John Washington

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

John Washington ([ˈwɔʃʃinton][1]; Tring, 1631Contea di Westmoreland, 1677) è stato un militare e politico inglese. Fu un planter e un proprietario di schiavi, nonché tenente colonnello della locale milizia. Nato nell'Hertfordshire, si trasferì nella contea di Westmoreland, in Virginia. È ricordato in particolare per essere stato il bisnonno del generale George Washington, primo presidente degli Stati Uniti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni e la famiglia[modifica | modifica wikitesto]

John Washington nacque nel 1631 a Tring, nell'Hertfordshire, in Inghilterra, figlio di Amphillis Twigden e di suo marito, il reverendo Lawrence Washington (1602-1653).[2] Al tempo del suo matrimonio, Lawrence Washington era tutore presso l'Università di Oxford.

Quando John aveva otto anni suo padre lo iscrisse alla Charterhouse School di Londra per prepararlo alla carriera accademica, ma il ragazzo non frequentò poi mai la scuola. Nel 1633 venne chiamato a lasciare Oxford per occupare l'incarico di rettore di Purleigh, nell'Essex. Nel corso della guerra civile inglese, nel 1643, Washington si schierò coi realisti e venne pertanto privato della sua posizione ecclesiastica dai parlamentari puritani. Venne ridotto al rango di vicario nella povera parrocchia di Little Braxted, Essex. Sua moglie e la famiglia fecero ritorno nella casa dei loro parenti a Tring, nell'Hertfordshire.

John Washington fece quindi esperienza presso un mercante di Londra con l'aiuto della famiglia Sandys, imparentata con lui. Ottenne un'educazione particolare sul commercio coloniale dal momento che il mercante era solito commerciale coi Caraibi e con il Nord America.

Nel 1656 John Washington decise di investire in un mercantile per il trasporto di tabacco dal Nord America sino ai mercati europei; salpò a bordo di esso alla volta della colonia della Virginia.[3] Washington prestò servizio come secondo ufficiale della nave. Nel 1657, la nave affondò nel fiume Potomac. Anche se il vascello riuscì ad essere riparato, Washington decise di rimanere nella colonia a risiedere.[4] In Virginia era giunto con suo cugino[5], James Washington, figlio di Robert Washington (1616 - 1674), che già aveva lavorato nella tratta commerciale Londra-Rotterdam ed aveva una notevole esperienza commerciale.[6] James fece in seguito ritorno in Inghilterra.[5]

Documento del 1674 che certifica la concessione di 5000 acri di terreno agli Washington

La colonia della Virginia[modifica | modifica wikitesto]

Appena giunto in Virginia, Washington venne accolto nella casa del colonnello Nathaniel Pope, un planter. Durante la sua permanenza, si innamorò della figlia del suo padrone di casa, Anne. Si insediò in seguito a Bridges Creek.[7]

Dopo il suo matrimonio con Anne Pope, la coppia ottenne come dono di nozze dal padre della sposa 2,8 km quadrati di terreno presso Mattox Creek nella contea di Westmoreland sul Northern Neck.[4] Washington divenne così un planter egli stesso, sfruttando il lavoro degli schiavi per la coltivazione del tabacco e di altre colture necessarie al sostentamento della sua nuova azienda agricola. Venne eletto successivamente nella House of Burgesses della Virginia e divenne un politico della colonia.[4]

Nel 1674, ricevette 5000 acri di terra da aggiungere alla sua tenuta.

Nel corso degli eventi che portarono alla Bacon's Rebellion del 1676, Washington venne nominato colonnello della milizia della Virginia. Guidò una compagnia nell'azione di respingimento di alcuni insurrezionisti del Maryland e dei loro alleati nativi americani. La milizia uccise sei capi di varie tribù. Oltraggiati, gli indiani locali si vendicarono con dei raids e degli attacchi contro i coloni.[8] Il governatore William Berkeley criticò molto Washington per l'uccisione dei capi indiani, ma i coloni lo supportarono. Le relazioni tra indiani e coloni si deteriorarono sempre più.[9]

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Washington sposò Anne Pope nel 1658.[2] La coppia ebbe tre figli:

  • Lawrence Washington (1659–1698)
  • John Washington II (1661–23 febbraio 1698)
  • Anne Washington (circa 1662–1697)[2]

Dopo la morte di Anne, Washington si risposò con Anne Gerard. Questa era figlia di Thomas Gerard ed aveva sposato come primo marito Walter Broadhurst e come secondo marito Henry Brett, ma entrambi erano morti prematuramente.

Dopo la morte di Anne Gerard, John Washington si risposò in terze nozze con Frances Gerard Appleton (altra figlia di Thomas Gerard, già vedova di Thomas Speke, Valentine Peyton e John Appleton). Questo terzo matrimonio venne celebrato il 10 maggio 1676.

Da questi matrimoni non ebbe ad ogni modo altri figli.

Washington e la sua prima moglie Anna Pope vennero sepolti nell'attuale Colonial Beach, in Virginia, presso quello che oggi è noto come George Washington Birthplace National Monument.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Robert Washington Lawrence Washington  
 
Amy Pargiter  
Lawrence Washington  
Elizabeth Lyte Walter Lyte  
 
Ursula Woodford  
Lawrence Washington  
William Butler John Butler  
 
Margaret Sutton  
Margaret Butler  
Margaret Greeke Thomas Greeke  
 
 
John Washington  
Thomas Twigden William Twigden  
 
 
John Twigden  
Amphyllis Anne Watts Edward Watts  
 
 
Amphillis Twigden  
William Dickens John Dickens  
 
Hannah May  
Anne Dickens  
Anne Thornton Henry Thornton  
 
Anne Wilmer  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luciano Canepari, Washington, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  2. ^ a b c "John Washington and His Descendants", The George Washington Foundation, su kenmore.org. URL consultato il 23 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2018).
  3. ^ Murray Neil, The Washingtons of Tring, su hertfordshire-genealogy.co.uk, Hertfordshire Genealogy. URL consultato il 3 aprile 2015.
  4. ^ a b c Irvin Haas, Historic Homes of the American Presidents, Courier Dover Publications, 1992, p. 7, ISBN 0-486-26751-2.
  5. ^ a b "a veteran diplomat", Baron George Washington Fighting for Austria; Collateral Descendant of the First President of U.S., an Officer of the Austrian Lancers, May Make New Yorker His Heir, The New York Times, 3 settembre 1916. URL consultato il 2 agosto 2009.
  6. ^ J. W. Clay, Dugdale’s Visitation of Yorkshire, With Additions, Vol. I., William Pollard and Co., Exeter, 1899, pp. 234–235.
  7. ^ Marquis, A.N. Company. Who's Who In America, vol. 1: Historical Volume (1607-1896), revised ed., Marquis, A.N. Company., 1967.
  8. ^ Abby Sage Richardson, The History of Our Country: From Its Discovery by Columbus to the Celebration of the Centennial Anniversary of the Declaration of Independence, H. O. Houghton and Company, 1875, p. 135.
  9. ^ Henry Cabot Lodge, George Washington, Houghton Mifflin, 1917, p. 36.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Willard Sterne Randall, George Washington: A Life, New York, Holt & Co., 1997.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]