John Ball (prete)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Ball incoraggia i ribelli, illustrazione da un manoscritto quattrocentesco delle Chroniques di Jean Froissart

John Ball (St. Albans, 133815 luglio 1381) è stato un presbitero inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

John Ball nacque a St. Albans, divenendo prete nella chiesa di St James in Colchester; a causa dei suoi sermoni che mettevano in discussione il sistema feudale del tempo venne rimosso dall'incarico nel 1366. Ball incominciò a predicare in varie chiese locali: mentre predicava a Norfolk, il vescovo di Norwich ordinò il suo imprigionamento. Dopo essere stato però rilasciato, andò nelle contee di Essex e Kent. Quando l'arcivescovo di Canterbury Simon Sudbury venne a conoscenza del fatto, ordinò che a Ball non fosse più permesso di predicare in chiesa. Il predicatore allora cominciò a pronunciare le sue orazioni sui prati al centro dei villaggi; l'arcivescovo di Canterbury ordinò quindi che chiunque fosse trovato ad ascoltare i suoi sermoni fosse punito. A causa dell'inefficacia di questo provvedimento John Ball fu incarcerato nella prigione di Maidstone.

John Ball aveva fatto scoppiare delle ribellioni fra i cittadini inglesi a causa dello schiavismo da parte dei nobili.

Il 7 giugno 1381 Ball fu liberato dalla prigione da alcuni ribelli comandati da Wat Tyler. Dopo il saccheggio del palazzo dell'Arcivescovo di Canterbury, i ribelli cominciarono la loro marcia su Londra. Ball era assieme a Tyler quando portò avanti i negoziati con Riccardo II a Mile End sette giorni dopo la liberazione del prete. Il giorno seguente Tyler fu ucciso da William Walworth ed i ribelli, in seguito alla concessione di uno statuto da parte del re, accettarono di abbandonare Londra. Un esercito, comandato da Thomas di Woodstock, fu mandato nell'Essex per reprimere i ribelli: Ball fu catturato a Coventry. Giudicato colpevole di alto tradimento, John Ball fu impiccato e successivamente smembrato il 15 luglio 1381.

Secondo Jean Froissart, John Ball era un pazzo che creò scompiglio nell'Inghilterra.

Controllo di autoritàVIAF (EN18019526 · LCCN (ENnr88010187 · GND (DE118849069 · CERL cnp00540206