Johnny Papalia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Johnny Papalia (Hamilton (Canada), 18 marzo 1924Hamilton (Canada), 31 maggio 1997) è stato un criminale italiano,conosciuto anche come Johnny Pops" o "The Enforcer" boss dei Papalia ed esponente di spicco della 'ndrangheta in Ontario (Canada).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Papalia nacque il 18 marzo 1924 a Hamilton, in Ontario. Suo padre, Antonio "Tony" Papalia era un contrabbandiere di rum immigrato da Delianuova, Calabria, verso il Canada nel 1912 e is tabilì in quello che veniva chiamato l'"Italian Ghetto" attorno a Railway Street ad Hamilton, Ontario nel 1917.[1] Suo padre divenne socio nell'attività di contrabbando del connazionale Rocco Perri ae operò anche in Speakseasy.[2] Fu sospettato di aver giocato un ruolo nell'omicidio nella moglie di Perri, Bessie Starkman, nel 1930.[3]. Si pensa anche che Antonio e suo figlio Johnny Papalia, insieme a Stefano Magaddino di Buffalo furono responsabili della scomparsa di Perri nel 1944 dopo che lo stesso li abbandonò. Entrambi i casi sono rimasti insoluti[4] Papalia's mother, Maria Rosa Italiano also came from a Mafia family, the Italiano clan, who also participated in Perri's gang.[4]

Papalia rimase coinvolto in piccoli crimini sin dalla tenera età. Fu arrestasto nel 1949 e condannato a 2 anni di carcere per possesso e spaccio di droga.[4] Quando fu rilasciato nel 1951, si trasferì a Montreal dove lavorò con Luigi Greco, rappresentante della famiglia Bonanno di Carmine Galante di New York per il traffico di eroina[4]

Si traferì poi a Toronto gestendo club per il gioco d'azzardo ed estorcendo denaro.[4] Dalla metà degli anni '50 faceva parte del braccio calandese della famiglia di Buffalo, che era controllata da Stefano Magaddino.[5].

Nel 1974, i mafiosi di Montreal Vincenzo Cotroni e Paolo Violi sono stati registrati da una cimice della polizia in cui minacciavano di uccidere Papalia e gli chiedevano 150.000 dollari, dopo che lui usò i loro nomi per l'estorsione di 300.000 dollari all'imprenditore Stanley Bader senza averli coinvolti[1]. Bader testimoniò contro di loro, e i 3 furono condannati a 6 anni di carcere per estorsione nel 1975. Violi e Cotroni ebbero una riduzione della sentenza a 6 mesi, e quella di Papalia fu respinta; e ne dovette scontare 4.[6] In 1982, after Bader had moved south to Miami, he was sprayed with bullets when answering his front door. Papalia has been linked with his death, as well as the 1983 death of Toronto mobster Paul Volpe, but no charges were laid.[6]

Papalia fu ucciso da un colpo alla testa il 31 maggio 1997, all'età di 73 anni nel parcheggio di Railway Street davanti ad un'attività di distributori automatici ad Hamilton.

Il cecchino Kenneth Murdock che gli era stato ordinato di uccidere "Pops" da Angelo e Pat Musitano della 'ndrina dei Musitano che dovevano soldi a Papalia.[2] Murdock, due mesi dopo, uccise anche il braccio destro di Papalia Carmine Barillaro. Nel novembre del 1998, Murdock si dichiarò colpevole di 3 omicidi, e fu condannato all'ergastolo, e furono sempre Pat e Angelo ad ordinarne l'esecuzione; è stato rilasciato sulla parola dopo 13 anni.[7][8][9] Nel febbraio 2000, i fratelli furono condannati a 10 anni years per l'omicidio di Barillaro in un accordo di patteggiamento. 63/5000 Nessuna condanna è stata ottenuta in relazione all'omicidio di Papalia.[10] Nell'ottobre 2006, i fratelli Musitano sono usciti dal carcere.[11][12]

Tra le polemiche, a Papalia non è stata data una messa funebre completa a causa della sua storia criminale.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b The shot heard around the underworld, Ottawa Citizen, 7 giugno 1998. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  2. ^ a b Mafia hitman reveals his code for killings, thestar.com, 13 agosto 2010. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  3. ^ The murder of Bessie - part 4, su thespec.com, 6 gennaio 2005.
  4. ^ a b c d e Adrian Humphreys, The Enforcer:Johnny Pops Papalia, A Life and Death in the Mafia, Toronto, Harper Collins, 1999, ISBN 0-00-200016-4.
  5. ^ His brother was Ontario’s pre-eminent Mafia boss, but long-suffering Frank Papalia was still his keeper, su nationalpost.com, 18 aprile 2014.
  6. ^ a b Schneider, Iced: The Story of Organized Crime in Canada, pp. 326
  7. ^ Parole of convicted mob killer notorious for his explosive temper tested by road raging motorist, su nationalpost.com, 9 luglio 2014.
  8. ^ nurun.com, Hitman out on full parole, su Niagara Falls Review.
  9. ^ Kenny Murdock, mob-boss Papalia's killer, gets new identity, su TheSpec.com, 28 luglio 2012.
  10. ^ Notorious mobster Pat Musitano believed to be targeted in Hamilton house shooting, su globalnews.ca.
  11. ^ Unease As Mobsters Set Free, National Post, 4 ottobre 2006. URL consultato il 4 luglio 2017.
  12. ^ Musitano, 29, was arrested Wednesday for violating terms of his parole, which prohibited him from associating with known criminals, su thestar.com, 9 marzo 2007. URL consultato il 4 luglio 2017.
  13. ^ Why did Vito Rizzuto get a full Catholic funeral in Montreal, when some bishops in Sicily are refusing mafiosi?, su nationalpost.com, 8 gennaio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 7634 0707
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie