Johnny Flynn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Johnny Flynn
Johnny Flynn by Steve Gullick 2010.jpg
NazionalitàSudafrica Sudafrica
Regno Unito Regno Unito
GenereFolk rock
Rock alternativo
Periodo di attività musicale2006 – in attività
Strumentochitarra, tromba, percussioni, voce
EtichettaTransgressive Records (UK)
Lost Highway Records (USA)
Gruppo attualeJohnny Flynn & The Sussex Wit
Album pubblicati5
Sito ufficiale

Johnny Flynn (Johannesburg, 14 marzo 1983) è un musicista, cantante e attore sudafricano naturalizzato britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Flynn è nato a Johannesburg, in Sudafrica, è figlio di Eric Flynn, attore e cantante, e Caroline Forbes[1]. Dal primo matrimonio di suo padre ha due fratelli più grandi e anch'essi attori, Jerome Flynn e Daniel Flynn, e una sorella maggiore Kerry Flynn e dal secondo matrimonio di suo padre, una sorella più giovane, Lillie Flynn, cantante dei Sussex Wit[2]. All'età di due anni si trasferì con la sua famiglia nel Regno Unito.

Flynn ha vinto una borsa di studio per la scuola di Pilgrims, una scuola indipendente nella città di Winchester nell'Hampshire, dove ha cantato nel coro della cappella ed è ha dovuto, per via della sua borsa di studio, imparare due strumenti: il violino e la tromba. Più tardi imparerà a suonare la chitarra da autodidatta e vincerà una seconda borsa di studio alla scuola Bedales, una scuola indipendente nel villaggio di Steep, nei pressi della città di Petersfield[3]. Successivamente è passato all'Accademia di Arte Drammatica di Webber Douglas per studiare recitazione.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Film e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, Flynn è stato uno degli Screen International's Stars of Tomorrow.

È apparso in Kate & Emma - Indagini per due, Holby City e Kingdom ma è col ruolo di Dolf Vega nel film Dolf e la crociata dei bambini che ha raggiunto la fama.

Nel 2011 ha scritto la colonna sonora del film A Bag of Hammers.

Nel 2013 fa parte del cast di Song One, un film con Anne Hathaway dove interpreta un musicista di nome James Forester, che trattiene un'intesa con il personaggio di Hathaway, dopo un incidente che coinvolge suo fratello[4].

Nel 2014, Flynn ha interpretato il ruolo principale di Dylan nella serie televisiva Scrotal Recall che è stata trasmessa in onda su Channel 4. Dopo aver trovato successo su Netflix, la casa di produzione e streaming ha commissionato una seconda serie di 8 episodi, senza la partecipazione di Channel 4, che è stata resa disponibile a livello globale, in streaming, nel novembre 2016 con il nuovo nome Lovesick[5][6].

Nel 2015, è stato uno dei protagonisti della serie di Comedy Central, dal titolo Brotherhood, interpretando uno dei due fratelli maggiori che devono occuparsi del fratello minore quando la madre muore improvvisamente[7].

Nel 2017 ha interpretato il giovane Albert Einstein nella serie Genius di National Geographic.

Nel Gennaio 2018 è uscita su Netflix la terza stagione di Lovesick, in cui riprende il ruolo del protagonista. [8]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Flynn ha pubblicato diversi album di studio e suona canzoni dalle influenze folk tratte dalle sue composizioni. Ha scritto l'intera colonna sonora per la serie televisiva su BBC Four, Detectorists[9] ed è comparso in un cameo eseguendo la canzone della serie nel terzo episodio della prima stagione. Nel 2015 ha anche composto la musica (con strumenti d'epoca) per la Produzione del Globe Theatre di 'As You Like It'[10]. Ha composto musica per diversi film, produzioni televisive e teatrali. Nel 2015 è apparso anche su un album di tributo a Shirley Collins, intitolato "Shirley Inspired ...". Dopo una pausa di tre anni, Flynn ha prodotto un nuovo album dal titolo "Sillion", pubblicato il 24 marzo 2017.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Flynn è stato nominato negli Evening Standard Awards e What's On Stage Awards come Miglior Esordiente per il suo ruolo in The Heretic nel 2012.[11] È stato nominato per un Olivier Award per il suo ruolo in Jerusalem nello stesso anno.[12] Ha vinto un encomio agli Ian Charleson Awards del 2012, per il ruolo di Viola nella Dodicesima Notte al Globe Theatre.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Eric Flynn, in Telegraph.co.uk. URL consultato il 17 giugno 2017.
  2. ^ (EN) On the Road With Johnny Flynn, in Mother Jones. URL consultato il 17 giugno 2017.
  3. ^ (EN) Andrew Purcell, Johnny Flynn's special relationship, in The Guardian, 2 dicembre 2010. URL consultato il 17 giugno 2017.
  4. ^ (EN) Dominic Patten, Mary Steenburgen Joins Anne Hathaway In ‘Song One’, in Deadline, 28 maggio 2013. URL consultato il 17 giugno 2017.
  5. ^ (EN) Super User, Netflix’s Lovesick (Scrotal Recall) Got Renewed for Season 3: The hilarious British humor mixed with romance that makes even a womanizer look likable, su premieredate.tv. URL consultato il 17 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2016).
  6. ^ (EN) Graeme Virtue, A whole new ball game: the unlikely return of STI sitcom Scrotal Recall, in The Guardian, 16 novembre 2016. URL consultato il 17 giugno 2017.
  7. ^ (EN) Brotherhood... coming soon to Comedy Central | Brotherhood | CCUK. URL consultato il 17 giugno 2017.
  8. ^ rumorifuoriscena.tv, http://www.rumorifuoriscena.tv/serie-tv-netflix-la-terza-stagione-lovesick-serie-scoprire/.
  9. ^ (EN) Transgressive Records, Johnny Flynn - Detectorists (Original Soundtrack from the TV Series) - Out Now, su www.transgressiverecords.com. URL consultato il 17 giugno 2017.
  10. ^ (EN) As You Like It starring Michelle Terry as Rosalind / Shakespeare's Globe, su www.shakespearesglobe.com. URL consultato il 17 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2017).
  11. ^ ROYAL COURT THEATRE NOMINATED FOR NINE 2012 WHATSONSTAGE.COM AWARDS at The Royal Court Theatre, su royalcourttheatre.com (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2018).
  12. ^ Royal Court nominated for three Olivier Awards at The Royal Court Theatre, su royalcourttheatre.com (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2018).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34144648196466137576 · LCCN (ENno2006136090 · GND (DE141023910 · BNF (FRcb16748278f (data) · WorldCat Identities (ENno2006-136090