John Spencer, V conte Spencer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Right Honourable
Il Conte Spencer
KG PC
5th earl spencer.jpg

Lord presidente del Consiglio
Durata mandato 28 aprile 1880 – 19 marzo 1883
Capo di Stato regina Vittoria
Capo del governo William Ewart Gladstone
Predecessore Il duca di Richmond
Successore Lord Carlingford

Durata mandato 6 febbraio – 3 agosto 1886
Capo di Stato regina Vittoria
Capo del governo William Ewart Gladstone
Predecessore Il visconte di Cranbrook
Successore Il visconte di Cranbrook

Lord luogotenente d'Irlanda
Durata mandato 18 dicembre 1868 – 17 febbraio 1874
Capo di Stato regina Vittoria
Capo del governo William Ewart Gladstone
Predecessore Il duca di Abercorn
Successore Il duca di Abercorn

Durata mandato 4 May 1882 – 9 June 1885
Capo di Stato regina Vittoria
Capo del governo William Ewart Gladstone
Predecessore Il conte Cowper
Successore Il conte di Carnarvon

Dati generali
Partito politico Partito Liberale
Università Trinity College (Cambridge)

John Poyntz Spencer, V conte Spencer, KG PC (27 ottobre 183513 agosto 1910), noto come Visconte Althorp dal 1845 al 1857 e Red Earl a causa della sua inconfondibile lunga barba rossa, fu un politico britannico liberale sotto, e amico intimo, del primo ministro britannico William Ewart Gladstone. Fu per due volte lord luogotenente d'Irlanda.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Spencer era figlio di Frederick Spencer, IV conte Spencer, dalla sua prima moglie Georgiana, figlia di William Poyntz. Il famoso politico Whig John Spencer, III conte Spencer, era suo zio e Charles Spencer, VI conte Spencer, il suo fratellastro. Fu educato ad Harrow e al Trinity College di Cambridge, dove si laureò nel 1857.

Carriera politica, 1857–1885[modifica | modifica wikitesto]

Quasi immediatamente dopo aver lasciato Cambridge, Spencer fu eletto in parlamento per il South Northamptonshire, prima di partire per un tour del Nord America. Tornò nel dicembre 1857, e nel giro di pochi giorni suo padre morì, lasciandolo come nuovo conte Spencer. Divenne membro del Privy Council nel 1859[1]. Spencer si separò da altri eminenti liberali aristocratici nel 1866 sulla questione del conto della riforma di Russell, che sostenne, e la sua lealtà fu premiata con la sua nomina a Lord luogotenente d'Irlanda quando Gladstone tornò al potere nel 1868. L'Irlanda divenne una delle principali preoccupazioni del resto della lunga carriera politica di Spencer. In questo primo incarico come Lord Luogotenente, ha dovuto occuparsi dell'attuazione dello smantellamento della Chiesa d'Irlanda nel 1869 e dell'Irish Land Act del 1870, entrambe le misure che ha fortemente sostenuto. Spencer, infatti, andò oltre la maggior parte dei suoi colleghi ministeriali, incluso lo stesso Gladstone, nel sostenere la creazione di tribunali governativi per far rispettare gli affitti equi ai proprietari terrieri irlandesi.

Spencer, insieme ai successivi segretari principali, Chichester Fortescue e il cugino di Spencer, Lord Hartington, sostenne una legislazione coercitiva per far fronte all'aumento del crimine agrario, ma allo stesso tempo sostenne una politica di rilascio dei prigionieri Feniani quando possibile. Spencer ha anche avuto a che fare durante il suo mandato con l'Irish Universities Bill di Gladstone. Quando Gladstone tornò al potere per il suo secondo governo nel 1880, Spencer si unì al Consiglio dei Ministri come Lord Presidente del Consiglio, avendo la responsabilità della politica educativa, ed era parzialmente responsabile di diverse importanti riforme educative del periodo. La situazione sempre più tesa in Irlanda, tuttavia, comandava una porzione crescente del tempo di Spencer. Nel maggio 1882, la decisione di Gladstone di liberare il capo nazionalista irlandese Charles Stewart Parnell dalla prigione portò alle dimissioni del capo segretario per l'Irlanda, William Edward Forster. Di conseguenza, Spencer, pur mantenendo il suo posto nel governo e la sua posizione, fu nuovamente nominato Lord Luogotenente come responsabile della politica irlandese del governo.

Spencer e il suo nuovo capo segretario, il nipote di Gladstone e il fratello di Hartington, Lord Frederick Cavendish, si sono recati in Irlanda il 5 maggio, ma Cavendish e il sottosegretario permanente, Thomas Henry Burke, sono stati uccisi dai nazionalisti estremisti irlandesi il ​​giorno successivo a Phoenix Park, a Dublino, mentre si recavano verso il Viceregal Lodge dove si trovava Spencer. Spencer, assistito da George Trevelyan, il suo nuovo segretario, si trovò ora di fronte al difficile compito di pacificare l'Irlanda. Spencer agì rapidamente per riformare le forze di polizia irlandesi e distruggere le società segrete che erano state responsabili degli omicidi. Ha attirato alcune critiche per la sua gestione di un gruppo di omicidi a Maamtrasna - uno dei presunti criminali, Myles Joyce, era stato impiccato mentre proclamava ancora la sua innocenza, portando a una grande quantità di condanna di Spencer da fonti nazionaliste irlandesi. La fine del secondo mandato di Spencer come viceré vide la fortunata visita del principe e della principessa di Galles in Irlanda, ma gli sforzi di Spencer per far accettare alla regina la creazione di una residenza reale in Irlanda non ebbero successo.

Carriera politica, 1885–1905[modifica | modifica wikitesto]

Rifle Volunteers[modifica | modifica wikitesto]

Altre cariche[modifica | modifica wikitesto]

Cortigiano[modifica | modifica wikitesto]

Spencer servì, per la maggior parte del periodo 1859-1866, nella casa reale, come stalliere prima del principe Alberto e poi del principe di Galles. Nel 1876 ospitò l'imperatrice Elisabetta d'Austria che era arrivata nel Northamptonshire per una partita di caccia. L'imperatrice alloggiò a Easton Neston, che aveva affittato tramite sua sorella, l'ex regina Maria Sofia delle Due Sicilie.

Vita familiare[modifica | modifica wikitesto]

Charlotte, Contessa Spencer (1835–1903) ritratta da Louis William Desanges

Lord Spencer sposò Charlotte Seymour, figlia di Frederick Charles William Seymour e nipote di Lord Hugh Seymour, l'8 luglio 1858. Il matrimonio fu senza figli. Lady Spencer morì nell'ottobre 1903, all'età di 68 anni. Spencer morì ad Althorp nell'agosto 1910, all'età di 74 anni, e fu succeduto dal suo fratellastro, Charles.

Nel 1864, Spencer, come lord of the manor of Wimbledon attraverso la sua proprietà di Wimbledon House, cercò di ottenere proposta di legge[2] per recintare Wimbledon Common per la creazione di un nuovo parco con una casa e giardini e per vendere parte per la costruzione. Per una decisione importante riguardo alla common land inglese, e dopo un'indagine, il permesso fu rifiutato e istituito un comittao di conservatori nel 1871[3][4] per assumere la proprietà del terreno e conservarlo nella sua condizione naturale.

Maniera di appellarsi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1835-1845: Mr John P. Spencer
  • 1845-1857: Visconte Althorp
  • 1857: Visconte Althorp MP
  • 1857-1859: The Right Honourable Il conte Spencer
  • 1859-1865: The Right Honourable Il conte Spencer PC
  • 1865-1910: The Right Honourable Il conte Spencer KG PC

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 22283, 8 July 1859.
  2. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 22915, 25 November 1864.
  3. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 23682, 25 November 1870.
  4. ^ (EN) The London Gazette (PDF), nº 23768, 18 August 1871.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ian F.W. Beckett, Riflemen Form: A study of the Rifle Volunteer Movement 1859–1908, Aldershot: Ogilby Trusts, 1982, ISBN 0 85936 271 X.
  • Gordon, Peter, "Spencer, John Poyntz, fifth Earl Spencer (1835-1910)," Oxford Dictionary of National Biography, 2004-2007.
  • Lt-Col Russell Gurney, History of the Northamptonshire Regiment 1742–1934, Aldershot: Gale & Polden, 1935.
  • Ray Westlake, Tracing the Rifle Volunteers, Barnsley: Pen and Sword, 2010, ISBN 978-1-84884-211-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN54160187 · ISNI (EN0000 0001 1063 0370 · LCCN (ENn83216958 · GND (DE117492043 · BNF (FRcb12019688q (data)