns e i suoi fratelli dovettero andare a lavorare il terreno. Hopkins si innamorò di una sua cugina, Elisabeth, ma i suoi genitori gli impedirono di sposarla. Questo era dovuto al forte pregiudizio dei Quaccheri nei confronti dei matrimoni tra cugini consanguinei.

Hopkins fondò un'impresa con Jonathan Moore. Quest'ultimo abbandonò presto il suo posto, a causa della venalità del socio. L'impresa venne così proseguita dai fratelli Hopkins e fu chiamata Hopkins e Fratelli. Si occupavano del commercio di alcolici, soprattutto di whisky. Proprio in questo momento della sua vita fece fortuna.

Alla sua morte, nel 1873, lasciò in eredità 7 milioni di dollari, che, come scrisse nel testamento, dovevano essere investiti per la costruzione di un'università ed un ospedale recanti il suo nome. Questi furono costruiti a Baltimora nel 1976 con il nome di Università Johns Hopkins e Johns Hopkins Hospital.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Johns Hopkins, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Controllo di autorità VIAF: (EN55853629 · LCCN: (ENn95002768 · ISNI: (EN0000 0000 7736 7127 · GND: (DE14071278X · BNF: (FRcb16639036t (data) · CERL: cnp01220453
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie