John Benbow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di John Benbow eseguito da Godfrey Kneller nel 1701 su commissione della regina Anna di Gran Bretagna per celebrare gli ammiragli che prestarono servizio durante il suo regno.

John Benbow (10 marzo 16534 novembre 1702) è stato un ammiraglio inglese, figlio di un conciatore di Shrewsbury (Shropshire), entrò in marina quando era ancora molto giovane nel 1678 a bordo della HMS Rupert.

Nel 1686, mentre era alla guida di una nave di sua proprietà lungo le rotte commerciali del Mediterraneo, venne assalito da alcuni pirati provenienti da Salli, un porto lungo la costa atlantica del Marocco che riuscì a sconfiggere grazie al suo coraggio e alla sua capacità militare, che gli permisero di scalare presto le gerarchie militari sotto il regno di Guglielmo III dopo essere rientrato in servizio nella marina militare inglese con il grado di colonnello, anche grazie all'aiuto del suo mentore, l'ammiraglio Arthur Herbert, Conte di Torrington.

Durante la Guerra dei Nove Anni prese parte al bombardamento di Saint-Malo nel 1693 e sovrintese il blocco di Dunkerque nel 1696. Nel 1698 ebbe l'incarico di salpare per le Indie Occidentali alla guida di una missione per recuperare due navi requisite dagli Spagnoli ai colonizzatori scozzesi nel Golfo di Darién vicino a Panama. Dopo aver compiuto la missione con successo venne promosso al rango di Vice-Ammiraglio e venne spesso inviato in missione per conto della corona, fino a quando nel 1701 fu nominato Comandante in Capo della flotta delle Indie Occidentali.

Nel corso della Guerra di successione spagnola il 19 agosto 1702, mentre era al comando di sette navi incrociò ed affrontò quattro vascelli francesi comandati dall'ammiraglio e bucaniere francese Jean du Casse, nei pressi del porto di Santa Marta in Colombia. La battaglia che ne seguì risultò essere una delle pagine più nere della storia della marina militare britannica, a causa dell'ammutinamento dei capitani di Benbow, che venne lasciato solo a combattere sulla sua nave ammiraglia HMS Breda. Nonostante venisse gravemente ferito alla gamba destra, Bnebow continuò a guidare la battaglia per tutta la notte e si diede all'inseguimento delle navi del suo avversario fino al mattino successivo, quando rendendosi conto di non esserne in condizioni, rinunciò alla cattura delle navi francesi. Dopo il suo ritorno in Giamaica, due dei suoi capitani insubordinati vennero sottoposti a corte marziale e condannati alla fucilazione.

Dopo aver subito l'amputazione della gamba ferita, Benbow morì per i postumi dell'operazione il 4 novembre 1702, e venne sepolto nella Chiesa Parrocchiale di Kingston, Caraibi. Egli divenne subito una leggenda come esempio di coraggio e determinazione. Sull'episodio della battaglia nacque anche una celebre canzone diffusa nell'ambiente navale dell'epoca ed in seguito ben due navi da battaglia vennero dedicate al suo nome. Benbow venne commemorato anche dallo scrittore Robert Louis Stevenson che nel suo celebre L'isola del tesoro chiamò la locanda dove vivono Jim Hawkins e sua madre con il nome di Admiral Benbow.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arthur B. Erekson, A History of John Benbow, 1987.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77113710 · ISNI (EN0000 0000 7375 7136 · LCCN (ENn88009330 · GND (DE118882279 · BNF (FRcb166377546 (data) · CERL cnp00541213