John Bassett Trumper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

John Bassett Trumper (Cardiff, 31 marzo 1944) è un linguista gallese. Esperto di dialettologia romanza, sociolinguistica, linguistica storica, etnolinguistica, linguistica applicata e giudiziaria, è considerato uno dei massimi studiosi di dialetti italo-romanzi.

John Bassett Trumper

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in lingue (lingua quadriennale: italiano, lingua biennale: romeno) nel 1970 presso lo University College di Londra, ove ebbe come maestri Carlo Dionisotti, Anna Laura Lepschy e Roberto Weiss, già alla fine degli anni '60 iniziò a compiere dei viaggi studio in Italia e Romania. A Padova fu notato da Carlo Tagliavini, che, preparando la quinta edizione del suo manuale Le origini delle lingue neolatine, proprio al giovane linguista gallese si affidò per ragguagli e informazioni tanto sul sostrato celtico negli idiomi romanzi quanto sui prestiti latini nelle lingue celtiche[1].

Professore incaricato di Fonetica presso l'Università della Calabria dal 1973 al 1976, insegnò altresì Filologia germanica a Padova dal 1976 al 1980 e fonetica a a Pavia dal 1977 al 1979. Nel 1980 divenne ordinario di Glottologia e Linguistica generale all'Unical, incaricato che ha mantenuto fino al suo collegamento a riposo nel 2014.

Precursore in Italia degli studi di sociolinguistica variazionale e, assieme a Giorgio Raimondo Cardona e Maurizio Gnerre, di etnolinguistica, Trumper, che a Londra era stato avviato alla fonetica dagli allievi del celebre Daniel Jones (linguista), fu nominato perito fonico-glottologico di parte in due dei più importanti processi degli Anni di piombo: il primo riguardante la Strage di Peteano, il secondo sul rapimento e l'uccisione di Aldo Moro. In entrambi i casi, le sue perizie, modello di sociolinguistica giudiziaria, si rivelarono decisive per il corso delle indagini[2].

È membro della Società Italiana di Glottologia (SIG) e dell'Associazione Italiana di Acustica.

Poliglotta, parla correntemente cimrico, inglese, francese, romeno, albanese, italiano e vari dialetti italo-romanzi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tagliavini, Carlo. 1969. Le origini delle lingue neolatine. Bologna: Pàtron, p. XIII.
  2. ^ https://ilmanifesto.it/anni-settanta-le-voci-di-dentro-delle-cronache-giudiziarie/.