John Conway

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
John Conway (2005)

John Horton Conway (Liverpool, 26 dicembre 1937Princeton, 11 aprile 2020) è stato un matematico e accademico inglese, noto per i suoi risultati in settori di ricerca quali teoria dei gruppi, teoria dei giochi, teoria dei nodi, teoria dei numeri, impacchettamento di sfere. Autore di brillanti libri di divulgazione matematica, fornì contributi a molti rami della matematica ricreativa e creò il noto "Gioco della vita" [1].

Fu anche autore dell'algoritmo Doomsday, un metodo di calcolo del giorno della settimana di una determinata data, passata o futura.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Liverpool, Conway trascorse metà della sua carriera accademica all'Università di Cambridge prima di trasferirsi negli Stati Uniti, nel New Jersey, dove occupò il posto di John von Neumann all'Università di Princeton fino al pensionamento.[2][3][4][5][6][7]

Nel 2000 ricevette il Premio Leroy P. Steele per l'insegnamento della matematica.

È morto l'11 aprile 2020 all'età di 82 anni, a causa della pandemia di COVID-19[8].

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Regular machines and regular languages, 1970
  • On numbers and games, 1976
  • con Elwyn R. Berlekamp e Richard K. Guy, Winning ways for your mathematical plays 2 volumi (1982)
  • con Neil J. A. Sloane, Sphere packings, lattices and groups (1988)
  • con Richard K. Guy, The book of numbers (1982)
  • con Richard K. Guy, Il libro dei numeri (Titolo originale: The book of numbers, Milano, Hoepli (casa editrice), 1999, SBN IT\ICCU\VIA\0072684.
  • con Derek Alan Smith, On Quaternions and Octonions (2003)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Catherine Zandonella, Mathematician John Horton Conway, a ‘magical genius’ known for inventing the ‘Game of Life,’ dies at age 82, in Princeton University, 14 aprile 2020. URL consultato il 15 aprile 2020.
  2. ^ (EN) J. H. Conway, R. H. Hardin e N. J. A. Sloane, 2, in Packing Lines, Planes, etc.: Packings in Grassmannian Spaces, Experimental Mathematics, vol. 5, 1996, 139.
  3. ^ (EN) J. H. Conway e N. J. A. Sloane, 6, in A new upper bound on the minimal distance of self-dual codes, IEEE Transactions on Information Theory, vol. 36, 1990, 1319.
  4. ^ (EN) J. H. Conway e N. J. A. Sloane, Self-dual codes over the integers modulo 4, in Journal of Combinatorial Theory, Series A, vol. 62, 1993, 30–45.
  5. ^ (EN) J. Conway e N. Sloane, 2 (PDF), in Fast quantizing and decoding and algorithms for lattice quantizers and codes, IEEE Transactions on Information Theory, vol. 28, 1982, 227.
  6. ^ (EN) J. H. Conway e J. C. Lagarias, 2, in Tiling with polyominoes and combinatorial group theory, Journal of Combinatorial Theory, Series A, vol. 53, 1990, 183.
  7. ^ (EN) John Horton Conway, in MacTutor History of Mathematics archive.
  8. ^ Roberto Natalini, Il matematico John Horton Conway è morto di Covid-19 all’età di 82 anni, Societa di Matematica Applicata e Industriale, 11 aprile 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN108718238 · ISNI (EN0000 0001 2018 8504 · SBN IT\ICCU\RMSV\001271 · LCCN (ENn82119161 · GND (DE119529289 · BNF (FRcb12298169t (data) · NLA (EN36557530 · NDL (ENJA00863294 · WorldCat Identities (ENlccn-n82119161