John Williams

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da John Towner Williams)

John Towner Williams (Floral Park, 8 febbraio 1932) è un direttore d'orchestra e compositore statunitense, famoso e apprezzato per le numerose colonne sonore cinematografiche. Ha lavorato molto per il regista Steven Spielberg e per Chris Columbus e ha vinto cinque volte il premio Oscar per la miglior colonna sonora.

Williams ha composto le musiche di numerosi film di successo, tra cui la saga di Star Wars, Indiana Jones, E.T. l'extraterrestre, Lo squalo, Jurassic Park, Salvate il soldato Ryan, Superman, Harry Potter e la pietra filosofale, Harry Potter e la camera dei segreti, Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, Mamma ho perso l'aereo e molti altri.[1] Della maggior parte dei film citati si ricordano i leitmotiv musicali, proprio per l'orecchiabilità e fascino che li caratterizza.[2] È uno tra i più premiati compositori viventi, ha vinto 5 Academy Awards, 17 Grammy, 3 Golden Globes, 2 Emmy e 5 BAFTA Awards solo per citare alcuni dei tanti premi (in totale è stato premiato 101 volte e nominato 202).[1][3][4]

È stato il primo compositore di musiche da film a coniugare, nei concerti dal vivo, immagine e musica. Infatti, Williams ha caratterizzato i suoi concerti inserendo degli omaggi e dei brani medley dirigendo l'orchestra in sincrono con un montaggio video proiettato in diretta. Considerato uno dei più grandi compositori di tutti i tempi e un'icona della cultura musicale statunitense,[5] ogni suo concerto ha un massimo di tre bis già predisposti. Al termine di ogni concerto si porta ironicamente le mani giunte all'altezza del volto, in segno di dormire. Quello è il segnale che il concerto è definitivamente terminato.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Williams nasce a Floral Park, nello stato di New York nel 1932 e si trasferisce con la famiglia a Los Angeles nel 1948. A 7 anni incomincia a studiare musica e a suonare il pianoforte, il trombone, la tromba e il clarinetto. Dimostra un talento precoce, iniziando a comporre per le bande scolastiche prima e per l'aviazione americana poi, durante il servizio militare. A 19 anni viene premiato per la prima volta per una sua composizione originale, una sonata per piano. Dopo gli studi di composizione a Hollywood con Mario Castelnuovo-Tedesco (quest'ultimo fu l'insegnante di composizione e teoria musicale anche di altri famosi compositori di colonne sonore cinematografiche quali Henry Mancini, Jerry Goldsmith ed Elmer Bernstein) torna a New York, dove s'iscrive alla Juilliard School of Music nel corso di pianoforte, sotto la guida di Rosina Lhevinne. Fu proprio lei a incoraggiarlo a continuare a comporre. In questo periodo, negli anni 1956 e 1958, inizia a lavorare come pianista jazz in vari club newyorchesi e successivamente come arrangiatore e direttore per alcune etichette discografiche jazz.

Inizia la sua carriera di compositore per alcuni programmi televisivi nel 1960, conquistando già 2 Emmy Award. Torna di nuovo a Los Angeles, dove lo aspetta una promettente carriera da compositore nella scena hollywoodiana. Inizialmente troverà lavoro come pianista, collaborando per serie TV e film come Peter Gunn, South Pacific, A qualcuno piace caldo e Il buio oltre la siepe e incontrerà Bernard Herrmann, con cui instaurerà una grande amicizia. All'età di 24 anni, Williams entra a far parte dello staff di arrangiatori della 20th Century Fox (sotto il nome di Johnny Williams), orchestrando partiture per Alfred Newman, Dimitri Tiomkin, Franz Waxman e altri influenti artisti dell'epoca. Williams collaborò anche con alcune star della musica pop, come Vic Damone, Mahalia Jackson e Doris Day.

Tra gli anni sessanta e settanta Williams riprende la carriera di compositore e arrangiatore per colonne sonore, debuttando come compositore di musica da film, dato che fino ad allora aveva solo composto per la televisione. Alcune delle colonne sonore che risalgono a questo periodo sono Heidi, Jane Eyre nel castello dei Rochester e Because they're Young. Gli anni settanta e ottanta saranno il picco del successo di John Williams, aggiudicandosi il titolo di Re delle colonne sonore per film catastrofici dalla critica per i film Terremoto, L'inferno di cristallo e L'avventura del Poseidon per i quali riceverà nomination a 2 Golden Globe e 2 premi Oscar per la migliore colonna sonora, attirando l'attenzione di Steven Spielberg che lo chiamerà a comporre le musiche del film che stava sviluppando: Sugarland Express. Da questo momento Williams inizierà una solida amicizia con il regista e una continua collaborazione. Dopo il successo de Lo squalo, per la quale Williams vince per la seconda volta un Academy Award, Spielberg gli farà conoscere George Lucas. John Williams riporterà alla luce il tipico gusto musicale epico della golden age di Hollywood, ereditato da Franz Waxman, Erich Wolfgang Korngold e altri compositori dell'epoca, con la colonna sonora per la quale vinse il terzo Premio Oscar: Guerre stellari, diretto da George Lucas. Dopo questa grande vittoria, Williams dimostrerà ancora una volta il suo talento nelle musiche di Superman e I predatori dell'arca perduta. Il suo quarto Oscar sarà derivato dalla colonna sonora di E.T. l'extra-terrestre nel 1982.

Negli anni novanta, Williams riscuoterà ancora molto successo, con le musiche di Jurassic Park, Schindler's List - La lista di Schindler, Mamma, ho perso l'aereo e Mamma, ho riperso l'aereo: mi sono smarrito a New York, Sette anni in Tibet e Salvate il soldato Ryan. Nel 1999 inizia l'avvio della trilogia prequel di Guerre stellari con Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma, con cui Williams riaccenderà la creatività che lo ha illuminato negli anni settanta con la vecchia trilogia e che si porterà dietro nel film Harry Potter e la pietra filosofale di Chris Columbus. Per la saga di Harry Potter comporrà le musiche solo dei successivi due capitoli mentre nel 2002 e nel 2005 curerà la musica degli ultimi due capitoli della trilogia prequel di Guerre stellari e de La guerra dei mondi, Munich e l'ultimo capitolo della saga di Indiana Jones: Il regno del teschio di cristallo. Nel 2002, in onore dei vent'anni dalla realizzazione di E.T. l'extra-terrestre, Williams ha stabilito un primato: durante la proiezione del film rimasterizzato e restaurato ha condotto un'orchestra dal vivo, suonando l'intera colonna sonora in sincrono col film. Negli ultimi anni 2010-2015 Williams ha composto le musiche dei film War Horse, Lincoln e Storia di una ladra di libri aggiudicandosi per ognuno la nomination all'Oscar. Nel dicembre 2015 torna sugli schermi la saga di Guerre stellari con il film Star Wars: Il risveglio della Forza, pellicola che sancisce anche il ritorno di Williams alla colonna sonora.[6]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il padre Johnny Williams era, oltre che un trombettista jazz, anche un apprezzato percussionista (uno dei membri fondatori del Raymond Scott Quintet). Ha due fratelli, Jerry e Don, e una sorella, Joan. È sposato con la fotografa Samantha Winslow e ha tre figli avuti dalla prima moglie, Barbara Ruick, morta nel 1974: Joseph, Mark (entrambi musicisti) e Jennifer. Joseph Williams, oltre ad essere un cantante solista, è cantante dei Toto.[7]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Il genere musicale di Williams è considerato dalla critica una forma di neoromanticismo con anche influenze di modernismo à la Stravinsky. La produzione spazia dal cinema alle Olimpiadi e alle serie tv, oltre a brani sinfonici e concerti per strumento solista. Ha scritto tutte le colonne sonore dei film del regista Steven Spielberg, tranne quelle di Duel, di Ai confini della realtà, il ponte delle spie, ready player one, e alcune de Il colore viola. Particolarmente interessante è la colonna sonora composta per E.T. l'extra-terrestre; l'ultima traccia, di 15 minuti circa, è stata composta in stretta collaborazione con il regista, che in alcuni punti ha operato specifici tagli e montaggi, per adattarsi al crescendo musicale ed emotivo.

Williams durante la conduzione di un concerto di musica da film con la Boston Pops Orchestra nel 2011

Fondamentale è il contributo musicale prodotto per la saga di Guerre stellari del 1977; il successo della colonna sonora, completamente sinfonica, ha ridato grande impulso e slancio al successivo utilizzo di musica sinfonica (talvolta affidandosi a celebri orchestre) nei film. Ha composto anche le musiche per gli altri film della saga di Guerre stellari del 1980, 1983, 1999, 2002, 2005, 2015 e 2017, componendo anche il tema per lo spin-off del 2018.[8]

Dal gennaio del 1980 al dicembre del 1993 è stato il diciannovesimo direttore della Boston Pops Orchestra, portando i propri lavori del campo della musica cinematografica sul palco della Boston Symphony Hall annualmente. Tuttora una volta all'anno torna a dirigere come ospite d'eccezione la BPO.[1]

Di rilievo, sono anche le colonne sonore per successi cinematografici quali Superman, Jurassic Park, la saga di Indiana Jones (della quale ha composto le colonne sonore di tutti film dei quali si compone), nonché il tema musicale di Harry Potter (Williams ha composto le musiche dei primi tre film della serie). Da ricordare anche le partiture per film di successo quali JFK - Un caso ancora aperto, Memorie di una geisha, Munich, Hook - Capitan Uncino, Amistad, Schindler's List - La lista di Schindler e Il patriota.

Di Williams sono anche le celebri musiche dei primi due capitoli della saga de Lo squalo, e di film quali A.I. - Intelligenza Artificiale, Nato il quattro luglio, The Terminal, Sette anni in Tibet, La guerra dei mondi, e Salvate il soldato Ryan. Il film Incontri ravvicinati del terzo tipo è probabilmente uno dei rarissimi casi in cui la musica è stata composta prima della realizzazione del film.

Negli anni 2010 ha composto le musiche di Le avventure di Tintin - Il segreto dell'Unicorno, War Horse e Lincoln, ottenendo per ogni film la nomination all'Oscar alla migliore colonna sonora.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

John Williams mentre firma un autografo
John Williams nel 2007

Anni 1950[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1960[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1970[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1980[modifica | modifica wikitesto]

Anni 1990[modifica | modifica wikitesto]

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Anni 2010[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Composizioni concertistiche[modifica | modifica wikitesto]

  • "Concerto per flauto e orchestra" (1969)
  • "Concerto per violino" (1976, rielaborato nel 1998)
  • "The Five Sacred Trees" (concerto per fagotto e orchestra)
  • "Concerto per violoncello e orchestra"
  • "Concerto per tromba e orchestra"
  • "Tree Song" per violino e orchestra"
  • "3 pieces from Schindler's list" per violino e orchestra
  • "Concerto per clarinetto e orchestra"
  • "Concerto per tuba e orchestra"
  • "Escapades from "Catch me if you can" per sassofono contralto e orchestra" (2002)
  • "Concerto per corno e orchestra" (2003)

Il Maestro è anche autore di due sinfonie e un discreto numero di pezzi "programmatici" per orchestra, tra i quali i più celebri sono "Liberty Fanfare" e "America, the Dream Goes On", quest'ultima, per coro e orchestra, scritta per il bicentenario della nascita degli Stati Uniti.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • In una scena del film Le streghe di Eastwick Jack Nicholson fischietta il motivo del film. In realtà è Williams stesso che ha doppiato l'attore, poiché ci sarebbe voluto troppo tempo per insegnare a Nicholson il motivetto.
  • Nel parco di Boston è presente una sequoia, molto cara a Williams, tanto da comporre un brano in suo onore.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Oscar[modifica | modifica wikitesto]

John Williams, dal 2012 ottenendo due candidature nella stessa annata, è diventato la persona con più nomination sulle spalle, 51, secondo solo a Walt Disney con 59 nomination. Nel 2013 ottiene la sua quarantottesima candidatura per il film Lincoln di Steven Spielberg. Nel 2014 riceve la sua quarantanovesima candidatura grazie al film Storia di una ladra di libri. Nel 2016 e 2018 ottiene la sua cinquantesima e cinquantunesima candidatura rispettivamente per il film Star Wars: Il risveglio della Forza e Star Wars: Gli ultimi Jedi. Nel corso della sua carriera ha vinto 5 premi Oscar per la miglior colonna sonora, con l'adattamento del musical Il violinista sul tetto (1971), con Lo squalo (1975), Guerre stellari (1977), E.T. l'Extra-Terrestre (1982) e Schindler's List (1993).

Anno Categoría Film Evento
2018 Oscar miglior colonna sonora Star Wars: Gli ultimi Jedi Nomination
2016 Star Wars: il risveglio della Forza
2014 Storia di una ladra di libri
2013 Lincoln
2012 War Horse
2012 Le avventure di Tintin - Il segreto dell'Unicorno
2006 Memoria di una geisha
2006 Munich
2005 Harry Potter e il prigioniero di Azkaban
2003 Prova a prendermi
2002 Intelligenza artificiale
2002 Harry Potter e la pietra filosofale
2001 Il patriota
2000 Le ceneri di Angela
1999 Oscar miglior colonna sonora - Drammatico Salvate il soldato Ryan
1998 Amistad
1997 Sleepers
1996 Gli intrighi del potere
1996 Oscar miglior colonna sonora - Musical o commedia Sabrina
1996 Oscar miglior canzone Sabrina
1994 Oscar miglior colonna sonora Schindler's List Vincitore
1992 Oscar alla migliore colonna sonora JFK - Un caso ancora aperto Nomination
1992 Oscar miglior canzone Hook - Capitan Uncino
1991 Oscar miglior colonna sonora Mamma ho perso l'aereo
1991 Oscar miglior canzone Mamma ho perso l'aereo
1990 Oscar miglior colonna sonora Nato il quattro luglio
1990 Indiana Jones e l'ultima crociata
1989 Turista per caso
1988 L'impero del sole
1988 Le streghe di Eastwick
1985 Indiana Jones e il tempio maledetto
1985 Il fiume dell'ira
1984 Il ritorno dello Jedi
1983 Oscar miglior colonna sonora E.T. l'extra-terrestre Vincitore
1983 Oscar miglior canzone Yes, Giorgio Nomination
1982 Oscar miglior colonna sonora I predatori dell'Arca perduta
1981 L'Impero colpisce ancora
1979 Superman
1978 Incontri ravvicinati del terzo tipo
1978 Oscar miglior colonna sonora Guerre stellari Vincitore
1976 Lo squalo
1975 Oscar miglior colonna sonora - Drammatico L'inferno di cristallo Nomination
1974 Un grande amore da 50 dollari
1974 Oscar miglior colonna sonora - Adattamento Tom Sawyer
1974 Oscar miglior canzone Un grande amore da 50 dollari
1973 Oscar miglior colonna sonora - Drammatico Images
1973 L'avventura del Poseidon
1972 Oscar miglior colonna sonora - Adattamento Il violinista sul tetto Vincitore
1970 Oscar miglior colonna sonora - Drammatico Boon il saccheggiatore Nomination
1970 Oscar miglior colonna sonora - Adattamento Goodbye Mr. Chips
1968 La valle delle bambole

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c The John Williams Web Pages: Biography, su johnwilliams.org. URL consultato il 19 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2015).
  2. ^ (EN) Top 5 Most Famous Movie Themes from Composer John Williams - Free Stock Music, su Free Stock Music. URL consultato il 19 ottobre 2015.
  3. ^ The John Williams Web Pages: Academy Awards and Nominations, su johnwilliams.org. URL consultato il 19 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2009).
  4. ^ John Williams, su IMDb. URL consultato il 19 ottobre 2015.
  5. ^ John Williams, su kennedy-center.org. URL consultato il 19 ottobre 2015.
  6. ^ (EN) John Williams, su IMDb. URL consultato il 19 ottobre 2015.
  7. ^ John Williams, su IMDb. URL consultato il 19 ottobre 2015.
  8. ^ STAR WARS: tutte le musiche dei film in un grande concerto a Milano, su La Nouvelle Vague Magazine. URL consultato il 19 ottobre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN102340285 · ISNI (EN0000 0001 2347 9198 · LCCN (ENn80145169 · GND (DE129198536 · BNF (FRcb13901190f (data)